Seguici sui social

Benessere degli animali

L’accordo commerciale UE-Cile non è all’altezza del benessere degli animali

SHARE:

Pubblicato il

on

L’accordo di libero scambio UE-Cile modernizzato, approvato dal Parlamento europeo questa settimana, comprende impegni per il benessere degli animali come il riconoscimento della sensibilità degli animali, l’eliminazione graduale degli antibiotici utilizzati come promotori della crescita e un linguaggio sulla cooperazione in materia di benessere degli animali.

Sebbene queste disposizioni siano accolte con favore, gli impatti negativi della liberalizzazione commerciale incondizionata non dovrebbero essere ignorati: L’UE e il Cile dovrebbero massimizzare il linguaggio sulla cooperazione in materia di benessere degli animali all’interno dell’accordo per garantire progressi significativi per il benessere degli animali.

Nel 2002, quando l’UE e il Cile hanno concluso il loro primo accordo commerciale, hanno aggiunto, per la prima volta in assoluto, disposizioni sulla cooperazione in materia di benessere degli animali. Tuttavia, è stata seguita da una maggiore intensificazione nei settori cileni dell’allevamento e dell’acquacoltura a causa delle maggiori opportunità commerciali. C’è un alto rischio che questo accordo modernizzato alimenterà questa tendenza poiché garantisce un ulteriore accesso al mercato per i prodotti animali cileni aumentando le quote per pollame, maiale, pecora e manzo senza alcuna condizione di benessere degli animali. Una tale condizione avrebbe potuto contribuire a migliorare gli standard di benessere degli animali in Cile, soprattutto considerando questo I produttori cileni ritengono che l’accordo commerciale genererebbe maggiore certezza per gli investimenti destinati alle esportazioni verso l’UE.

L’ALS include un capitolo sui sistemi alimentari sostenibili con disposizioni sulla cooperazione per il benessere degli animali, nonostante non sia impegnativo. La futura cooperazione UE-Cile sul benessere degli animali, in quanto partner che la pensano allo stesso modo, deve concentrarsi su iniziative concrete come l’eliminazione graduale delle gabbie per suini e pollame, insieme a una minore densità di allevamento per il pollame. Altri settori includono il trasporto degli animali, l’uso dell’anestesia per le mutilazioni e piani d’azione congiunti per eliminare gradualmente l’uso degli antibiotici nella produzione animale.

È deludente che i capitoli del nuovo approccio dell’UE al commercio e allo sviluppo sostenibile (TSD) non si applichino ancora a questo accordo commerciale. Il processo di revisione del capitolo CSS dovrebbe contenere un linguaggio dettagliato sul legame tra benessere degli animali e sviluppo sostenibile, conservazione e traffico di specie selvatiche e sull’importanza di garantire il benessere nell’acquacoltura. In termini di applicazione, l’UE e il Cile dovrebbero creare tabelle di marcia chiare, identificare le questioni prioritarie e includere sanzioni di ultima istanza.

Nel novembre 2021, il presidente cileno Gabriel Boric ha firmato un impegno animalista con la Fondazione Veg durante la sua campagna. Il documento prevede 10 punti per migliorare la vita degli animali allevati per il consumo.

"Purtroppo dopo due anni di governo si è fatto ben poco per portare a termine questo impegno, poiché si è lavorato solo su uno dei 10 punti. Chiediamo al presidente Boric di mantenere la parola data e di migliorare la vita di milioni di animali in Cile, implementando questi punti sia negli accordi commerciali che nella legislazione nazionale. Questo accordo di libero scambio avrebbe potuto rafforzare gli sforzi nazionali in modo simile all’impatto del primo accordo commerciale UE-Cile, che portò all’adozione della legge cilena sul benessere degli animali nel 2009“, ha commentato Ignacia Uribe, Fondatrice e CEO, Veg Foundation.

pubblicità

"Fino a quando l’UE non avrà requisiti di importazione basati sul benessere degli animali, l’UE dovrebbe negoziare condizioni ambiziose in materia di benessere degli animali con tutti i partner commerciali e replicare l’approccio seguito nell’accordo commerciale UE-Nuova Zelanda. L’UE non dovrebbe lasciare che la sua agenda commerciale congeli il percorso verso sistemi alimentari con un maggiore welfare. Accettare le condizioni di benessere degli animali in alcuni ALS e ometterle in altri sarebbe certamente incoerente", Ha commentato Reineke Hameleers, CEO, Eurogroup for Animals.

Eurogroup for Animals e l'organizzazione con sede in Cile Fondazione Veg deploriamo che la modernizzazione di questo accordo commerciale non riesca a garantire tutto ciò Il commercio UE-Cile non ha un impatto dannoso sugli animalie incoraggiare la transizione effettiva verso sistemi alimentari sostenibili in cui il benessere degli animali sia promosso e rispettato.


Eurogroup for Animals rappresenta oltre novanta organizzazioni per la protezione degli animali in quasi tutti gli Stati membri dell'UE, nel Regno Unito, in Svizzera, in Serbia, in Norvegia e in Australia. Dalla sua fondazione nel 1980, l'organizzazione è riuscita a incoraggiare l'UE ad adottare standard giuridici più elevati per la protezione degli animali. Eurogroup for Animals riflette l’opinione pubblica attraverso i suoi membri e possiede le competenze scientifiche e tecniche per fornire consulenza autorevole su questioni relative alla protezione degli animali. Eurogroup for Animals è un membro fondatore di Federazione Mondiale per gli Animali che unisce il movimento per la protezione degli animali a livello globale.

Fondazione Veg è un'organizzazione internazionale senza scopo di lucro che opera in America Latina per promuovere diete a base vegetale e per ridurre la sofferenza degli animali d'allevamento. Attraverso il suo progetto Osservatorio Animale collabora con aziende e governi per migliorare la vita degli animali allevati per il consumo. Conduce inoltre diverse indagini per sensibilizzare l'opinione pubblica.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending