Seguici sui social

Armenia

L'aiutante presidenziale Hikmat Hajiyev dice che l'Azerbaigian vuole la pace e la normalizzazione delle relazioni con l'Armenia

SHARE:

Pubblicato il

on

Hikmat Hajiyev, assistente del presidente dell'Azerbaigian per gli affari di politica estera, questa settimana ha incontrato i giornalisti a Bruxelles per discutere delle relazioni con l'Armenia dopo la liberazione del Karabakh. L’Armenia occupa la regione dal 1991, dichiarando la Repubblica del Nagorno Karabakh uno Stato de facto autonomo.

Hajiyev ha dichiarato che il regime illegale dell'Armenia è disarmato e fuori dall'Azerbaigian.

Ciò elimina gli ostacoli a un accordo di pace tra Armenia e Azerbaigian.

Crediamo che questa sia un'opportunità storica per porre fine all'antagonismo e all'ostilità tra due paesi e costruire una pace duratura basata sui cinque principi dell'Azerbaigian per l'Armenia.

“Quindi penso che l’Azerbaigian abbia anche stabilito un modello di risoluzione di uno dei conflitti più prolungati sulla più ampia mappa dell’Eurasia”.

Il conflitto del Karabakh costituisce uno dei problemi dell'OSCE sin dalla sua fondazione, sebbene non sia stato risolto.

Poiché il suo scopo era quello di mantenere l'occupazione dell'Azerbaigian da parte dell'Armenia, l'Istituto di Co-Presidenza del Gruppo di Minsk fallì.

pubblicità

Abbiamo posto fine all'occupazione e all'oppressione militare. Pertanto, l’Azerbaigian ora dà priorità alla pace e alla normalizzazione delle relazioni con l’Armenia.

“Ma qualsiasi impegno di pace richiede due parti, e l’Armenia dovrebbe mostrare positività e buona volontà. Abbiamo presentato all’Armenia il quinto trattato di pace aggiornato, ma da quasi due mesi non ha reagito.

Nuove realtà si sono evolute nella nostra regione. Legalità e legittimità sono alla base di queste nuove realtà”.

Poi ha parlato delle future relazioni dell'Azerbaigian con l'Armenia. “Vogliamo costruire una nuova architettura di sicurezza regionale basata sulla giustizia, riconoscendo l'integrità territoriale e la sovranità di ciascuno e ponendo fine a tutte le rivendicazioni territoriali.

Incoraggiamo anche le relazioni Armenia-Azerbaigian. Penso che dovremmo raggiungere la pace. Penso che altri partner possano sostenere tale accordo”.

Ha detto: "In primo luogo, la pace e la sicurezza regionale non sono a Bruxelles, Parigi, Washington, Mosca o altrove. La pace è regionale".

Durante la cosiddetta controversia congelata, alcuni nel Parlamento europeo hanno avvertito l'Azerbaigianofobia o l'islamofobia nei confronti dell'Azerbaigian.

"Anche questo non è molto utile per le ambizioni o gli interessi dell'UE nelle risorse regionali", ha detto Hajiyev. Il Consiglio europeo ha recentemente rilasciato una dichiarazione in cui critica l'Azerbaigian, cosa che riteniamo superflua. Le istituzioni europee non hanno mai trattato equamente l’Azerbaigian mentre il suo territorio era occupato.

"La mia domanda: perché? Per anni c'è stato un approccio nei confronti delle entità separatiste in Georgia, Moldavia e Ucraina, ma un altro approccio contro l'Azerbaigian."

Ha aggiunto: "Alcuni paesi membri dell'UE, come la Francia, hanno avviato un programma di militarizzazione in Armenia".

"Non supportiamo la militarizzazione.

"Un programma di militarizzazione non è necessario per l'Armenia. La pace armena per i suoi vicini richiede un programma pacifico. Penso che i programmi di militarizzazione siano cattivi." La pace armena per i suoi vicini richiede un programma pacifico. Penso che i programmi di militarizzazione siano cattivi”.

Ha osservato che la Francia sta inviando all’Armenia mezzi militari armati missilistici.

L’Armenia sta inoltre acquistando tre sistemi radar francesi e missili terra-aria a corto raggio “Mistral”.

"Abbiamo costantemente avvertito gli stati membri come la Francia di non sostenere il separatismo nel territorio dell'Azerbaigian. In secondo luogo, non promuovere il revanscismo armeno o i giochi geopolitici nella nostra regione. Sfortunatamente, questo è vero."

Ha aggiunto: “Pensiamo che questa sia un’opportunità storica e uno slancio storico e che anche istituzioni europee adeguate dovrebbero essere parte della soluzione, non del problema, per portare avanti un’agenda pacifica nella regione della crisi sociale”.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending