Seguici sui social

Brexit

La burocrazia della Brexit crea un incubo britannico per il capitano della barca olandese

Pubblicato

on

Un furgone del Ministero degli Interni del governo britannico è parcheggiato nella zona ovest di Londra, in Gran Bretagna, in questa fotografia scattata l'11 maggio 2016. REUTERS/Toby Melville/File Photo
Il capitano della barca olandese Ernst-Jan de Groot, posa per una foto a poche miglia a est dell'isola scozzese di Bac Mor, noto anche come il cappello dell'olandese, in questa fotografia del volantino presa nel luglio 2015. Charles Lyster/Ernst-Jan de Groot/ Dispensa tramite REUTERS

Quando il capitano di una barca e ingegnere olandese Ernst-Jan de Groot ha chiesto di continuare a lavorare in Gran Bretagna dopo la Brexit, è rimasto intrappolato in un incubo burocratico a causa di un problema tecnico online e dice che ora rischia di perdere il lavoro, scrivere Guy Faulconbridge e Andrew Macaskill.

Con l'entrata in vigore delle nuove regole sull'immigrazione, de Groot affronta la prospettiva di perdere il diritto di venire in Gran Bretagna per lavorare a meno che non riesca a richiedere con successo un visto attraverso un sito web del governo entro la fine di giugno.

Dopo la sua uscita dall'orbita dell'Unione europea alla fine di dicembre, la Gran Bretagna sta cambiando il suo sistema di immigrazione, ponendo fine alla priorità dei cittadini dell'UE rispetto alle persone provenienti da altri paesi.

Mentre il governo ha finora elaborato più di 5 milioni di domande di cittadini dell'UE per continuare a vivere in Gran Bretagna, avvocati e attivisti stimano che ce ne siano decine di migliaia che, come de Groot, rischiano di non rispettare la scadenza.

Coloro che hanno successo non ricevono un documento fisico per dimostrare di avere il diritto di vivere o lavorare in Gran Bretagna, quindi rimangono ostaggi di siti Web quando devono mostrare prove del loro status alle frontiere o quando richiedono mutui o prestiti.

L'esperienza di de Groot e di altri otto candidati a cui ha parlato Reuters mostra come la Brexit abbia messo alcuni cittadini dell'UE alla mercé di siti Web e funzionari governativi e come la Gran Bretagna possa inavvertitamente scoraggiare le persone con le competenze di cui ha bisogno.

"Sono intrappolato in un labirinto burocratico che stupirebbe persino Kafka, e non c'è uscita", ha detto de Groot. "Ho provato tutto quello che mi veniva in mente per comunicare il semplice fatto che il loro sito web non funziona come dovrebbe."

De Groot, 54 anni, ha lavorato felicemente in Gran Bretagna negli ultimi sei anni.

Naviga su chiatte lunghe e strette dai Paesi Bassi all'Inghilterra per essere usate come case galleggianti. Trascorre anche alcuni mesi all'anno costruendo barche in un cantiere navale vicino a Londra e comanda un veliero lungo la costa occidentale della Scozia in estate.

Parlando fluentemente inglese, de Groot afferma di aver seguito le regole post-Brexit richiedendo un permesso di lavoro frontaliero per consentirgli di lavorare in Gran Bretagna pur non essendo residente.

La domanda online è stata semplice fino a quando non gli è stato chiesto di fornire una foto. La pagina successiva della sua domanda, che è stata esaminata da Reuters, diceva: "non è necessario fornire nuove foto" e non c'era la possibilità di caricarne una.

Poche settimane dopo, la sua domanda è stata respinta, per non avere una foto.

Inizia così un incubo labirintico di telefonate, email e disordine burocratico. De Groot stima di aver trascorso più di 100 ore a contattare funzionari governativi che, secondo lui, non erano in grado di aiutare o che hanno fornito informazioni contrastanti.

Alcuni funzionari gli hanno detto che c'era un problema tecnico che sarebbe stato risolto rapidamente. Altri hanno detto che non c'erano problemi.

Ogni volta che ha telefonato, de Groot ha detto di aver chiesto alla persona di registrare la sua denuncia. Nella sua ultima chiamata, ha detto che un funzionario gli ha detto che non avevano accesso ai singoli casi, quindi era impossibile.

Ha cercato di avviare una nuova applicazione per aggirare il problema, ma ogni volta che ha inserito il numero del suo passaporto si è collegato alla sua prima applicazione ed è rimasto intrappolato nel ciclo di caricamento delle foto.

Il Ministero dell'Interno, il dipartimento governativo che amministra la politica sull'immigrazione, non ha risposto alle richieste di commento sul caso de Groot o alla mancanza di documenti fisici che dimostrino lo status dei candidati ammessi.

RIPRENDI IL CONTROLLO

Negli ultimi due decenni, la Gran Bretagna ha sperimentato un'immigrazione senza precedenti. Quando faceva parte dell'UE, i cittadini del blocco avevano il diritto di vivere e lavorare nel paese.

La richiesta di ridurre l'immigrazione è stata una forza trainante dietro la campagna per la Brexit nel referendum del 2016, con i sostenitori che chiedevano alla Gran Bretagna di "riprendere il controllo" dei suoi confini.

La maggior parte dei cittadini dell'UE che desiderano rimanere dovrà aver richiesto lo status di residente prima di luglio. Altri, come de Groot, devono richiedere i visti per lavorare in Gran Bretagna.

I proprietari, i datori di lavoro, il servizio sanitario e altri dipartimenti pubblici potranno chiedere ai cittadini dell'UE prove del loro status di immigrazione dal prossimo mese.

Il Ministero degli Interni ha la reputazione di prendere di mira in modo aggressivo le persone che non hanno la documentazione corretta.

Il governo si è scusato tre anni fa per il trattamento riservato dal Ministero degli Interni a migliaia di migranti caraibici, a cui sono stati negati i diritti fondamentali, compresi alcuni che sono stati deportati ingiustamente, nonostante fossero arrivati ​​legalmente in Gran Bretagna decenni prima.

Finora quest'anno, a 3,294 cittadini dell'UE è stato negato l'ingresso in Gran Bretagna e alcuni sono stati portati nei centri di detenzione perché non potevano mostrare un visto corretto o il loro status di residenza.

Avvocati, enti di beneficenza e diplomatici affermano che alcuni cittadini dell'UE potrebbero non essere consapevoli della necessità di presentare domanda o che stanno lottando per destreggiarsi nella burocrazia.

Chris Benn, un avvocato britannico dell'immigrazione con Seraphus, uno studio legale incaricato dalla delegazione dell'UE nel Regno Unito per fornire consulenza sulle regole, ha trascorso gli ultimi tre anni a parlare a eventi spiegando ai cittadini dell'UE come navigare nel nuovo sistema.

Sebbene Benn abbia affermato che è impossibile sapere quante persone devono ancora presentare domanda, è preoccupato che decine di migliaia di persone, e forse centomila, possano perdere la scadenza.

Benn dice che sta ancora incontrando parlanti inglesi ben istruiti e fluenti che non si rendono conto di dover fare domanda. È particolarmente preoccupato per gli anziani e le persone nelle aree rurali, come quelle che lavorano nelle fattorie, potrebbero non essere a conoscenza delle nuove regole.

"Se anche una percentuale molto piccola perde, avrai problemi molto diffusi", ha detto.

IDENTITÀ SBAGLIATA

Sebbene il sistema abbia funzionato bene per milioni di persone, i nove cittadini dell'UE alle prese con le domande a cui ha parlato Reuters affermano che sembra sopraffatto. Si lamentano delle lunghe attese per parlare con il personale dei call center e, quando passano, non ricevono consigli specifici sul caso.

Uno di loro, uno studente spagnolo a Edimburgo, ha detto a Reuters di essere preoccupato di non poter finire gli studi perché la sua domanda di status stabilita a novembre è stata sospesa.

Tre giorni dopo aver presentato domanda, è stato informato in documenti esaminati da Reuters che la polizia considerava che fosse indagato per "condotta colpevole e sconsiderata" - un reato in Scozia per comportamento che espone un individuo, o il pubblico, a un rischio significativo per la propria vita o Salute.

Lo studente, che ha chiesto di non essere nominato pubblicamente per paura di compromettere le prospettive di carriera, ha detto di non aver mai avuto problemi con la polizia e di non avere idea di cosa potesse riguardare la presunta indagine.

Ha chiesto dettagli alla polizia scozzese. Nelle risposte viste da Reuters, hanno affermato che i loro database hanno mostrato che non era elencato per alcun crimine, né sotto indagine.

Ha contattato la sua università, i gruppi di campagna per i cittadini dell'UE e l'ambasciata spagnola chiedendo aiuto. Finora nessuno è riuscito a tirarlo fuori dal labirinto burocratico.

"Il panico è stato costante e graduale", ha detto. "Finisco per pensarci tutto il tempo perché potrei essere letteralmente cacciato dal paese".

Una portavoce della polizia scozzese ha rivolto le domande al Ministero degli Interni.

Il Ministero dell'Interno non ha risposto alle richieste di commento sul caso dello studente o ai reclami sui call center.

De Groot è ugualmente frustrato. La compagnia che di solito lo assume per comandare una nave in estate ha iniziato a cercare qualcun altro.

I diplomatici dicono che si profila un altro problema: cosa farà la Gran Bretagna con i cittadini dell'UE che non hanno i documenti giusti entro luglio?

Il governo ha affermato che coloro che non rispettano la scadenza perderanno il diritto a servizi come l'assistenza sanitaria gratuita non urgente e potrebbero essere espulsi. Le linee guida suggeriscono che la clemenza sarà concessa solo in alcuni casi, come per le persone con incapacità fisica o mentale.

Anche quelli con uno status stabile sono preoccupati che senza un documento fisico come prova, potrebbero comunque finire nel limbo dell'immigrazione se i siti web falliscono.

Quando Rafael Almeida, ricercatore in neuroscienze presso l'Università di Edimburgo, quest'anno ha chiesto un mutuo, gli è stato chiesto di fornire un codice di condivisione generato da un sito web del governo per dimostrare il suo status stabile.

Almeida ha detto che il sito web non avrebbe funzionato ed è stato accolto con un messaggio: "C'è un problema con questo servizio in questo momento. Riprova più tardi".

Dopo un mese di tentativi falliti di generare il codice, il mediatore di mutui di Almeida ha convinto il prestatore ad accettare solo il suo passaporto come prova di identità. Il sito web non funziona ancora.

Il Ministero dell'Interno non ha risposto alle richieste di commento.

Almeida è preoccupato che dal prossimo mese non potrà accedere all'assistenza sanitaria, fare domanda per un lavoro se mai lo vorrà, o tornare in Portogallo per vedere la famiglia o gli amici.

"Sono incredibilmente ansioso, sono incredibilmente frustrato con le persone che avrebbero dovuto prendersi cura di questo", ha detto. "Sono solo molto preoccupato per il futuro."

Brexit

Barnier, negoziatore dell'ex UE per la Brexit: la reputazione del Regno Unito è in gioco nella controversia sulla Brexit

Pubblicato

on

By

Il capo della task force per le relazioni con il Regno Unito, Michel Barnier partecipa al dibattito sull'accordo commerciale e di cooperazione UE-Regno Unito durante il secondo giorno di una sessione plenaria al Parlamento europeo a Bruxelles, Belgio, 27 aprile 2021. Olivier Hoslet/Pool via REUTERS

Michel Barnier, l'ex negoziatore della Brexit dell'Unione europea, ha dichiarato lunedì (14 giugno) che la reputazione del Regno Unito è in gioco per quanto riguarda le tensioni sulla Brexit.

I politici dell'UE hanno accusato il primo ministro britannico Boris Johnson di non aver rispettato gli impegni presi in merito alla Brexit. Le crescenti tensioni tra la Gran Bretagna e l'UE hanno minacciato di oscurare il vertice del Gruppo dei Sette di domenica, con Londra che ha accusato la Francia di commenti "offensivi" secondo cui l'Irlanda del Nord non faceva parte del Regno Unito. Per saperne di più

"Il Regno Unito deve prestare attenzione alla sua reputazione", ha detto Barnier alla radio France Info. "Voglio che il signor Johnson rispetti la sua firma", ha aggiunto.

Continua a leggere

Brexit

La tedesca Merkel sollecita un approccio pragmatico all'Irlanda del Nord

Pubblicato

on

By

Il cancelliere tedesco Angela Merkel (nella foto) sabato ha chiesto una "soluzione pragmatica" ai disaccordi su parte dell'accordo sulla Brexit che copre le questioni di confine con l'Irlanda del Nord, Reuters Per saperne di più.

Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che la Gran Bretagna farà "tutto il necessario" per proteggere la sua integrità territoriale in una disputa commerciale con l'Unione europea, minacciando misure di emergenza se non verrà trovata una soluzione.

L'UE deve difendere il suo mercato comune, ha detto Merkel, ma su questioni tecniche potrebbe esserci una via d'uscita nella controversia, ha detto in una conferenza stampa durante un vertice dei leader del Gruppo dei Sette.

"Ho detto che preferisco una soluzione pragmatica per gli accordi contrattuali, perché un rapporto cordiale è della massima importanza per la Gran Bretagna e l'Unione europea", ha detto.

Riferendosi a una conversazione avuta con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sulle questioni geopolitiche, la Merkel ha affermato di essere d'accordo sul fatto che l'Ucraina deve continuare a rimanere un paese di transito per il gas naturale russo una volta che Mosca avrà completato il controverso gasdotto Nord Stream 2 sotto il Mar Baltico.

Il gasdotto da 11 miliardi di dollari porterà direttamente il gas in Germania, cosa che Washington teme possa minare l'Ucraina e aumentare l'influenza della Russia sull'Europa.

Biden e Merkel si incontreranno a Washington il 15 luglio e la tensione sui legami bilaterali causata dal progetto sarà all'ordine del giorno.

Sabato il G7 ha cercato di contrastare la crescente influenza della Cina offrendo alle nazioni in via di sviluppo un piano infrastrutturale che rivaleggiasse con l'iniziativa Belt and Road da molti trilioni di dollari del presidente Xi Jinping. L5N2NU045

Alla domanda sul piano, la Merkel ha affermato che il G7 non è ancora pronto per specificare quanti finanziamenti potrebbero essere messi a disposizione.

"I nostri strumenti di finanziamento spesso non sono disponibili così rapidamente come i paesi in via di sviluppo ne hanno bisogno", ha affermato

Continua a leggere

Brexit

Macron offre a Johnson del Regno Unito "Le reset" se mantiene la sua parola sulla Brexit

Pubblicato

on

By

Il presidente francese Emmanuel Macron si è offerto sabato (12 giugno) di ripristinare le relazioni con la Gran Bretagna a condizione che il primo ministro Boris Johnson sostenga l'accordo di divorzio Brexit che ha firmato con l'Unione europea, scrive Michel Rose.

Da quando la Gran Bretagna ha completato la sua uscita dall'UE alla fine dello scorso anno, le relazioni con il blocco e in particolare con la Francia si sono inasprite, con Macron che è diventato il critico più accanito del rifiuto di Londra di onorare i termini di parte del suo accordo sulla Brexit.

In un incontro al Gruppo dei Sette nazioni ricche nel sud-ovest dell'Inghilterra, Macron ha detto a Johnson che i due paesi avevano interessi comuni, ma che i legami potrebbero migliorare solo se Johnson mantenesse la parola data sulla Brexit, ha detto una fonte.

"Il presidente ha detto a Boris Johnson che doveva esserci un ripristino delle relazioni franco-britanniche", ha detto la fonte, che ha parlato a condizione di anonimato.

"Questo può accadere a condizione che mantenga la parola data con gli europei", ha detto la fonte, aggiungendo che Macron ha parlato in inglese con Johnson.

L'Eliseo ha affermato che Francia e Gran Bretagna hanno condiviso una visione comune e interessi comuni su molte questioni globali e "un approccio condiviso alla politica transatlantica".

La Johnson incontrerà sabato il cancelliere tedesco Angela Merkel, dove potrebbe anche sollevare la controversia su una parte dell'accordo sul divorzio dell'UE chiamato Protocollo dell'Irlanda del Nord.

Il leader britannico, che ospita la riunione del G7, vuole che il vertice si concentri sulle questioni globali, ma ha tenuto duro sul commercio con l'Irlanda del Nord, invitando l'UE a essere più flessibile nel suo approccio per facilitare il commercio verso la provincia dalla Gran Bretagna .

Il protocollo mira a mantenere la provincia, che confina con l'Irlanda, membro dell'UE, sia nel territorio doganale del Regno Unito che nel mercato unico dell'UE. Ma Londra afferma che il protocollo è insostenibile nella sua forma attuale a causa dell'interruzione che ha causato alle forniture di beni di uso quotidiano all'Irlanda del Nord.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending