Seguici sui social

Mercato dell'energia

Porre fine alle manipolazioni sui mercati energetici ridurrà le bollette

SHARE:

Pubblicato il

on

Questa settimana i Socialisti e Democratici hanno votato a favore del regolamento rivisto sull’integrità e la trasparenza del mercato energetico all’ingrosso (REMIT). Il regolamento adottato oggi in plenaria rappresenta il passo finale verso l'attuazione di una legislazione UE migliorata che metta fine alle manipolazioni sul mercato dell'energia. I Socialisti e Democratici sono convinti che ciò aiuterà sia le famiglie che l'industria, portando così avanti la loro campagna 'Abbassate le bollette'.
 

Patrizia Toia, eurodeputata S&D e negoziatrice sul REMIT nella commissione per l'energia, la ricerca e l'industria del Parlamento europeo, ha dichiarato:
 
“I problemi sul mercato energetico sono iniziati molto prima dell’invasione russa contro l’Ucraina, e il Gruppo S&D è stato il primo a chiedere alla Commissione europea di affrontare il problema. La guerra ha solo portato i problemi alla loro fase acuta attuale, dove sempre più persone e imprese hanno difficoltà a pagare le bollette, in particolare le famiglie vulnerabili e le piccole e medie imprese. Una delle cause principali di questa situazione inaccettabile sono state le manipolazioni del mercato energetico all’interno della nostra Unione. Siamo lieti che la Commissione abbia ascoltato le richieste dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo e abbia proposto in cambio un aggiornamento del REMIT.
 
'Affinché REMIT raggiunga i suoi obiettivi, abbiamo rafforzato il ruolo di supervisione dell'Agenzia per la cooperazione tra i regolatori dell'energia (ACER). D'ora in poi l'agenzia avrà il potere di indagare su casi transfrontalieri che coinvolgono almeno due Stati membri e di prendere decisioni su ispezioni, richieste di informazioni e autorizzazioni di alcuni partecipanti al mercato. L'ACER potrà inoltre imporre penalità periodiche nel caso in cui i partecipanti al mercato non forniscano le informazioni richieste.
 
“Si tratta di un notevole miglioramento rispetto alla situazione attuale in cui troppi casi di evidenti manipolazioni del mercato rimangono non trattati a livello nazionale. Le penalità periodiche, imposte dall'ACER, saranno pari al 3% del fatturato medio giornaliero dell'anno lavorativo precedente o, nel caso delle persone fisiche, al 2% del reddito medio giornaliero dell'anno civile precedente.
 
“I Socialisti e Democratici hanno costruito una maggioranza progressista anche per quanto riguarda gli attori del mercato energetico dell’UE provenienti da paesi terzi. Dovranno nominare un rappresentante nello Stato membro in cui operano sul mercato dell'energia all'ingrosso. In questo modo l'ACER e i regolatori nazionali sapranno a chi rivolgersi per avere informazioni in caso di dubbi su manipolazioni sul mercato energetico all'ingrosso dell'UE.
 
“Abbiamo garantito maggiore trasparenza e una più forte supervisione dell’UE sui mercati dell’energia all’ingrosso e questo garantirà un mercato più equo per le famiglie e le imprese”.
 
Dan Nica, eurodeputato S&D e portavoce della commissione per l'energia, la ricerca e l'industria del Parlamento europeo, ha dichiarato:
 
“Finalmente con REMIT la manipolazione dei prezzi dell'energia riceve una risposta forte, attesa da tutti coloro che sono rimasti vittime di queste pratiche, ingannevoli e illegali. Tra queste vittime ci sono aziende, soprattutto piccole e medie imprese, che hanno dovuto pagare conti ingiustificatamente elevati, alcune delle quali sono fallite. Di conseguenza, molte persone hanno perso il lavoro in tutta l’UE. Molti dei nostri cittadini hanno rinunciato ad altri bisogni per poter pagare la bolletta energetica e hanno dovuto scegliere tra mangiare e riscaldarsi durante il periodo invernale. Le persone devono sapere che tutti coloro che le hanno ingannate, tutti coloro che hanno manipolato il mercato energetico, saranno puniti a seguito dei negoziati condotti dal Gruppo S&D su questa legislazione europea e grazie al voto del nostro gruppo in plenaria oggi. In termini di cifre, ciò significa il 15% del fatturato per le aziende coinvolte in tali pratiche manipolative illegali e 5 milioni di euro di multe per i dirigenti di queste aziende.
 
“Il rafforzamento dell’ACER è fondamentale per il successo della legislazione UE che abbiamo adottato oggi. Questo regolatore dell’UE ha 379 casi pendenti, comprese molte indagini che non sono ancora iniziate. L’ACER ha bisogno immediatamente di finanziamenti adeguati, poiché abbiamo grandi aspettative dal suo lavoro. L'ACER deve adottare le misure necessarie contro queste aziende che hanno rovinato una parte significativa dell'economia dell'UE e di conseguenza rovinato così tante vite e il benessere dei cittadini europei.
 
“Voglio vedere il primo direttore generale di un'azienda energetica pagare questi 5 milioni di euro di multa. Solo allora impareranno la lezione e smetteranno di rubare, mentire e ingannare l’Unione europea e i suoi cittadini!”

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending