Seguici sui social

Frontpage

L'opposizione serba all'accordo con l'UE cresce

SHARE:

Pubblicato il

on

serbia1Decine di migliaia di serbi hanno protestato lunedì a Belgrado e nel nord della Kosovska Mitrovica contro l'accordo sponsorizzato dall'UE con le autorità albanesi del Kosovo a Pristina, mentre la Chiesa ortodossa ha accusato il governo serbo di "arrendersi" al Kosovo.
Mentre il governo serbo ha approvato l'accordo e lo ha inviato per un dibattito in Parlamento venerdì, la Commissione europea ha adottato una raccomandazione agli Stati membri per avviare i negoziati sull'adesione all'UE con la Serbia.

Ma, in patria, la crescente opposizione all'accordo significa guai per l'attuazione del piano da parte di Belgrado.
In barba alle autorità di Belgrado, in una massiccia protesta nella Kosovska Mitrovica settentrionale, i leader serbi del Kosovo hanno respinto il piano. Hanno invece adottato una dichiarazione che chiede la creazione di una “Assemblea della Provincia Autonoma del Kosovo e Metohia”, un organo composto dapprima da consiglieri dei quattro comuni del nord.

serbia4"Il popolo serbo non permetterà l'attuazione dell'accordo", si legge nella dichiarazione.
Nel frattempo, a Belgrado, il Partito democratico serbo di opposizione guidato dall'ex primo ministro Vojislav Kostunica, ha tenuto una manifestazione e ha marciato per le strade di Belgrado per protestare davanti al governo serbo.

Kostunica, che ha rovesciato Slobodan Milosevic nel 2000, ha chiesto le dimissioni sia del presidente Tomislav Nikolic che del primo ministro Ivica Dacic e ha sollecitato un referendum sull'accordo di Bruxelles.

"Questo è solo l'inizio delle nostre proteste ... La Serbia non si calmerà", ha detto, mentre dozzine di gruppi di studenti e ONG si sono uniti alla manifestazione.
Il Sinodo della Chiesa ortodossa serba ha esortato il presidente Nikolic e il Parlamento a respingere l'accordo.
In una dura dichiarazione, il corpo di vertice della Chiesa ortodossa ha definito l'accordo "una resa di quello che è stato per secoli il nostro territorio spirituale e storico più importante".
serbia3Il Sinodo ha affermato che non ci sono dubbi che “dopo aver pagato un prezzo così alto per una 'data per i colloqui sull'adesione all'Ue', il prezzo per“ la piena adesione all'Unione Europea sarà il riconoscimento formale di un 'Kosovo indipendente' da parte della Serbia ”.

Sempre a Belgrado, il famoso regista e vincitore della doppia Palma d'Oro Emir Kusturica ha detto lunedì sera in una conferenza che le autorità devono essere ritenute responsabili perché, come ha detto, "non sono state elette dalle persone sulla piattaforma della rinuncia". sul Kosovo ma piuttosto sulla piattaforma del rifiuto di rinunciarvi ”.

 

pubblicità

Anna van Densky

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending