Seguici sui social

Armenia

L’Armenia è un hub logistico nella guerra di Putin contro l’Ucraina?

SHARE:

Pubblicato il

on

Secondo recenti rapporti, entità con sede in Armenia stanno utilizzando la rotta marittima Batumi-Novorossiysk per riesportare merci sanzionate in Russia. Attraverso la compagnia di navigazione armena, settimanalmente attraverso i porti georgiani vengono trasportati in Russia 600 container per un peso totale di 6 tonnellate. scrive Nicola Chkhaidze.

Questo sofisticato schema russo-armeno coinvolge una varietà di beni, come abbigliamento, automobili e pezzi di ricambio, nonché attrezzature mediche prodotte da aziende occidentali. Tra le merci più riesportate ci sono i veicoli, soprattutto americani: vengono solitamente consegnati, attraverso i porti georgiani, in Armenia, dove vengono registrati e immagazzinati nella città di Gyumri. È da qui che la maggior parte delle auto vengono riesportate in Russia, sempre attraverso la Georgia. Questo schema è stato descritto molto bene sul Financial Times la scorsa estate.

Tali operazioni di solito coinvolgono diverse parti interessate, come C&M International LLC, l'operatore del trasporto lungo la rotta marittima Batumi-Novorossijsk, la Armenian Shipping Company, la società cliente armena e Black Sea Forwarding LLC, una società destinataria con sede in Russia.

Ciò sottolinea anche il fatto che anche le entità georgiane sono complici della pratica di evasione delle sanzioni attraverso l’Armenia, sebbene potrebbero non essere consapevoli della provenienza delle merci, il che rende difficile per le autorità statali applicare il regime di sanzioni.  

Afferma che l'Armenia è stata il principale hub logistico di Putin nella guerra contro Ucraina non sono nuovi e sono stati scritti abbastanza intensamente.

Secondo l’Ufficio americano per l’industria e la sicurezza, tra il 2021 e il 2022, le importazioni armene di microprocessori e chip dagli Stati Uniti sono aumentate di circa il 500%, mentre le spedizioni dall’UE sono aumentate di circa il 200%. Secondo l'ufficio di presidenza, fino al 97% di queste parti sono state successivamente riesportate in Russia. Il volume degli scambi tra Russia e Armenia ha superato i 5 miliardi di dollari nel 2022, un aumento sostanziale in termini di percentuale di crescita del commercio. Il fatturato commerciale di Russia e Armenia ha raggiunto i 2.6 miliardi di dollari nel 2021.

Non sorprende che anche il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti abbia affrontato la questione e il coordinatore delle sanzioni del Dipartimento, Jim O'Brien, abbia dichiarato nel giugno 2023 che gli acquisti da parte della Russia di microchip ed elementi elettronici essenziali sono tornati alle fasi precedenti all'invasione, poiché Mosca ha scoperto che altre nazioni si rivolgono a loro. -esportare i componenti high-tech acquistati dalle multinazionali europee.

pubblicità

Nel settembre 2022, il Tesoro degli Stati Uniti ha designato TACO LLC come fornitore di paesi terzi per "Radioavtomatika", un'importante società russa di appalti per la difesa specializzata nell'approvvigionamento di articoli esteri per l'industria della difesa russa. Di conseguenza, il dipartimento lo ha aggiunto alla lista delle sanzioni per aver aiutato lo sforzo bellico della Russia in Ucraina. Allo stesso modo, anche la filiale armena di Gazprom è stata sanzionata per aver effettuato trasferimenti di denaro relativi all'acquisto di gas russo in rubli.

L’Armenia, una democrazia autoproclamata e una nazione che da tempo segue le regole russe, ha iniziato a comportarsi in modo ribelle vis-à-vis il loro partner strategico, la Russia, e in Armenia si parla di spostare l’orientamento geopolitico dalla Russia. Tuttavia, sul campo, l’attività viene gestita come al solito poiché le aziende con sede in Armenia non solo collaborano con aziende russe, ma forniscono loro anche una finestra per commerciare con l’Occidente.

L’impennata dell’economia armena negli ultimi due anni sottolinea ulteriormente il fatto che è istituzionalmente legata alla Russia e non può prosperare senza quest’ultima; questo fatto è stato in qualche modo riaffermato dall'ex ministro delle finanze armeno, Vardan Aramyan, il quale ha affermato che l'Armenia non è in grado di sopportare eventuali sanzioni russe e che la parte del leone nella crescita del 12.6% registrata dall'Armenia nel 2022 è stata apportata dalla Russia. Aramyan ha anche detto che oggi l'integrazione dell'Armenia nel mercato russo è piuttosto elevata. Ad esempio, dei 980 milioni di dollari di investimenti diretti esteri nel 2022, 585 milioni di dollari sono stati profitti reinvestiti, principalmente da società con capitale russo. La maggior parte delle rimesse individuali inviate in Armenia proviene dalla Russia e il 50-60% delle riesportazioni, aumentate in modo significativo nel 2022 e nel 2023, vanno in Russia.

Anche se questo asse economico armeno-russo è stato affrontato più volte dai circoli politici occidentali e dalle comunità di esperti, e diverse organizzazioni armene sono state sanzionate, la reazione rilassata dell’Occidente sembra sorprendente. Soprattutto oggi che in molte capitali occidentali regna l'euforia per la presunta deriva dell'Armenia verso ovest. Mentre il primo ministro armeno Nikol Pashinyan nel suo discorso di ottobre ha affermato che il suo paese è pronto ad integrarsi con l'Unione europea nella misura in cui l'UE lo riterrà possibile, la nazione caucasica non abbandona le sue politiche economiche filo-russe. In questa situazione, sorprende anche la rapida decisione della Francia, membro della NATO, di fornire armi e sistemi di difesa aerea all’Armenia, alleata della Russia: nessuno garantisce che tali equipaggiamenti e tecnologie militari occidentali non finiscano in nelle mani della Russia.

Nicholas Chkhaidze è ricercatore presso il Centro Topchubashov, un think tank con sede a Baku. Si concentra su Russia, Ucraina, Caucaso meridionale e compagnie militari private russe. Ha conseguito la laurea in Relazioni Internazionali con lode presso l'Università Internazionale del Mar Nero. In precedenza, ha lavorato come assistente di ricerca del Dr. Taras Kuzio presso il "Centro Studi Russia ed Eurasia" della Henry Jackson Society e presso la Divisione Diplomazia Pubblica dell'Ufficio di Collegamento della NATO in Georgia. È un alunno del programma 2021 "The Fund for American Studies".

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending