Seguici sui social

La ricerca medica

In che modo le zone di conflitto guidano l'innovazione medica

SHARE:

Pubblicato il

on

Conflitti su larga scala come la guerra in Ucraina o gli eventi di Gaza non si vedevano in Eurasia dalla devastazione della Seconda Guerra Mondiale, con varie stime che suggeriscono un bilancio delle vittime già pari a centinaia di migliaia e oltre un milione di feriti in tutto il mondo. lati.

Tuttavia, i precedenti storici sottolineano la significativa influenza delle atrocità belliche sul progresso della medicina. Dalle trincee della Prima Guerra Mondiale ai campi di battaglia di oggi, il legame tra guerra e progresso medico è innegabile. Ambulanze, antisettici e anestesia, tre elementi della medicina oggi dati del tutto per scontati, emersero dalle profondità della sofferenza durante la Prima Guerra Mondiale. La Seconda Guerra Mondiale diede alla medicina globale la penicillina.

È evidente che la conclusione degli attuali conflitti preannuncia un imminente cambiamento di paradigma nel progresso medico. Quali sono allora le ovvie implicazioni per la medicina globale degli attuali conflitti militari? 

Uno dei settori che ha ottenuto un forte sviluppo recentemente è quello delle protesi bioniche.

Numerose aziende in tutto il mondo hanno intensificato i propri sforzi nello sviluppo e nella fornitura di soluzioni protesiche per il personale militare ferito che ha subito la perdita degli arti. Di conseguenza, migliaia di persone hanno già beneficiato di questi progressi, ricevendo accesso a tecnologie protesiche all’avanguardia realizzate da major del settore come Fillauer e Ottobock e da nuove startup.

Molti soldati ucraini che hanno subito amputazioni dopo essere stati feriti erano equipaggiati con armi bioniche all'avanguardia prodotte nel Regno Unito, conosciute come il nuovo Hero Arm. Sviluppate dalla società tecnologica Open Bionics con sede a Bristol, queste braccia protesiche sono realizzate utilizzando la tecnologia di stampa 3D all’avanguardia. Grazie alle dita e ai pollici mobili, chi lo indossa può pizzicare e afferrare efficacemente gli oggetti con precisione. Il controllo è facilitato attraverso sensori mioelettrici, che utilizzano gli impulsi elettrici generati dai muscoli per un funzionamento senza interruzioni.

Anche Esper Bionics, una startup statunitense con radici ucraine, nonché Columbian Human Assistive Technologies e decine di altre società forniscono soluzioni protesiche comparabili.

pubblicità

In molti casi le nuove tecnologie hanno permesso di evitare l’amputazione di parti del corpo. Ad esempio, nel febbraio 2024 il soldato dell’IDF Shilo Segev, ferito più volte a una gamba, ha potuto ricostruire il suo ginocchio all’ospedale Hadassah in Israele utilizzando una protesi stampata su una stampante 3D. Ciò gli ha evitato l'amputazione di parte della gamba. In futuro, a quanto pare, milioni di persone in tutto il mondo che hanno problemi al ginocchio trarranno beneficio da questa tecnologia.

Anche la chirurgia plastica facciale ha visto notevoli progressi, con team internazionali di chirurghi che hanno intrapreso l’arduo compito di ripristinare sia la forma che la funzione per le persone sfigurate dalla guerra.

L’obiettivo di queste procedure non è solo migliorare l’aspetto fisico dei pazienti ma anche migliorare la loro qualità di vita ripristinando funzioni essenziali come mangiare, parlare e respirare. Inoltre, questi interventi chirurgici possono avere un profondo impatto sul benessere psicologico dei pazienti, aiutandoli a ritrovare la fiducia e un senso di normalità dopo aver subito lesioni traumatiche.

La filiale di Mosca della stessa clinica israeliana Hadassah ha curato con successo Jabel Assar di Hamas, un parente del capo dell'ala militante dell'organizzazione, Mohammed Deif, che ha perso entrambe le gambe, un braccio e un occhio negli attacchi aerei dell'IDF. Mentre sotto la pressione dell'opinione pubblica il Ministero della Sanità israeliano ha imposto il divieto di curare i membri di Hamas nelle cliniche in Israele, sorprendentemente Hadassah Mosca per qualche motivo non lo ha seguito e ha continuato a fornire tali servizi ai militanti di Hamas durante la guerra in corso. Non è chiaro come abbia reagito la sede centrale di Hadassah a questa notizia, ma Assar è stato sottoposto con successo a un intervento di chirurgia plastica facciale che gli ha ripristinato il volto dopo numerose ferite.

Nonostante le complessità e le tragedie della guerra, la resilienza dello spirito umano traspare nel regno della medicina. Mentre il mondo testimonia gli orrori del conflitto, intravede anche il potenziale di guarigione e redenzione, forgiato nel crogiolo delle avversità.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending