Seguici sui social

Austria

Le linee di frattura del progetto europeo si approfondiscono

SHARE:

Pubblicato il

on

I politici di estrema destra nei paesi europei hanno un talento nel non lasciare che una buona crisi vada sprecata, scrive l’analista politico CFACT Duggan Flanakin.

Mentre il risveglio della sovranità è in primo piano in un’Europa lacerata da tensioni alle fondamenta della sua solidarietà, la strumentalizzazione della politica estrema mina il progetto europeo e approfondisce ulteriormente le linee di frattura.

Prendiamo ad esempio il cancelliere austriaco Karl Nehammer (nella foto) esercitando il potere di veto della sua nazione per bloccare l'adesione di Romania e Bulgaria allo spazio Schengen, nonostante entrambi i paesi soddisfino i criteri necessari per l'adesione.

Il suo unico voto contro l'adesione di ciascun paese (e a sostegno dell'adesione della Croazia) all'area Schengen non solo ha disturbato i buoni rapporti tra Vienna, Bucarest e Sofia, ma ha anche prosciugato la credibilità di Nehammer in tutta Europa.

Nehammer ha utilizzato statistiche inventate ed egoistiche, poi ha riciclato la retorica sulla crisi migratoria del suo predecessore, Sebastian Kurz, con molto meno effetto, per giustificare la squalifica di Romania e Bulgaria.

Anche il presidente austriaco, Alexander Van der Bellen, ha criticato la decisione affermando: “la decisione non è stata quella giusta. Se il sistema Schengen non funziona, perché dovremmo bloccare Romania e Bulgaria? Perché non permettere loro di unirsi?”

Anche le motivazioni politiche austriache hanno giocato un ruolo significativo qui. 

Nehammer teme l’ascesa dell’FPÖ, un rivale di destra per il quale migrazione e rifugiati sono cavalli di battaglia elettorali. Ciò aiuta in parte a spiegare la sua disperata decisione di veto a Schengen. Dopotutto, quando i politici non sono in contatto con gli elettori e i loro numeri nei sondaggi sono in calo, fanno e dicono cose disperate.

Nelle prime elezioni regionali dopo la decisione del Consiglio Giustizia e Affari Interni (GAI), i calcoli della cancelliera austriaca sono crollati. L'FPÖ domina ancora la classifica e il suo vantaggio sta crescendo.

Ma anche se l'ÖVP (il partito di Nehammer) ha avuto successo e ha guadagnato terreno nei sondaggi grazie a questa trovata, essa dimostra comunque una ingannevole disperazione che mina la solidarietà europea.

In risposta al veto dell'Austria, la Romania ha intrapreso un'offensiva diplomatica per affrontare le preoccupazioni e ottenere il sostegno di altri Stati membri dell'UE.

I funzionari rumeni sottolineano il loro impegno verso i valori europei e gli standard di sicurezza, sottolineando la disponibilità della nazione a contribuire positivamente allo spazio Schengen. Inoltre, il paese è attivamente impegnato nel dialogo con le altre nazioni dell’UE per costruire un consenso che contrasti le apprensioni reali o immaginarie dell’Austria.

Ma il governo rumeno è anche nella posizione di forzare la mano ai leader austriaci colpendoli dove fa più male: i profitti.

Sfruttando i suoi rapporti commerciali con l'OMV, società petrolchimica con sede a Vienna che ha privatizzato PETROM, fiore all'occhiello dell'industria petrolifera e del gas rumena, il governo guidato da Marcel Ciolacu rifiuta di concedere i favori richiesti dall'OMV per l'esplorazione di un giacimento nel Mar Nero.

Un prossimo incontro trimestrale del Consiglio GAI alla fine di quest’anno determinerà se gli austriaci saranno costretti a collocare il progetto europeo, fondato da figure come Adenauer, Schuman e Spinelli, al di sopra dei giochi geopolitici e dei cosiddetti “interessi” nazionali.

L'Unione Europea, già alle prese con sfide interne, deve affrontare un delicato atto di equilibrio nel gestire le ricadute della decisione dell'Austria. 

Trovare un equilibrio tra gli interessi regionali e le realtà geopolitiche più ampie sarà fondamentale per mantenere la coesione dell’UE.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending