Seguici sui social

Arte

La guerra in #Libia - un film russo rivela chi sta diffondendo morte e terrore

Pubblicato

on

La Turchia potrebbe creare nuovamente un mal di testa per l'Europa. Mentre Ankara persegue una strategia di ricatto in Occidente, minacciando di far entrare i migranti in Europa, sta trasformando la Libia in una base di retroguardia terroristica trasferendo i militanti da Idlib e dalla Siria settentrionale a Tripoli.

Il regolare intervento della Turchia nella politica libica solleva ancora una volta la questione della minaccia neo-osmanista, che interesserà non solo la stabilità della regione nordafricana, ma anche quella europea. Premesso che Recep Erdogan, tentando il ruolo di sultano, si permette di ricattare gli europei intimidendo l'afflusso di migranti. Questa destabilizzazione dell'Africa settentrionale potrebbe anche portare a una nuova ondata di crisi migratoria.

Il problema principale, tuttavia, sono le relazioni tese della Turchia con i suoi alleati. La situazione nella regione è in gran parte determinata dalle relazioni tese tra Turchia e Russia. Dati gli interessi diametralmente diversi sia in Siria che in Libia, possiamo parlare di un indebolimento della cooperazione tra gli Stati: non è tanto un'alleanza stabile, quanto piuttosto un gioco complesso di due nemici di lunga data, con periodici attacchi e scandali uno contro l'altro.

Il raffreddamento dei rapporti è illustrato nella seconda parte del film russo "Shugaley", che mette in luce le ambizioni neo-osmaniste della Turchia ei suoi legami criminali con il GNA. I personaggi centrali del film sono i sociologi russi che sono stati rapiti in Libia e che la Russia sta cercando di riportare in patria. L'importanza del ritorno dei sociologi è discussa ai massimi livelli, in particolare questo problema è stato sollevato dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov nel giugno 2020 durante un incontro con una delegazione del GNA libico.

La parte russa sta già criticando apertamente il ruolo della Turchia in Libia, oltre a sottolineare la fornitura di terroristi e armi alla regione. Gli autori del film esprimono la speranza che lo stesso Shugaley sia ancora vivo, nonostante le continue torture e le violazioni dei diritti umani.

La trama di "Shugaley" copre diversi argomenti dolorosi e scomodi per il governo: la tortura nella prigione di Mitiga, un'alleanza di terroristi con il governo di Fayez al-Sarraj, la permissività dei militanti filogovernativi, lo sfruttamento delle risorse dei libici nel interessi di una ristretta cerchia di élite.

A seconda dei desideri di Ankara, il GNA persegue una politica pro-turca, mentre le forze di Recep Erdogan sono sempre più integrate nelle strutture di potere del governo. Il film parla in modo trasparente della cooperazione reciprocamente vantaggiosa: il GNA riceve armi dai turchi e, in cambio, la Turchia realizza le sue ambizioni neo-ottomaniste nella regione, compresi i benefici economici dei ricchi giacimenti di petrolio.

"Vieni dalla Siria, vero? Quindi sei un mercenario. Stupido, non è stato Allah a mandarti qui. E i grandi della Turchia, che vogliono davvero il petrolio libico. Ma tu non vuoi a morire per questo. Qui mandano qui degli idioti come te ", dice il personaggio principale di Sugaley a un militante che lavora per le agenzie criminali del GNA. Nel complesso, tutto questo illustra solo la realtà: in Libia, la Turchia sta cercando di promuovere la candidatura di Khalid al-Sharif, uno dei terroristi più pericolosi vicino ad al-Qaeda.

Questa è la radice del problema: infatti, al-Sarraj e il suo entourage - Khalid al-Mishri, Fathi Bashaga, ecc. - stanno vendendo la sovranità del Paese in modo che Erdogan possa continuare tranquillamente a destabilizzare la regione, rafforzare le cellule terroristiche e trarne vantaggio. - mettendo allo stesso tempo a rischio la sicurezza in Europa. L'ondata di attacchi terroristici nelle capitali europee dal 2015 è qualcosa che potrebbe ripetersi se l'Africa settentrionale fosse piena di terroristi. Nel frattempo, Ankara, in violazione del diritto internazionale, rivendica un posto nell'UE e riceve finanziamenti.

Allo stesso tempo, la Turchia interviene regolarmente negli affari dei paesi europei, rafforzando la sua lobby sul terreno. Ad esempio, un esempio recente è la Germania, dove il Servizio di controspionaggio militare (MAD) sta indagando su quattro sospetti sostenitori dell'estremista turco di destra "Lupi grigi" nelle forze armate del paese.

Il governo tedesco ha appena confermato, in risposta ad una richiesta del partito Die Linke, che Ditib ("Unione Islamica Turca dell'Istituto di Religione") sta cooperando con "Lupi Grigi" estremisti turchi in Germania. La risposta del governo federale tedesco ha fatto riferimento alla cooperazione tra gli estremisti di estrema destra turchi e l'organizzazione mantello islamica, l'Unione turco-islamica dell'Istituto di religione (Ditib), che opera in Germania ed è controllata dall'ente statale turco, l'Ufficio degli affari religiosi (DIYANET).

Sarebbe una decisione appropriata consentire l'adesione dell'UE alla Turchia, che attraverso il ricatto, le forniture militari illegali e l'integrazione nelle strutture di potere, l'esercito e l'intelligence sta cercando di rafforzare la sua posizione sia nel nord Africa che nel cuore? dell'Europa? Il Paese che non riesce nemmeno a cooperare con i suoi alleati come la Russia?

L'Europa deve riconsiderare il suo atteggiamento nei confronti della politica neo-osmanista di Ankara e impedire la continuazione del ricatto, altrimenti la regione rischia di affrontare una nuova era del terrorismo.

Per ulteriori informazioni su "Sugaley 2" e per visualizzare i trailer del film, visitare http://shugalei2-film.com/en-us/

 

EU

Il Premio del Pubblico LUX 2021 va a 'Collettivo'

Pubblicato

on

Il presidente David Sassoli ha assegnato il premio del pubblico LUX 2021 a Collective durante una cerimonia tenutasi oggi a Strasburgo (9 giugno).

“Dopo il periodo che abbiamo appena vissuto, cresce ed è urgente la necessità che le persone si riuniscano, non solo in spazi fatti per il dibattito, ma anche in luoghi come i cinema”, ha affermato. David Maria Sassoli (S&D, IT durante la cerimonia, che si è svolta a Strasburgo oltre che online.

Gli altri due film finalisti per il premio sono stati: Un altro round del regista danese Thomas Vinterberg e Corpus Domini del regista polacco Jan Komasa.

Per saperne di più circa l' Candidati al Premio del Pubblico LUX.

La graduatoria finale è stata determinata combinando il voto medio del voto del pubblico e il voto dei deputati, con ogni gruppo che pesava il 50%.

La pandemia di Covid-19 ha colpito duramente l'industria creativa e cinematografica. Le proiezioni cinematografiche dei tre finalisti erano limitate e sono state principalmente sostituite da proiezioni ed eventi online. Il pubblico potrebbe valutare i film fino al 23 maggio, i deputati fino all'8 giugno.

Sul film vincitore

Collettivo del regista rumeno Alexander Nanau (titolo originale colectiv)

Questo emozionante documentario è intitolato a un nightclub di Bucarest dove un incendio ha ucciso 27 giovani nel 2015 e ha lasciato 180 feriti. Il documentario segue una squadra di giornalisti che indagano sul motivo per cui 37 delle vittime di ustioni sono morte negli ospedali, sebbene le loro ferite non fossero in pericolo di vita. Scoprono terrificanti nepotismi e corruzione che costano vite umane, ma mostrano anche che persone coraggiose e determinate possono invertire i sistemi corrotti.

Quest'anno Collective è stato nominato per un Oscar nelle categorie Miglior lungometraggio internazionale e Miglior documentario.

Conferenza stampa ed eventi correlati

Seguire le conferenza stampa con il vincitore, gli altri finalisti, la European Film Academy e Sabine Verheyen (PPE, Germania), presidente del comitato cultura, dalle 13.15 alle 14.00 CET.

Sintonizzati al nostro Facebook live con il vincitore alle 14h CET.

Interessato al cinema europeo post Covid-19? Guarda il webinar su Pagina Facebook del premio LUX.

Premio del pubblico LUX

Con la Premio del pubblico LUX, un premio del pubblico paneuropeo unico, il Parlamento si allea con il European Film Academy raggiungere un pubblico più ampio e continuare a rafforzare i legami tra le persone e la politica. Attraverso il suo premio cinematografico, il Parlamento sostiene la distribuzione di film europei dal 2007, fornendo sottotitoli in 24 lingue dell'UE per i film in lizza. Il premio LUX si è guadagnato una reputazione selezionando coproduzioni europee che affrontano temi politici e sociali di attualità e incoraggiano il dibattito sui valori.

Il progetto Commissione europea   Cinema Europa sono anche partner del LUX Awar

Ulteriori informazioni

Continua a leggere

EU

Settimana del pubblico LUX: guarda i film e votali

Pubblicato

on

Scopri dove puoi guardare i film nominati per il LUX Audience Award 2021 nel tuo paese e come votare per il tuo preferito, Affari europei.

Il premio Oscar di Thomas Vinterberg Un altro round, Collettivo di Alexander Nanau e Corpus Domini di Jan Komasa (nominato agli Oscar nel 2021 e nel 2020 rispettivamente) sono i tre film selezionati per il 2021 LUX Audience Award del Parlamento europeo e della European Film Academy.

Come guardare

Puoi guardare tutti e tre i film gratuitamente durante il Settimana del pubblico LUX dal 10 al 16 maggio online e sottotitolato nella tua lingua.

Catch the dibattito in diretta con i tre direttori su Facebook su Venerdì 14 maggio dalle 5:XNUMX CET.

Film in competizione

Un altro round del regista danese Thomas Vinterberg (titolo originale pressione)

Hai sentito dell'oscura teoria di uno psicologo norvegese secondo cui una piccola quantità di alcol nel nostro sangue apre le nostre menti, aumenta la creatività e ci rende felici? Quattro insegnanti di liceo lo sperimentano, ma quello che sembra offrire una cura per una crisi di mezza età esce dai binari. Il film di Vinterberg non parla solo del bere. Ha un messaggio più profondo su come affrontare gli alti e bassi della vita ed essere onesti al riguardo.

Another Round ha vinto l'Oscar 2021 per il miglior lungometraggio internazionale. La società di produzione di Leonardo DiCaprio sta progettando un remake in lingua inglese.

Collettivo del regista rumeno Alexander Nanau (titolo originale colectiv)

Questo emozionante documentario è intitolato a una discoteca a Bucarest dove un incendio ha ucciso 27 giovani nel 2015 e 180 feriti. Il documentario segue un team di giornalisti che indagano sul motivo per cui 37 delle vittime di ustioni sono morte negli ospedali, sebbene le loro ferite non fossero in pericolo di vita. Scoprono terrificanti nepotismo e corruzione che costano vite umane, ma mostrano anche che persone coraggiose e determinate possono invertire i sistemi corrotti.

Quest'anno Collective è stato nominato per un Oscar nelle categorie Miglior lungometraggio internazionale e Miglior documentario.

Corpus Domini by Il regista polacco Jan Komasa (titolo originale Corpus Christi)

Il film è basato in parte sulla storia reale di un giovane detenuto che vive una trasformazione spirituale e vuole diventare prete. Per uno scherzo del destino, finisce per assumersi la responsabilità di una parrocchia in un remoto villaggio polacco. Man mano che la storia si evolve, affronta un tragico segreto che sta divorando la comunità. Attraverso la storia di questo predicatore carismatico, Komasa riflette su ciò che crea una comunità e ciò che ci rende suscettibili sia ai falsi che ai veri leader.

Corpus Cristi è stato nominato per un Oscar nella categoria dei migliori lungometraggi internazionali nel 2020.

Come partecipare

Quest'anno il vincitore sarà scelto dagli eurodeputati e dal pubblico, ciascun gruppo rappresenterà il 50% dei voti. Dai un voto a tutti e tre i film da una a cinque stelle www.luxaward.eu entro il 23 maggio. Puoi modificare la tua valutazione e verrà conteggiato solo il tuo ultimo voto. Vota per avere la possibilità di partecipare alla prossima cerimonia degli European Film Awards a dicembre 2021.

Informazioni sul LUX Audience Award

Il Parlamento europeo ha lanciato il Premio LUX nel 2007 con l'obiettivo di sostenere la produzione e la distribuzione di film europei, stimolare la riflessione sulle attuali questioni politiche e sociali e celebrare la cultura europea.

Quest'anno il Parlamento ha collaborato con il European Film Academy, Commissione europea Europa Cinemas rete per portare il nuovo LUX Audience Award a un pubblico più ampio.

Tutti e tre i finalisti sono stati sottotitolati nelle lingue ufficiali dell'UE. Il film vincitore sarà anche adattato per i non vedenti e i non udenti.

Premio LUX 

Continua a leggere

Arte

La miliardaria e sostenitrice della sostenibilità Elena Baturina elogia il potenziale creativo delle giovani generazioni

Pubblicato

on

31 gennaio la finestra per le presentazioni si è chiusa per 'Design per città sostenibili', una competizione studentesca internazionale a sostegno del programma SDG delle Nazioni Unite. Il concorso è co-organizzato da due grandi sostenitori dell'educazione nelle discipline creative - ESSERE APERTO think tank creativo e Cumulo Associazione delle università e dei college di arte, design e media.

Il concorso è stato lanciato nell'ottobre dello scorso anno e ha invitato gli studenti di discipline creative praticamente ovunque a sviluppare le proprie soluzioni innovative alle sfide dell'SDG11: Città e comunità sostenibili. Queste sfide includono un aumento delle emissioni di carbonio e dell'uso delle risorse, un numero crescente di abitanti delle baraccopoli, infrastrutture e servizi inadeguati e sovraccarichi, peggioramento dell'inquinamento atmosferico e proliferazione urbana non pianificata, ecc. L'anno 2020 ha messo in luce un altro drastico problema degli abitanti delle città: il pericolo di una rapida diffusione del virus in aree densamente popolate.

Sia BE OPEN che Cumulus credono che le sfide della nuova realtà della nostra esistenza quotidiana richiedano nuove soluzioni; il cambiamento qualitativo è possibile solo attraverso un'azione innovativa, e le innovazioni nascono solo da modi di pensare audaci, curiosi, creativi e fuori dagli schemi.

Questo è il motivo per cui il concorso si rivolge ai giovani creativi, agli studenti e ai laureati di tutte le discipline di arte, design, architettura e media di università e college di tutto il mondo per incoraggiarli a progettare idee e progetti che incarnano i principi e gli obiettivi del Programma SDG delle Nazioni Unite.

BE OPEN premierà le migliori idee presentate da singoli o team con premi in denaro: il vincitore del premio principale sarà scelto dalla giuria di accademici e professionisti del design e riceverà 5,000 €; € 3,000 andranno alla scelta personale della fondatrice di BE OPEN Elena Baturina; il vincitore di € 2,000 del premio del voto pubblico sarà selezionato mediante votazione aperta online; e un importantissimo premio inaugurale Safe City di € 2,000 sarà assegnato alla soluzione che sarà efficace nell'affrontare gli effetti dannosi della pandemia in una città.

Abbiamo chiesto ad Elena Baturina quali sono i piani e le aspirazioni che associa al concorso.

- Perché quest'anno hai scelto SDG11 come focus per il concorso?

Sono convinto che le questioni dell'urbanizzazione abbiano un'importanza senza pari nel 2020. Gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite sono per molti versi una risposta diretta alle conseguenze dell'urbanizzazione.

Più della metà della popolazione mondiale ora vive nelle città e la percentuale dovrebbe crescere fino al 60% entro il 2030. Questa crescita va di pari passo con tanti problemi che influenzano il benessere dei biliardi delle persone. Dobbiamo ammettere che le misure tradizionali non possono far fronte a quella portata e "evoluzione" di questi problemi, quindi abbiamo un disperato bisogno del pensiero creativo - il pensiero progettuale - e dell'azione creativa per gestirli. Il design ha un ruolo cruciale da svolgere come strumento o per raggiungere gli SDG delle Nazioni Unite.

- Ci parli della fase attuale della competizione in corso?

Bene, ancora una volta abbiamo unito le forze con la meravigliosa Cumulus Association of Universities and Colleges of Art, Design and Media. Insieme sentiamo di essere in grado di raggiungere la maggior parte delle scuole che insegnano discipline creative in tutto il mondo e quindi creare un'opportunità per il maggior numero possibile di studenti di beneficiare di questa competizione.

Abbiamo superato la scadenza per le iscrizioni e, a partire da febbraio, i nostri team e la giuria si daranno il compito duro ma entusiasmante di selezionare i migliori progetti che competeranno ulteriormente per i premi. Abbiamo già centinaia di proposte da tutto il mondo e quelle che ho visto sono molto promettenti.

- Quanto ti sembra significativa la loro risposta?

Le voci sono piene di buon pensiero, ricerca adeguata e grandi intenzioni. Naturalmente, non hanno lo scopo di salvare il mondo dall'oggi al domani, ma riguardano passaggi minori, traducibili e fattibili per la maggioranza assoluta delle persone in tutto il mondo, che funzioneranno davvero.

Questo è il motivo per cui sono così fiducioso che questo concorso porterà a un maggiore coinvolgimento con i giovani designer e le loro soluzioni sostenibili da parte delle aziende, dello stato e degli enti pubblici focalizzati sugli SDG che possono effettivamente portarli alla realtà.

- Cosa cerchi personalmente nella presentazione vincente?

Come probabilmente saprai, sono prima di tutto una persona d'affari. Quindi non posso fare a meno di guardare i progetti da una prospettiva pratica, con in mente l'approccio "come possiamo farlo". Ecco perché, sto osservando quanto è ben studiata la soluzione, sarà richiesta, quanto è fattibile, ci sono risorse a portata di mano per farlo funzionare, è scalabile, ecc. Quindi, il vincitore di Founder's Choice deve essere una soluzione pragmatica.

- Cosa significa per te la sostenibilità personalmente?

Da parte mia, gli investimenti sono stati destinati ad attività legate alla sostenibilità, come la produzione di energia solare, le tecnologie per l'efficienza energetica, l'ingegneria delle membrane. Per quanto riguarda la mia vita quotidiana, cerco di fare cambiamenti positivi verso una maggiore sostenibilità come tutti dovremmo, iniziando con passi quotidiani piccoli ma coerenti che potrebbero non sembrare un impatto così grande, ma sono necessari per rendere la sostenibilità parte del nostro futuro congiunto.

- BE OPEN ora rappresenta la possibilità di una nuova pandemia durante lo sviluppo dei tuoi progetti?

Bene, lo facciamo tutti. C'è un fattore di imprevedibilità in tutto ora, giusto? Ma quest'anno stiamo andando bene, perché BE OPEN ha sempre avuto una presenza online ben consolidata che ci aiuta a connetterci e interagire facilmente con il pubblico di tutto il mondo.

Con questo concorso, possiamo facilmente svolgere tutte le fasi in sicurezza e con il distanziamento sociale osservato, l'unica cosa che richiederebbe un raduno pubblico è la cerimonia di premiazione. Ma anche se dovessimo annullarlo ancora una volta, promettiamo che non solo celebreremo i vincitori online, ma faremo del nostro meglio per mostrare le loro idee e il loro talento al più vasto pubblico e al maggior numero di parti interessate possibile.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending