Seguici sui social

Commissione europea

L’UE lancia uno strumento per aiutare gli esportatori a sfruttare i vantaggi degli accordi di mutuo riconoscimento

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Il nuovo strumento Access2Conformity lanciato il 13 novembre consentirà agli esportatori dell'UE, grandi e piccoli, di ridurre la burocrazia facendo un uso migliore degli accordi di mutuo riconoscimento (MRA) dell'UE con i paesi terzi. Quando le aziende esportano beni verso un partner commerciale, tali beni devono essere certificati dagli organismi di valutazione della conformità (CAB) del paese di destinazione per garantire che siano conformi alle norme e ai regolamenti locali, anche se già certificati per il mercato nazionale. Gli accordi di mutuo riconoscimento (MRA) possono risolvere questo problema. Funzionano consentendo al partner commerciale esportatore di designare i propri CAB come in grado di testare e certificare i prodotti esportati per assicurarsi che siano conformi alle norme e ai regolamenti del partner commerciale importatore.

Gli MRA sono strumenti potenti per aiutare le aziende a risparmiare tempo e denaro e il loro pieno utilizzo può incrementare gli scambi fino al 40%. Inoltre, la riduzione delle pratiche burocratiche aumenta fino al 50% la probabilità che le piccole e medie imprese (PMI) esportino. Access2Conformity fa parte del programma della Commissione Strumento Access2Markets, che aiuta le PMI a reperire informazioni chiave per facilitare gli scambi con i paesi terzi. Aiuterà gli esportatori dell’UE a identificare dove nell’UE possono eseguire test e certificazioni dei prodotti quando esportano verso determinati paesi terzi. Ad esempio, un esportatore dell’UE può verificare se il suo prodotto può beneficiare di un accordo esistente che prevede l’accettazione dei risultati dei test e dei certificati da parte dei CAB dell’UE.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending