Seguici sui social

Commissione europea

Non proprio libera circolazione offerta al Regno Unito per studenti e giovani lavoratori

SHARE:

Pubblicato il

on


La Commissione europea propone di negoziare un accordo con il Regno Unito per consentire ai cittadini dell’UE di età compresa tra i 18 e i 30 anni di vivere, lavorare e studiare nel Regno Unito per un massimo di quattro anni. I giovani cittadini britannici potrebbero trasferirsi in uno stato membro dell’UE sulla stessa base. Si tratta di un tentativo da parte della Commissione di anticipare eventuali accordi bilaterali tra il Regno Unito e i singoli Stati membri, ma ha anche innescato una nuova ondata di paranoia politica britannica sulla libertà di movimento, che ha giocato un ruolo significativo nella decisione del Regno Unito di lasciare l’UE. , scrive il redattore politico Nick Powell.

La Commissione ha presentato la sua proposta al Consiglio europeo come un potenziale “accordo per facilitare la mobilità dei giovani”, evitando accuratamente l'espressione “libertà di movimento”. La motivazione è spiegata come il desiderio di affrontare il fatto che il ritiro del Regno Unito dall'UE ha influito negativamente sulle opportunità per i giovani di sperimentare la vita dall'altra parte della Manica e di beneficiare di opportunità giovanili, culturali, educative, di ricerca. e scambi formativi.

La Commissione lo vede come un modo per migliorare le relazioni interpersonali danneggiate dalla Brexit senza ripristinare la libertà di movimento, che considera un privilegio che il Regno Unito era destinato a perdere quando lasciò l’UE (o più precisamente lo Spazio economico europeo). ). Ciò che non vuole è un altro tentativo da parte del Regno Unito di fare una “scelta selettiva”, concordando accordi bilaterali sulla mobilità giovanile con gli Stati membri favoriti, sulla falsariga degli accordi che ha già raggiunto con 10 paesi extra-UE, tra cui l’Australia, Nuova Zelanda, Canada e Giappone.

Sembra certo che la tempistica significhi che la Commissione vede un'opportunità nella forte probabilità che il governo conservatore del Regno Unito perda le elezioni entro la fine dell'anno. Quando il mandato negoziale sarà concordato, il partito laburista britannico potrebbe essere al potere.

Il partito laburista ha mostrato interesse affinché il Regno Unito aderisca nuovamente a Erasmus+, il programma che finanzia opportunità di istruzione e formazione per i giovani che si spostano tra i paesi europei. La Commissione suggerisce che un accordo UE-Regno Unito sulla mobilità giovanile “potrebbe essere utilmente supportato da una discussione parallela sulla possibile associazione del Regno Unito a Erasmus+”.

La reazione del partito laburista non è stata positiva, considerando almeno i tempi inutili. Ha intenzione di presentarsi alle elezioni promettendo una maggiore cooperazione e migliori relazioni con l'UE, ma con tre “linee rosse”. Escludono il ritorno al mercato unico, all’unione doganale o alla libera circolazione delle persone. Anche se i sondaggi suggeriscono che i potenziali elettori laburisti che hanno sostenuto la Brexit e non se ne pentono rappresentano una parte sempre più ridotta dell’elettorato, il partito è determinato a non allarmarli.

La maggior parte della stampa britannica è normalmente pro-conservatrice e pro-Brexit. L'affidabile Tory Daily Telegraph ha debitamente segnalato la proposta della Commissione in quanto il leader laburista dell'UE, Sir Keir Starmer, è stato 'tentatore'. Un portavoce del partito ha ribadito che cercherà di migliorare le relazioni tra Regno Unito e UE “entro le nostre linee rosse” e ha sottolineato le sue idee per ridurre i controlli veterinari nei porti e per allentare le restrizioni sui tour di musicisti e altri artisti.

pubblicità

Ma il portavoce ha anche affermato che “il Labour non ha piani per un programma di mobilità giovanile”. Naturalmente, la mancanza di tale proposta nel programma elettorale non esclude che il governo possa essere aperto all’idea una volta al governo. Potrebbe essere un modo interessante per fare la differenza con un costo finanziario contenuto.

A quel punto anche il prezzo politico potrebbe essere piccolo. La maggior parte della fascia di età che ne avrebbe beneficiato era troppo giovane per votare al referendum del 2016 e molti di loro sono furiosi per il fatto che gli sia stato negato il diritto di vivere, studiare e lavorare nell’UE.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending