Seguici sui social

NATO

“Nessuna violenza o intimidazione” può bloccare il percorso della NATO dell'Ucraina

SHARE:

Pubblicato il

on

Intervenendo alla Conferenza NATO Open Door di Helsinki, il vice segretario generale della NATO Mircea Geoană ha accolto con favore la disponibilità dell'Ucraina ad aderire alla NATO e ha affermato che “la porta della NATO rimane aperta” e “nessuna violenza o intimidazione potrà fermarlo”. Le ambasciate di Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia hanno organizzato l'evento, in collaborazione con l'Istituto finlandese per gli affari internazionali e il Consiglio atlantico della Finlandia, per celebrare il ventesimo anniversario dell'adesione dei loro paesi alla NATO .

Nel suo discorso virtuale, Geoană ha affermato che non poteva pensare a un paese ospitante migliore della Finlandia per parlare della politica delle porte aperte della NATO. “Insieme alla Svezia, il nostro nuovo membro, avete mostrato al mondo cosa significa libertà”, ha detto, aggiungendo che il presidente Putin ha fallito nel suo tentativo di “chiudere la porta della NATO”.

Il vice segretario generale ha sottolineato che l'Ucraina, come altri paesi dell'Europa centrale e orientale e dei paesi baltici, ha scelto la strada per l'adesione alla NATO. Dal 1949, la NATO è passata da dodici a trentadue membri e continuerà a “costruire un ponte affinché l’Ucraina possa unirsi alla nostra grande Alleanza”, in vista del vertice di Washington di luglio.  

Il Vice Segretario Generale ha sottolineato che la politica delle porte aperte della NATO ha portato nell'alleanza più forze, più capacità e più persone dotate di capacità e competenze. "Gli alleati della NATO dal Baltico al Mar Nero contribuiscono in modo significativo alla sicurezza collettiva della NATO", ha affermato, sottolineando che questi paesi contribuiscono anche all'ecosistema di innovazione della NATO, compresi i centri di test e i siti di accelerazione che fanno parte del Defense Innovation Accelerator for the North Atlantic (DIANA) della NATO ).

Il giorno precedente Mircea Geoană aveva visitato il quartier generale del Comando marittimo alleato (MARCOM) a Northwood, vicino a Londra, dove aveva incontrato il comandante del MARCOM, il vice ammiraglio Mike Utley e altri membri chiave dello staff. I colloqui tra il Vice Segretario Generale e il Comandante si sono concentrati sull'importanza del MARCOM nei nuovi piani di difesa della NATO e sul ruolo cruciale del comando nel mantenere aperte le vie marittime tra il Nord America e l'Europa.

Dopo i recenti danni alle infrastrutture sottomarine del Mar Baltico, hanno anche discusso di come le marine alleate e le nuove tecnologie possano proteggere meglio le infrastrutture sottomarine e del ruolo dell'Alleanza nella protezione di cavi e condutture sottomarine. Geoană ha inoltre sottolineato la necessità di un continuo sostegno occidentale all’Ucraina, affermando che il costo per consentire alla Russia di prevalere sarebbe di gran lunga maggiore del costo per sostenere l’Ucraina ora.

Il Vice Segretario Generale e il Comandante hanno inoltre discusso dell’evoluzione delle tecnologie missilistiche e dei droni, nonché di come la NATO possa adattarsi meglio al ruolo dell’intelligenza artificiale nella guerra moderna. Avvertendo che l'Alleanza si trova ad affrontare le più grandi sfide alla sicurezza di una generazione, Geoană ha sottolineato il ruolo centrale di MARCOM nella protezione di un miliardo di persone della NATO.

pubblicità

Ha concluso il suo viaggio con un discorso di apertura alla terza edizione della conferenza annuale della NATO sulla difesa aerea e missilistica integrata (IAMD) a Londra. La conferenza di quest'anno si è concentrata sui risultati del vertice di Washington, sulle lezioni apprese dalla guerra contro l'Ucraina e sull'adattamento dell'IAMD della NATO dopo il vertice.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending