Seguici sui social

Cultura

"Nel nome della musica": celebrazione annuale dell'arte, del vino e dell'armonia in Georgia a Tsinandali

SHARE:

Pubblicato il

on

Tsinandali, in Georgia, potrebbe non essere un luogo di cui molti hanno sentito parlare, ma ha un immenso valore storico e culturale per il paese e funge da uno dei centri più rinomati per talenti artistici, letterari, musicali ed enologici. Situato nella regione di Kakheti, il cuore della regione vinicola della Georgia, il villaggio di Tsinandali era di proprietà del principe Alexander Chavchavadze, un 19enneth poeta aristocratico del secolo, uomo di lettere e benefattore pubblico noto come il "padre del romanticismo georgiano", che trasformò la sua tenuta ereditata in un centro culturale di apprendimento, arte, scienza e musica. Trasformando la sua tenuta in un vero e proprio giardino botanico, a sua volta circondato da alcuni dei vigneti più antichi e migliori della Georgia, la tenuta Tsinandali fu trasformata in un salone regionale che ospitò luminari come gli scrittori russi Alexander Lumontov e Alexander Pushkin, nonché lo scrittore francese Alexandre Dumas, scrive Michele Rossi.

Per gran parte del 19th secolo, la tenuta Tsinandali era conosciuta come un'oasi culturale di discussione letteraria, espressione artistica e viticoltura e, dal 2007, la Gruppo Via della Seta, un'organizzazione di investimento privato con sede in Georgia, ha investito massicciamente nel restauro della tenuta Tsinandali, con l'intenzione di riportarla al suo 19th secolo come centro di condivisione artistica e culturale. Il Gruppo è stato attivo nel commercializzare la Georgia come luogo per la vendita al dettaglio, il turismo, l'ospitalità e l'intrattenimento, con l'annuale Festival di Tsinandali come uno dei suoi eventi più popolari.

Oggi la tenuta ospita la Festival Tsinandali, un festival di musica classica di 10 giorni che invita alcuni degli artisti, direttori d'orchestra, compositori, studiosi di musica e artisti più famosi del mondo dal Caucaso, dai paesi vicini dell'ex Unione Sovietica e dalla regione più ampia "ad esplorare il mondo della musica e far progredire la loro formazione musicale attraverso seminari e masterclass professionali. Giunto al quinto anno consecutivo, dal 30 settembre al 9 ottobre, il Festival si è affermato come un ponte per gli scambi diplomatici e culturali tra i paesi del Caucaso e l'intera regione dell'ex Unione Sovietica. L'anno prossimo, nel 2024, la Filarmonica di Berlino si esibirà lì, dimostrando il suo crescente status e importanza all'interno della comunità musicale.

Pur funzionando solo ed esclusivamente per promuovere il dialogo, la pace e la cooperazione “in nome della musica”, l’orientamento civico del Festival è in netto contrasto con il contesto di instabilità politica in alcune parti dell’ex Unione Sovietica, come Ucraina e Azerbaigian. . Esempio perfetto di questo impegno per l'inclusione, il Festival ospita la Pan-Caucasian Youth Orchestra, che comprende oltre ottanta giovani musicisti della regione del Caucaso ed è guidata dal direttore musicale Gianandrea Noseda, residente sin dalla sua prima edizione nel settembre 2019. Questo Quest'anno l'orchestra ha portato giovani musicisti provenienti da Ucraina, Russia, Georgia, Azerbaigian, Armenia, Turchia, Kazakistan e Turkmenistan a suonare brani di musica classica, avvicinando le persone attraverso la musica e la cooperazione culturale.

Essendo uno dei progetti di punta del Silk Road Group, sia il Festival che la città di Tsinandali sono stati meticolosamente evidenziati come il legame storico della Georgia con la leggendaria Via della Seta che collegava le civiltà dalla Cina a est all'Impero bizantino a ovest e attraverso Asia centrale. Questa connessione con l'Asia centrale non si riflette solo nella line-up annuale di artisti, musicisti e artisti della regione, ma anche in uno dei principali partner del Silk Road Group, Yerkin Tatishev, presidente dell'azienda con sede a Singapore Gruppo Kusto, che è stato uno dei fondatori del Festival e da tempo sostiene l'evento come un'opportunità per presentare la regione sotto una luce più positiva al resto del mondo, al di là delle notizie politiche.

Eventi culturali come il Festival di Tsinandali possono servire come strumenti di soft power e diplomazia, poiché la Georgia sta rapidamente diventando una delle principali destinazioni per viaggi, affari e imprenditorialità. Imparando semplicemente a conoscere la produzione vinicola locale della Georgia insieme a centri storici di apprendimento e innovazione come la tenuta Tsinandali, la Georgia può essere orgogliosa di sapere che la propria storia, cultura, tradizioni e risultati sono simili nello stile ai vigneti del nord Italia, ai saloni di Parigi e i centri musicali di Vienna.

Inoltre, il Festival offre la partecipazione al più ampio vicinato della Georgia che promuove il tipo di collaborazione e cooperazione non solo lodato nei circoli dell'Europa occidentale, ma richiama anche l'armonia multiculturale del periodo sovietico e come questa diversità possa promuovere la pace nelle regioni. che sono spesso entrati in conflitto. Ciò è particolarmente necessario alla luce dei recenti eventi in Ucraina e Azerbaigian che hanno approfondito le divisioni politiche tra i governi di Mosca e Kiev, Baku e Yerevan, ma sono anche penetrati in impegni apparentemente non politici come partite di atletica in cui i giocatori si sono rifiutati di impegnarsi con i membri del team dell'altra parte o semplicemente rifiutarsi del tutto di competere. Il fatto che il Festival continui a dedicarsi allo spirito del dialogo attraverso l'arte, la musica e la collaborazione riflette l'essenza di ciò che è stata la Via della Seta della storia: un canale di scambio culturale, comunicazione di idee, armonia di gusti e sapori e una integrazione dei popoli.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending