Seguici sui social

Frontpage

In Kosovo, la Serbia si trova tra l'incudine e il martello

SHARE:

Pubblicato il

on

Di Aleksandar Mitic da Belgrado

Accordo o meno, dovranno affrontare un cocktail potenzialmente esplosivo fatto di divisioni interne alla Serbia, tensioni permanenti con gli albanesi del Kosovo e pressioni dell'Occidente.

Da un lato, la Serbia sta negoziando con gli albanesi del Kosovo che non vogliono cedere dato il pieno sostegno di cui godono da Washington, Berlino e gran parte degli Stati membri dell'Unione europea.
Se accetteranno l'accordo, le autorità di Belgrado potrebbero essere sollevate dalle pressioni dell'UE volte a smantellare le istituzioni della Serbia nelle aree popolate dai serbi del Kosovo e ottenere una data per l'inizio dei colloqui sull'adesione all'UE.
Ma Belgrado è stata, è e continuerà ad essere sotto un'intensa pressione da parte delle principali capitali occidentali affinché si muova verso il riconoscimento formale della secessione unilaterale della sua provincia meridionale.
Poiché la posizione serba è che Belgrado non riconoscerà mai la secessione del Kosovo, le sue prospettive dell'UE prima o poi colpiranno il muro.
L'infinita crisi economica europea, i dubbi sul futuro degli allargamenti dell'UE e il crescente euroscetticismo in Serbia - con un minimo storico per il sostegno all'adesione all'UE - non renderanno facile per il governo serbo scegliere UE sul Kosovo nel prossimo futuro.

Ma questa non è la parte più difficile. All'interno della Serbia il sostegno agli accordi con Pristina è scarso, mentre i serbi del Kosovo, in particolare al nord, sono decisamente ostili a un accordo che significherebbe la fine delle istituzioni dello Stato di Serbia in Kosovo.
"Abbiamo preso due decisioni chiave", ha detto Marko Jaksic, uno dei principali leader serbi nel nord del Kosovo a EU Reporter dopo una riunione urgente venerdì dei consiglieri dei quattro comuni a popolazione serba nel nord del Kosovo.
“Innanzitutto rifiutiamo l'accordo proposto e invitiamo le autorità a non firmarlo”, ha detto, sottolineando che i consiglieri hanno dichiarato che “nessuno ha l'autorità di firmare un atto che stabilisce la regola dei non riconosciuti quindi -dichiamata “Repubblica del Kosovo” da parte del territorio della Repubblica di Serbia ”.
“In secondo luogo, abbiamo deciso di avviare una petizione per 100.000 firme necessarie per chiedere un referendum su 'UE o Kosovo'. Non vogliamo essere tenuti in ostaggio. Vogliamo che la gente dica chiaramente che questo territorio in cui viviamo deve ancora far parte della Serbia ”, ha detto Jaksic.
I serbi nel nord potrebbero essere solo 70,000, ma senza la loro cooperazione nessun accordo raggiunto a Bruxelles potrebbe essere realizzato. Negli ultimi 14 anni, dalla fine della guerra in Kosovo, non hanno avuto familiarità con i boicottaggi, i blocchi stradali e altre forme di disobbedienza contro quello che considerano un tentativo albanese di conquistare il nord ed espellerli dalle loro case.
Più di 200,000 serbi sono stati espulsi dalle loro case in Kosovo e circa 120,000 che rimangono vivono o nel nord, che è geograficamente collegato alla Serbia centrale, o in piccole enclave nel sud, circondate dalla maggioranza etnica albanese.
Coloro che sono rimasti nelle enclavi devono affrontare una limitata libertà di movimento, discriminazioni, minacce e molestie - un destino che i serbi nel nord temono potrebbero ripetersi nel caso in cui Pristina prendesse il controllo.

CHE COSA NON È L'ACCORDO
In sostanza, in base all'accordo, le autorità locali serbe nel nord sarebbero riunite sotto l'ombrello autonomo di una "Comunità di municipalità serbe", un'entità con un proprio comando di polizia, giudiziario, sanitario, educativo e di pianificazione urbana.
Ma - e questo è il trucco - queste istituzioni dovrebbero sostituire le istituzioni dello stato di Serbia, che cesserebbe di funzionare nelle aree popolate dai serbi del Kosovo.
In quanto tali, le nuove istituzioni sarebbero collegate - almeno formalmente - alle autorità di Pristina, gestite dagli albanesi del Kosovo.
Belgrado sta cercando di rassicurare i serbi del Kosovo dicendo che adotterà una legge costituzionale che collegherebbe l'accordo alla Costituzione della Serbia e quindi fare in modo che non significhi rinunciare alla provincia.
Una garanzia che non va lontano con i serbi locali. Una garanzia che verrà rifiutata dagli albanesi del Kosovo. E una garanzia che rischia di essere ignorata dagli sponsor occidentali della secessione del Kosovo.
Il che significa nessuna garanzia né per le prospettive dell'UE della regione né per la stabilità sul terreno.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending