Seguici sui social

Bielorussia

Il primo ministro bielorusso sostituisce Lukashenko alla cerimonia, suscita speculazioni

SHARE:

Pubblicato il

on

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko non si vede da martedì (9 maggio). Non si è presentato domenica a una cerimonia tenutasi a Minsk, il che ha fatto ipotizzare che sia gravemente malato.

BelTA, l'agenzia di stampa statale, ha riferito che Roman Golovchenko aveva letto un messaggio di Lukashenko durante una cerimonia in cui i giovani giuravano fedeltà a una bandiera dell'ex stato sovietico.

L'agenzia non ha fornito un motivo per l'assenza di Lukashenko, cinque giorni dopo di lui sembrava poco bene. Ha anche saltato parti delle commemorazioni a Mosca che hanno segnato la vittoria dell'Unione Sovietica sulla Germania durante la seconda guerra mondiale.

Lukashenko non ha parlato nemmeno a un evento di Minsk in occasione dell'anniversario, per il primo nel suo lungo mandato come presidente. Questa è stata la sua ultima apparizione pubblica.

L'ufficio di Lukashenko ha rifiutato di commentare.

Euroradio riferisce che sabato Lukashenko ha visitato una clinica d'élite di Minsk.

Podyom in Russia ha citato Konstantin Zatulin come membro anziano della camera bassa del parlamento della Duma dicendo "(Lukashenko si è) semplicemente ammalato ... e probabilmente ha bisogno di riposare".

Il quotidiano russo Kommersant ha pubblicato un articolo sulla salute di Lukashenko citando Zatulin e la stampa dell'opposizione bielorussa. I media russi pubblicano raramente storie sulla salute o sui leader della Russia e dei suoi alleati.

pubblicità

Lukashenko è al potere dal 1994. Ha usato la polizia per reprimere le proteste mentre i tribunali chiudevano i media dissidenti, condannavano gli oppositori a lunghe pene detentive e costringevano gli attivisti a lasciare il paese.

Lukashenko è stato sostenuto dal leader del Cremlino Vladimir Putin per reprimere le proteste. L'anno scorso, ha permesso che la terra del suo paese fosse usata nell'invasione della Russia. La Russia si riferisce all'invasione come a "operazioni speciali".

La scorsa settimana, il ministero degli Esteri russo ha dichiarato che il bielorusso Sergei Aleinik inizierà un viaggio di tre giorni a Mosca lunedì (15 maggio)

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending