Seguici sui social

Tabacco

Perché la politica dell’UE sul controllo del tabacco non funziona

SHARE:

Pubblicato il

on

Il 65% dei fumatori nell’Unione Europea ritiene che i decisori europei non considerino l’impatto sui fumatori quando decidono norme e regolamenti sui prodotti contenenti tabacco e nicotina. Inoltre, il 66% degli adulti della popolazione generale in tutta Europa concorda sul fatto che organizzazioni come l’UE e l’OMS dovrebbero concentrarsi maggiormente sulla riduzione del danno incoraggiando i fumatori a utilizzare prodotti meno dannosi piuttosto che cercare di eliminare del tutto l’uso del tabacco, scrive il redattore politico Nick Powell.

I risultati di un nuovo sondaggio pubblicato da Povaddo rivelano che esiste un’ampia accettazione tra gli europei del fatto che le alternative senza fumo, come le sigarette elettroniche e il tabacco riscaldato, sono modi ragionevoli per smettere di fumare e che l’UE dovrebbe considerare attentamente l’impatto di eventuali tasse sui loro. Due terzi (66%) degli adulti intervistati in Europa ritengono che i fumatori possano essere incoraggiati a passare ad alternative scientificamente provate tassando questi prodotti a un’aliquota inferiore rispetto alle sigarette ma comunque sufficientemente elevata da scoraggiarne l’uso da parte dei giovani o dei non fumatori.

Condotto dalla società indipendente di ricerca sull’opinione pubblica Povaddo per Philip Morris International (PMI), il sondaggio su oltre 14,000 adulti in 13 Stati membri dell’UE e in Ucraina mostra come gli europei abbiano opinioni forti su come questi prodotti dovrebbero essere trattati dai governi, sia a livello livello nazionale e nell’UE nel suo insieme:

o I fumatori adulti dovrebbero ricevere informazioni accurate e scientificamente fondate sul fatto che le alternative alle sigarette senza fumo sono meno rischiose rispetto a continuare a fumare, anche se queste alternative non sono prive di rischi (69%).

o I governi possono contribuire a migliorare la salute pubblica sostenendo politiche che incoraggino i fumatori adulti che non smettono del tutto a passare ad alternative innovative senza fumo che potrebbero essere meno dannose rispetto al fumo continuativo (67%).

o L'UE dovrebbe dedicare tempo e risorse allo sradicamento del fumo incoraggiando tutti i fumatori a smettere completamente o a passare a un'alternativa meno rischiosa scientificamente provata (67%).

"I risultati di questo sondaggio suggeriscono che esiste una disconnessione tra i politici ed i cittadini che governano e rappresentano quando si tratta di politica del tabacco", ha affermato il presidente di Povaddo, William Stewart. “L’approccio politico dell’UE sembra più focalizzato su un obiettivo irrealistico, lo sradicamento completo dell’uso di nicotina”.

pubblicità

Al contrario, mi ha detto, il pubblico in tutta Europa è ampiamente ricettivo al concetto di riduzione del danno da tabacco, all’idea di allontanare le persone dalle sigarette verso alternative meno dannose scientificamente provate, come le sigarette elettroniche, le bustine di nicotina orale o il tabacco riscaldato. prodotti.

Il problema riguarda i policy maker. “Lo vedono come una situazione aut-aut, o fumi o non fumi. Questo è un modo di pensare decisamente obsoleto perché c'è qualcosa nel mezzo, ci sono prodotti alternativi… che 20 anni fa non erano disponibili. Man mano che il pubblico apprende sempre di più su questi prodotti, è infatti molto ricettivo all'idea di incoraggiare semplicemente [i fumatori] a smettere di fumare il prodotto che sa essere il più dannoso, ovvero le sigarette”.

L’indagine ha inoltre misurato l’atteggiamento nei confronti del commercio illecito di sigarette di contrabbando e contraffatte, spinto dall’attrazione di eludere l’elevata tassazione. Nei diversi paesi dell’UE esaminati, il 60% delle persone considera il commercio illecito come un problema all’interno del proprio paese.

“Il pubblico capisce lo scherzo del commercio illecito”, mi ha detto William Stewart. Sanno che il commercio illecito rende più difficile la riduzione complessiva del tasso di fumo, in realtà non fa nulla per proteggere i giovani dal fumo, sanno che può causare criminalità e problemi di sicurezza”.

Dei quattordici paesi esaminati, cinque si distinguono per essere i più propensi ad affermare che il loro paese ha un problema con il commercio illecito: Grecia, Lituania, Croazia, Romania e Francia. I francesi in particolare hanno ragione a notare che il loro paese ha un problema che sta sfuggendo al controllo.

“La Francia è davvero la figlia problematica dell’Europa per quanto riguarda la questione del commercio illecito. Stanno perdendo una quantità assolutamente enorme di entrate fiscali”, ha spiegato William Stewart. Nel 2021 si è registrato un aumento del 33% del consumo di sigarette contraffatte, il più alto nell’Ue.

“La Francia rimane il più grande mercato illecito nell’UE con un consumo totale di 15 miliardi di sigarette illecite consumate. Rappresenta il 29% del consumo totale di sigarette, nel 13 era solo il 2017%. Vale la pena richiamare l'attenzione sulla Francia perché è un paese più grande con un'economia più grande e quindi si presenta davvero particolarmente problematico", ha aggiunto.

Ha descritto la Francia come un paese che sembra aver perso di vista i suoi obiettivi di politica del tabacco, poiché i ministri “continuano ad applicare tasse più alte di volta in volta”, presumibilmente sia per aumentare le entrate che per ridurre i tassi di fumo. “Non stanno ottenendo nessuno di questi risultati. I tassi di fumo non stanno diminuendo e poiché il mercato illecito sta diventando più ampio, non stanno davvero raccogliendo alcun beneficio dalle maggiori entrate fiscali.

“La questione del tabacco, lo ammetto pienamente, non è in cima ai radar della gente. Non è qualcosa a cui pensano molto spesso, ma ciò non significa che non sia una questione importante. È facile per i legislatori e i decisori trascurare l’atteggiamento del pubblico sulla questione perché non sono molto espliciti al riguardo.

“Essere fortemente anti-tabacco e pensare di poter ottenere punti politici su questo è un pensiero politico molto obsoleto. In generale in questo c’era del vero, forse 20 anni fa. C’era molta animosità e ostilità nei confronti dell’industria del tabacco, sicuramente negli anni ’1990, forse all’inizio degli anni 2000… che è passata a una maggiore ambivalenza”.

Il problema, ha ribadito William Steward, è che il pensiero dei leader politici non è stato aggiornato. “Sono bloccati nel passato di due decenni, convinti che essere anti-tabacco farà guadagnare loro punti politici. La realtà è che l’opinione pubblica è piuttosto aperta alla necessità di adottare una sorta di approccio diverso alla politica sul tabacco.

“Ci sono un miliardo di fumatori sul pianeta e la realtà è che un miliardo di persone non smetteranno di fumare in nessun momento della nostra vita. Dobbiamo cercare soluzioni e approcci alternativi.

Secondo lui i prodotti alternativi sono l'unica via praticabile sia per ottenere i benefici per la salute derivanti dalla riduzione del fumo di sigaretta sia per contrastare il commercio illecito. “Una volta che le persone inizieranno a consumare un prodotto a un prezzo inferiore, come farai a riportarle sul mercato legale? Parliamo di sigarette soprattutto quando parliamo di mercato illecito, se si potessero incoraggiare alternative più o meno dannose, dove c'è qualche differenza fiscale, ci potrebbe essere qualche speranza”.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending