#EUstrivesformore - Il presidente eletto von der Leyen svela la sua "Commissione geopolitica"

| Settembre 10, 2019

Ursual von der Leyen si è rivolto al Parlamento europeo, luglio 2019

Oggi (10 settembre), la presidente eletta Ursula von der Leyen (VDL) ha presentato il suo team e la nuova struttura del prossimo college della Commissione europea. La nuova struttura riflette le priorità e le ambizioni stabilite negli orientamenti politici che hanno ricevuto ampio sostegno dal Parlamento europeo a luglio, scrive Catherine Feore.

VDL vuole che l'UE guidi una "transizione verso un pianeta sano e un nuovo mondo digitale". Ma desidera sottolineare che nessuno dovrebbe essere lasciato indietro. In un certo senso ha adottato la lingua di Macron e di un'Europa che protegge. Si riferiva alla creazione di opportunità per tutti, ovunque vivessero, il loro genere, la loro età.

Il presidente eletto Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Intraprenderemo azioni coraggiose contro i cambiamenti climatici, costruiremo la nostra partnership con gli Stati Uniti, definiremo le nostre relazioni con una Cina più sicura di sé e saremo un vicino affidabile, ad esempio in Africa. Questa squadra dovrà difendere i nostri valori e gli standard di livello mondiale. La mia Commissione sarà una commissione geopolitica impegnata in politiche sostenibili. E voglio che l'Unione europea sia la custode del multilateralismo. Perché sappiamo che siamo più forti facendo insieme ciò che non possiamo fare da soli. "

Il presidente eletto ha ripetutamente definito la nuova Commissione "una commissione geopolitica".

All'inizio di quest'anno, la Consiglio europeo per le relazioni estere commissionato a YouGov di svolgere sondaggi su più di 60,000 in tutta Europa, lo studio ha rilevato che i cittadini europei sembrano essere più entusiasti del fatto che l'Unione europea assuma un ruolo geopolitico più forte di quanto riflesso dalle attuali politiche dell'UE.

ECFR - Consiglio europeo per le relazioni estere

Ci saranno tre vicepresidenti esecutivi (Vestager, Dombrovskis, Timmermans) e altri cinque vicepresidenti, tra cui l'alto rappresentante, Josep Borrell. Ciò rende otto vicepresidenti piuttosto pesanti.

Tre vicepresidenti esecutivi avrà una doppia funzione. Saranno entrambi vicepresidenti responsabili di uno dei tre temi centrali dell'agenda del Presidente eletto e dei Commissari.

Vicepresidente esecutivo Frans Timmermans (Paesi Bassi) coordinerà i lavori sul Green Deal europeo. Gestirà inoltre la politica di azione per il clima, sostenuta dalla direzione generale per l'azione per il clima.

Il presidente eletto Ursula von der Leyen ha dichiarato che il Green Deal europeo diventerà il segno distintivo dell'Europa: “Coloro che agiranno per primi e più velocemente saranno quelli che coglieranno le opportunità della transizione ecologica. Voglio che l'Europa sia in prima linea. Voglio che l'Europa sia l'esportatore di conoscenze, tecnologie e migliori pratiche. "

Timmermans è il primo vicepresidente dell'attuale Commissione, nella sua attuale posizione è stato un forte sostenitore e difensore dello stato di diritto e dei valori fondamentali dell'UE.

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager (Danimarca) coordinerà tutta la nostra agenda su un'Europa adatta all'era digitale. Che l'EVP manterrà il suo ruolo di commissario per la concorrenza, è stato accolto con sorpresa.

Il presidente eletto Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Dobbiamo adattare il nostro mercato unico all'era digitale, dobbiamo sfruttare al massimo l'intelligenza artificiale e i big data, dobbiamo migliorare la sicurezza informatica e dobbiamo lavorare duro per il nostro sovranità tecnologica. "

La grande tecnologia sarà preoccupata da questa affermazione della necessità di sovranità tecnologica. Le decisioni di Vestager come commissario responsabile della concorrenza nell'attuale mandato hanno fatto arrabbiare molte di queste società, anche dato che il lavoro dell'UE in materia di protezione dei dati, diritti d'autore e imposta sulle vendite digitali ha infastidito quelle società che hanno ritenuto che l'UE si stesse concentrando ingiustamente su di esse.

Valdis Dombrovskis diventerà il vice presidente esecutivo per un Economia That Works for People 'che sarà la continuazione del suo ruolo attuale, ma senza che Pierre Moscovici lo metta in scena. Il suo ruolo riguarderà i servizi finanziari, sostenuto dalla direzione generale per la stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l'Unione dei mercati dei capitali.

Il presidente eletto Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Abbiamo un'economia sociale di mercato unica. È la fonte della nostra prosperità e equità sociale. Ciò è tanto più importante quando affrontiamo una doppia transizione: clima e digitale. Valdis Dombrovskis guiderà il nostro lavoro per riunire il sociale e il mercato nella nostra economia ".

Gli altri cinque vice presidenti

Josep Borrell (Spagna, attuale ministro degli Esteri spagnolo): designato HR / VP, Un'Europa più forte nel mondo;

Věra Jourová (Repubblica ceca, commissario della Commissione Juncker): valori e trasparenza;

Margaritis Schinas (Grecia, ex deputato europeo, funzionario di lunga data della Commissione europea): proteggere il nostro stile di vita europeo;

Maroš Šefčovič (Slovacchia, vicepresidente della Commissione Juncker): relazioni interistituzionali e lungimiranza;

Dubravka Šuica (Croazia, deputato europeo): Democrazia e demografia.

Gli altri commissari designati sono:

Johannes Hahn (Austria) si occuperà di "Bilancio e amministrazione', e riferirà direttamente al presidente della Commissione Ursula von der Leyen. Come membro del collegio di lunga data, conosce l'importanza di nutrire un'amministrazione moderna.

Didier Reynders (Belgio), che ha studiato come avvocato, è un ex ministro delle finanze nazionale di grande esperienza, ministro degli affari esteri ed europei e ministro diefence. Nella nuova Commissione, sarà responsabile della "giustizia" (compreso l'argomento dello stato di diritto).

Mariya Gabriel (Bulgaria) è attualmente commissario europeo. Ha lavorato con dedizione ed energia sul digitale portafoglio e sta ora procedendo alla creazione di nuove prospettive per le giovani generazioni (portafoglio "Innovazione e gioventù").

Stella Kyriakides (Cipro) è uno psicologo medico con molti anni di esperienza nel campo degli affari sociali, della salute e della prevenzione del cancro. Condurrà il portafoglio "Salute".

Kadri Simson (Estonia) è membro di lunga data del parlamento estone e ministro dell'economia e delle infrastrutture. Lei lo farà essere a capo di il portafoglio "Energia".

Jutta Urpilainen (Finlandia) non era solo ministro delle finanze e membro di lunga data della commissione per gli affari esteri del Parlamento finlandese; ha anche lavorato come inviato speciale in Etiopia. Si assumerà la responsabilità di "Partenariati internazionali".

Sylvie Goulard (Francia), ex deputato europeo, è un europeo dedicato e convinto. In qualità di commissaria per il "mercato interno", dirigerà il nostro lavoro sulla politica industriale e promuoverà il mercato unico digitale. Sarà inoltre responsabile della nuova direzione generale per Difesa Industria e spazio.

László Trócsányi (Ungheria) è l'ex ministro della giustizia ungherese. Condurrà il 'Vicinato e portafoglio allargamento.

Phil Hogan (Irlanda), il commissario in carica per l'agricoltura, porterà la sua esperienza nella nuova Commissione nel portafoglio "Commercio".

Paolo Gentiloni (Italia), ex primo ministro e ministro degli affari esteri italiano, condividerà la sua vasta esperienza nel portafoglio "Economia".

Virginijus Sinkevičius (Lituania), ministro lituano dell'economia e dell'innovazione, sarà responsabile di "Ambiente e oceani".

Nicolas Schmit (Lussemburgo) sta portando la sua esperienza dal Parlamento europeo e il suo servizio come ministro nazionale per l'Occupazione e Lavoroe sarà ora responsabile del portafoglio "Lavori".

Helena Dalli (Malta) ha dedicato la sua vita politica all'uguaglianza, prestando servizio come ministro per il dialogo sociale, gli affari dei consumatori e le libertà civili, e anche come ministro per gli affari europei e l'uguaglianza. Condurrà il portafoglio "Equality".

Janusz Wojciechowski (Polonia) è stato un membro di lunga data del Parlamento europeo in Agricoltura Comitato e è attualmente membro della Corte dei conti europea. Lo farà essere a capo di il portafoglio "Agricoltura".

Elisa Ferreira (Portogallo) è attualmente Vice-Governatore del Banco de Portugal. È stata membro del Parlamento europeo per molti anni e era il ministro portoghese per la pianificazione e il ministro dell'ambiente. Dirige il portafoglio "Coesione e riforme".

Rovana Plumb (Romania) è un membro del Parlamento europeo (vicepresidente del gruppo social e democratici), E è un ex ministro nazionale dell'ambiente e dei cambiamenti climatici, ministro di labour, ministro dei fondi europei, ministro della pubblica istruzione e ministro dei trasporti. Lei lo farà essere a capo di il portafoglio "Trasporti".

Janez Lenarčič (Slovenia) è un diplomatico sloveno. Era segretario di stato per l'Europa Affari e ha lavorato a stretto contatto per diversi anni con le Nazioni Unite, il Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa e nell'Unione europea. Lo farà essere a capo di il portafoglio "Crisis Management".

Ylva Johansson (Svezia) è ministro nazionale del lavoro e anche ex ministro delle scuole, ministro della sanità e dell'assistenza agli anziani e membro del parlamento svedese. È anche esperta di tutto rispetto nei settori dell'occupazione, dell'integrazione, della salute e del benessere. Dirige il portafoglio "Affari interni".

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , ,

Categoria: Un Frontpage, Economia, EU, Commissione europea, In primo piano, Articolo in primo piano, Politica

I commenti sono chiusi.