Seguici sui social

Commissione europea

Dichiarazione sui diritti e principi digitali: valori e cittadini dell'UE al centro della trasformazione digitale

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Dichiarazione interistituzionale sui diritti digitali e sui principi per il decennio digitale: gli Stati membri, il Parlamento e la Commissione hanno concluso i negoziati sui valori dell'UE nel mondo digitale.

Gli Stati membri, il Parlamento europeo e la Commissione hanno negoziato il Dichiarazione europea sui diritti e principi digitali per il decennio digitale. La dichiarazione mira a promuovere I valori europei nella trasformazione digitale, mettendo le persone al centro, con la tecnologia digitale a vantaggio di tutti gli individui, le imprese e la società nel suo complesso.

Ivan Bartoš, vice primo ministro ceco per la digitalizzazione e ministro per lo sviluppo regionale

Questa dichiarazione definisce una via europea per la trasformazione digitale delle nostre società ed economie. Promuovere e proteggere i nostri valori nell'ambiente digitale è essenziale, che si tratti di privacy, controllo individuale sui dati, parità di accesso ai servizi e all'istruzione, condizioni di lavoro giuste ed eque, impegno nello spazio pubblico o libertà di scelta. Spero anche che la dichiarazione costituisca un punto di riferimento internazionale e ispiri altri paesi e organizzazioni a seguire il nostro esempio. Ivan Bartoš, vice primo ministro ceco per la digitalizzazione e ministro per lo sviluppo regionale

La via dell'UE per la trasformazione digitale delle nostre società e della nostra economia comprende in particolare sovranità digitale in modo aperto, rispetto di diritti fondamentali, Stato di diritto e democrazia, inclusione, accessibilità, uguaglianza, sostenibilità e rispetto dei diritti e delle aspirazioni di tutti.

Il testo richiama tutti i diritti pertinenti nel contesto della trasformazione digitale e dovrebbe fungere da a punto di riferimento per le imprese e altri attori pertinenti durante lo sviluppo e l'applicazione di nuove tecnologie. La dichiarazione dovrebbe anche guidare i responsabili politici quando riflettono sulla loro visione della trasformazione digitale: mettere persone al centro della trasformazione digitale; sostenere la solidarietà e l'inclusione, garantire la connettività, educazione, formazione e competenze digitali, nonché l'accesso ai servizi digitali online. La dichiarazione sottolinea l'importanza di libertà di scelta nelle interazioni con algoritmi e sistemi di intelligenza artificiale e un ambiente digitale equo. Fa anche appello ad aumentare sicurezza di problemi di nell'ambiente digitale, in particolare per bambini e giovani. Gli Stati membri, il Parlamento e la Commissione si impegnano inoltre a sostenere lo sviluppo e l'utilizzo di tecnologie sostenibili.

Prossimi passi

L'esito dei negoziati di oggi è adesso soggetto ad approvazione dal Consiglio, dal Parlamento europeo e dalla Commissione. Da parte del Consiglio, la presidenza ceca intende sottoporre quanto prima l'accordo ai rappresentanti degli Stati membri (COREPER) consentendone la firma da parte delle tre istituzioni cofirmatarie durante il Consiglio europeo di dicembre.

sfondo

La comunicazione della Commissione "Bussola digitale 2030: una via europea per il decennio digitale" del 9 marzo 2021 ha presentato la visione per un'Europa trasformata digitalmente entro il 2030 in linea con i valori europei. L'ambizione dell'UE è quella di essere digitalmente sovrana in un mondo aperto e interconnesso che abbracci cittadini responsabili e imprese innovative in una società digitale incentrata sull'uomo, inclusiva, prospera e sostenibile.

pubblicità

Nel loro dichiarazione del 25 marzo 2021, i membri del Consiglio europeo ne hanno sottolineato l'importanza trasformazione digitale per la crescita, la prosperità, la sicurezza e la competitività dell'UE, nonché per il benessere delle nostre società. Ha identificato la comunicazione sulla bussola digitale come un passo importante verso la mappatura dello sviluppo digitale dell'Europa per il prossimo decennio. Ha invitato la Commissione a utilizzare tutti gli strumenti disponibili nel campo delle politiche industriali, commerciali e della concorrenza. Alla luce di queste ambizioni e sfide, il 26 gennaio 2022 la Commissione ha proposto a Dichiarazione europea sui diritti e principi digitali per il decennio digitale, a seguito della sua comunicazione del 9 marzo 2021.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending