Seguici sui social

Armenia

Destabilizzatore regionale: chi sono le vittime dei fucili d'assalto armeni perduti?

SHARE:

Pubblicato il

on

L’esercito armeno è riuscito in qualche modo a perdere 17,000 fucili d’assalto. Non è uno scherzo, secondo secondo il ministro armeno degli affari interni dell'Armenia Vahe Ghazaryan questa quantità di armi d'assalto manca dagli arsenali. La principale arma d’assalto dell’esercito armeno sono i fucili Kalashnikov di produzione russa – scrive Sarah Miller.

È difficile comprendere questo numero: 17000. Immagina: sono armi sufficienti per armare tre brigate e mezza di fanteria! L’intero esercito armeno conta 65mila persone, quindi le armi mancanti sarebbero sufficienti per un quarto del suo personale. Se fossero adeguatamente imballati, si tratterebbe di oltre 1400 scatole piuttosto grandi e pesanti (con 12 fucili ciascuna), che richiederebbero più di 10 camion militari per essere spostate.


Secondo Ghazaryan, le armi sono scomparse dopo la cosiddetta guerra dei 44 giorni alla fine del 2020, quando l’Azerbaijan ha liberato gran parte della regione del Karabakh occupata dall’Armenia. Non andarono perduti durante la guerra, né furono catturati dalle truppe nemiche: i fucili d'assalto andarono perduti dopo il conflitto.


Anche Ghazaryan noto di essere “preoccupato per la questione relativa alle armi e munizioni”, in quanto potrebbe avere “potenziali conseguenze per la sicurezza e la stabilità regionale”. Quindi mancano anche le munizioni, e nessuno sa quante.

Se le armi venissero rubate dalla popolazione locale, qualsiasi rivolta dei cittadini rischia di trasformarsi in un pasticcio sanguinoso e di far crollare lo Stato. Ma considerando la situazione politica in Armenia e le ricorrenti proteste di massa che non si sono trasformate in insurrezioni armate, probabilmente le armi non si trovano più nel paese. Nascondere 17mila fucili d’assalto sarebbe difficile in un paese delle dimensioni dell’Armenia.


Dove sono queste armi adesso? Sicuramente non hanno lasciato l’Armenia attraverso i confini turchi, georgiani o azeri. C’è solo un paese vicino che è molto interessato all’acquisto di armi in qualsiasi parte del pianeta: l’Iran. Essendo il principale sostenitore di varie organizzazioni terroristiche, Teheran fornisce loro regolarmente armamenti leggeri e pesanti.

I fucili d’assalto di produzione russa hanno un valore aggiunto. In realtà non sono rintracciabili. L'Iran produce i propri analoghi del Kalashnikov: i fucili KLF o KLS. Ma sono facilmente identificabili dalle lievi differenze di progettazione, dalla bassa qualità generale, dai segni di fabbricazione e dai segni di selezione del fuoco sulle armi. È preferibile fornire armi di fabbricazione russa agli Houthi, Hezbollah o Hamas: nessuno sa da dove provengano esattamente, poiché i simboli russi possono essere trovati in molti posti.


L'Armenia, essendo oggi un paese importante parte di un asse iraniano-russo, grazie al pronto aiuto di Yerevan aggirare le sanzioni, è un posto probabile per ottenere tali armi.

Immaginate che i Kalashnikov “dispersi” dalle scorte militari armene dal 2020 potrebbero aver raggiunto Hamas e potrebbero essere stati utilizzati nell’attacco del 7 ottobre.th massacro in Israele.

Un anno fa, la propaganda russa promuoveva attivamente la narrazione secondo cui le armi inviate in Ucraina sarebbero finite in mani criminali. Le accuse erano che centinaia di armi da fuoco sarebbero state vendute a diverse bande nell'Europa orientale. Ci fu un grande polverone nei media a riguardo, anche se le prove erano piuttosto vaghe. Naturalmente è del tutto plausibile che i criminali possano procurarsi armi da una zona di guerra.

Ma sorprendentemente non si tratta dei 17mila fucili d’assalto scomparsi in un paese confinante con l’Iran, il più grande fornitore conosciuto di armi ai terroristi di tutto il mondo.

Immagine: Thomas Tucker.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending