Seguici sui social

Bulgaria

Il supercomputer più potente dell'Europa orientale sarà ospitato dalla Bulgaria. A cosa serve?

Pubblicato

on

Il gigante IT Atos ha affermato di aver consegnato completamente al Sofia Tech Park in Bulgaria un super computer che dovrebbe essere il dispositivo più potente dell'Europa orientale, scrive Cristian Gherasim, corrispondente da Bucarest.

Il sistema di elaborazione a petascala aiuterà notevolmente con le ambizioni tecnologiche della Bulgaria negli anni a venire.

I supercomputer serviranno nello sviluppo di applicazioni scientifiche, pubbliche e industriali in vari campi, tra cui bioinformatica, farmacia, dinamica molecolare e meccanica, chimica quantistica e biochimica, intelligenza artificiale, medicina personalizzata, bioingegneria, meteorologia e lotta ai cambiamenti climatici.

Atos, la società che fornisce il supercomputer, ha dichiarato in un comunicato stampa che il computer dovrebbe essere pienamente operativo nel luglio 2021.

“Questo sarà il supercomputer più potente dell'Europa orientale e aiuterà a sfruttare le ambizioni high-tech della Bulgaria. I team di progetto di Atos nella Repubblica Ceca hanno già avviato i test di configurazione e si prevede che il supercomputer inizierà a funzionare a livello operativo nel luglio 2021 ", ha affermato la società in un comunicato stampa.

Ma questo non è solo un risultato bulgaro, ma anche europeo, a vantaggio della ricerca scientifica europea, rafforzando l'innovazione e fornendo alla più ampia comunità scientifica strumenti di ricerca e sviluppo all'avanguardia.

Il supercomputer è cofinanziato dalla Repubblica di Bulgaria e dal programma EuroHPC JU dell'Unione Europea. L'investimento complessivo ammonta a 11.5 milioni di euro.

Il sistema di calcolo a petascala in Bulgaria sarà simile ad altri sistemi di supercalcolo nelle università e nei centri di ricerca di tutta Europa, come CINECA in Italia, IZUM in Slovenia, LuxProvide in Lussemburgo e Minho Advanced Computing Center dal Portogallo.

Il sistema informatico presente in Bulgaria consoliderà quindi la rete di capacità di ricerca dell'UE e rafforzerà i suoi sforzi per sviluppare nuove tecnologie e centri di ricerca nei suoi Stati membri.

Bulgaria

Il governo provvisorio in Bulgaria attacca la televisione di servizio pubblico nel tentativo di mettere a tacere l'opposizione

Pubblicato

on

La televisione di servizio pubblico in Bulgaria – BNT (televisione nazionale bulgara) sta vivendo un attacco istituzionale senza precedenti. Il governo, rappresentato dal ministro della Cultura Velislav Minekov, ha apertamente insistito sulle dimissioni del direttore generale della BNT Emil Koshlukov a causa della disapprovazione della politica editoriale dei media e della minaccia alla sicurezza nazionale del paese. Anche i leader del partito politico "Bulgaria democratica", così come di "C'è un popolo simile", che è vicino al presidente della Bulgaria Rumen Radev, hanno criticato il capo dei media.

Nella sua risposta al ministro della Cultura bulgaro, Emil Koshlukov gli ha ricordato che secondo la legge sulla radio e la televisione, il ministro non ha il diritto di interferire nella politica editoriale della televisione. Ha aggiunto che tale repressione avviene solo in Corea del Nord e per la prima volta nella storia della BNT, l'esecutivo si permette così sfacciatamente e senza tante cerimonie di scoraggiare i giornalisti.

Tuttavia, per il quarto giorno consecutivo, il ministro Minekov non ha smesso di attaccare. È il figlio di Velichko Minekov, che è lo scultore più vicino al dittatore comunista Todor Zhivkov e che ha giocato un ruolo importante nella nomenclatura del Partito Comunista prima della caduta della cortina di ferro. Velislav Minekov continua la tradizione familiare di usare l'arte come ponte verso il potere. Le sue opere fanno parte della collezione dell'oligarca Vassil Bojkov, sanzionato dagli Stati Uniti ai sensi del Global Magnitsky Act. Bojkov ha riconosciuto pubblicamente di aver pagato e gestito le proteste in Bulgaria la scorsa estate e Minekov era il loro leader organizzativo. Ciò porta a supposizioni ragionate che Minekov abbia aiutato Bojkov a rovesciare il governo di Boyko Borissov, in cambio della sua nomina a ministro nel governo ad interim del presidente Radev.

Nel frattempo, la BNT continua ad essere attaccata da altre organizzazioni, che hanno sostenuto le proteste nell'estate del 2020. Un'altra organizzazione che ha chiesto le dimissioni di Emil Koshlukov è il movimento civile BOEC. Sono stati resi pubblici a causa dei loro stretti contatti con un altro oligarca fuggito all'estero dalla giustizia bulgara: Tsvetan Vassilev. Ciò che accomuna tutti gli attacchi non è solo il tempo, ma anche l'obiettivo, ovvero far tacere la voce dell'opposizione del GERB.

Continua a leggere

Bulgaria

Il Tesoro sanziona individui bulgari influenti e le loro reti espansive per coinvolgimento nella corruzione engaging

Pubblicato

on

L'Ufficio per il controllo dei beni esteri (OFAC) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato tre individui bulgari ai sensi del "Magnitsky Act" per i loro ampi ruoli nella corruzione in Bulgaria, così come per le loro reti che comprendono 64 entità. L'amministrazione ritiene che la corruzione degradi lo stato di diritto, indebolisca le economie e la crescita economica, mina le istituzioni democratiche, perpetui i conflitti e privi i civili innocenti dei diritti umani fondamentali, e l'azione di oggi – la più grande azione contro la corruzione fino ad oggi – dimostra il Dipartimento della Il continuo sforzo del Tesoro per ritenere responsabili coloro che sono coinvolti nella corruzione. 

Il governo degli Stati Uniti continuerà a imporre conseguenze tangibili e significative a coloro che si dedicano alla corruzione e lavorano per proteggere il sistema finanziario globale dagli abusi.

"Gli Stati Uniti sono al fianco di tutti i bulgari che si sforzano di sradicare la corruzione promuovendo la responsabilità per i funzionari corrotti che minano le funzioni economiche e le istituzioni democratiche della Bulgaria", ha affermato il direttore dell'Ufficio per il controllo dei beni esteri Andrea M. Gacki. “La corruzione non solo priva i cittadini delle risorse, ma può erodere le istituzioni destinate a proteggerli. Questa designazione nell'ambito del programma di sanzioni Global Magnitsky dimostra che siamo impegnati a combattere la corruzione ovunque essa sia".

Questa azione prende di mira Vassil Kroumov Bojkov, un importante uomo d'affari e oligarca bulgaro; Delyan Slavchev Peevski, ex membro del Parlamento; Ilko Dimitrov Zhelyazkov, l'ex vice capo dell'Agenzia statale bulgara per le operazioni tecniche, nominato all'Ufficio nazionale per il controllo dei dispositivi speciali di raccolta di informazioni; e le società possedute o controllate dai rispettivi soggetti. Questi individui ed entità sono designati ai sensi dell'Ordine Esecutivo (EO) 13818, che si basa e implementa il Global Magnitsky Human Rights Accountability Act e prende di mira gli autori di gravi violazioni dei diritti umani e corruzione in tutto il mondo. Queste sanzioni coincidono con le azioni complementari intraprese dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per designare pubblicamente Peevski e Zhelyazkov, tra gli altri, ai sensi della Sezione 7031 (c) della Legge sugli stanziamenti del Dipartimento di Stato, operazioni estere e programmi correlati a causa del loro coinvolgimento in casi di corruzione significativa .

Le designazioni costituiscono la più grande azione Global Magnitsky intrapresa in un solo giorno nella storia del programma, prendendo di mira oltre 65 persone ed entità per i loro significativi atti di corruzione in Bulgaria. 

Le attività corrotte intraprese dalle persone designate oggi dimostrano come la corruzione pervasiva vada di pari passo con altre attività illecite. L'ampiezza dell'azione odierna mostra che gli Stati Uniti sosterranno lo stato di diritto e imporranno costi ai funzionari pubblici ea coloro ad essi collegati che utilizzano le istituzioni governative per profitto personale. La designazione di oggi smaschera Bojkov, Peevski e Zhelyazkov per aver abusato delle istituzioni pubbliche a scopo di lucro e impedisce a questi individui e alle loro aziende l'accesso al sistema finanziario statunitense. Per proteggere ulteriormente il sistema finanziario internazionale dagli abusi da parte di attori corrotti, il Tesoro incoraggia tutti i governi ad attuare misure antiriciclaggio appropriate ed efficaci per affrontare le vulnerabilità della corruzione.

Queste azioni inviano un forte segnale che gli Stati Uniti stanno dalla parte di tutti i bulgari che si sforzano di sradicare la corruzione. Ci impegniamo ad aiutare i nostri partner a realizzare il loro pieno potenziale economico e democratico affrontando la corruzione sistemica e ritenendo responsabili i funzionari corrotti. Il Tesoro resta impegnato a collaborare con la Bulgaria per affrontare le riforme antiriciclaggio che portano alla trasparenza e alla responsabilità finanziaria. Chiediamo alle autorità di regolamentazione di comunicare i rischi di fare affari con questi funzionari corrotti e le loro aziende.  

Vassil Kroumov Bojkov (Bojkov), un uomo d'affari e oligarca bulgaro, ha corrotto funzionari del governo in diverse occasioni. Questi funzionari includono un attuale leader politico e l'ex presidente della Commissione statale sul gioco d'azzardo (SCG) ora abolita. Bojkov ha anche pianificato di fornire una somma di denaro a un ex funzionario bulgaro e a un politico bulgaro all'inizio di quest'anno per aiutare Bojkov a creare un canale affinché i leader politici russi possano influenzare i funzionari del governo bulgaro.

Bojkov è attualmente a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, dove ha eluso con successo l'estradizione bulgara per una serie di accuse mosse nel 2020, tra cui la guida di un gruppo criminale organizzato, coercizione, tentata corruzione di un funzionario ed evasione fiscale. Nella sua indagine, l'ufficio del procuratore della Repubblica di Bulgaria ha scoperto che nel febbraio 2018, Bojkov ha pagato l'allora presidente della SCG 10,000 lev bulgari (circa $ 6,220) su base giornaliera per revocare le licenze di gioco dei concorrenti di Bojkov. A seguito di questo massiccio schema di corruzione, il presidente dell'SCG si è dimesso, è stato arrestato e l'SCG è stato abolito. Rimane un mandato internazionale per l'arresto di Bojkov mentre la sua influenza continua in Bulgaria. Prima delle elezioni parlamentari bulgare del luglio 2021, Bojkov ha registrato un partito politico che condurrà i candidati alle suddette elezioni per prendere di mira politici e funzionari bulgari.

Bojkov è designato ai sensi dell'EO 13818 per essere una persona che ha materialmente assistito, sponsorizzato o fornito supporto finanziario, materiale o tecnologico, o beni o servizi ao a sostegno della corruzione, inclusa l'appropriazione indebita di beni statali, l'espropriazione di beni privati ​​per guadagno personale, corruzione legata a contratti governativi o all'estrazione di risorse naturali o tangenti. 

L'OFAC sta inoltre designando 58 entità, tra cui Bulgarian Summer, registrate in Bulgaria che sono di proprietà o controllate da Bojkov o da una delle sue società:

  • Vabo-2005 EOOD, Servizi digitali EAD, Ede 2 EOOD, Nove Internal EOOD, Moststroy Iztok AD, Galenit Invest AD, Vabo 2008 EOOD, Proprietà del vertice EOOD, VB Management EOOD, Va Bo Company EOOD, Vabo Management EOOD, Vabo 2012 EOOD, Prim BG EAD, Eurogroup Engineering EAD, Kristiano GR 53 JSC AD, Nove-AD-Holding AD, Bul Partners Travel OOD, Commercio di proiettili OOD, Caritex Lucky AD, Sizif V OOD, Fondazione Tracia, Vabo interno ADe Estate bulgarar sono di proprietà o controllati da Bojkov.
  • Rex Loto AD è posseduto o controllato da Vabo-2005 EOOD.
  • Partner Eurobet OOD è posseduto o controllato da Servizi digitali EAD.
  • Eurobet OOD è posseduto o controllato da Partner Eurobet OOD.
  • Eurobet Trading EOOD è posseduto o controllato da Eurobet OOD.
  • Sistemi Vabo EOOD, Vato 2002 EOOD, Nove Development EOOD, Proprietà-VB OOD, Trans Nove OOD, Nove Partner OOD, Adler BG AD, Efbet Partners OODe Internews 98 OOD sono posseduti o controllati da Nove Internal EOOD.
  • Eurosadruzhie OOD Decart OOD sono posseduti o controllati da Sistemi Vabo EOOD.
  • Giochi numerici OOD, Distribuzioni della lotteria OOD, Lotteria nazionale OODe Eurofootball OOD sono posseduti o controllati da Eurosadruzhie OOD.
  • Lotteria Nazionale AD è posseduto o controllato da Nove Development EOOD.
  • Meliora Academica EOOD, Giochi di Domino OODe ML Build EAD sono posseduti o controllati da Decart OOD.
  • Giochi illimitati OOD è posseduto o controllato da VB Management EOOD.
  • Evrobet - Romania EOOD Vecchi giochi EOOD sono posseduti o controllati da Giochi illimitati OOD.
  • Vihrogonika AD è posseduto o controllato da Vabo Management EOOD.
  • Vabo 2017 OOD Lotteria BG OOD sono posseduti o controllati da Vabo 2012 EOOD.
  • Siguro EOOD è posseduto o controllato da Eurogroup Engineering EAD.
  • Trakia-Papir 96 OOD, Parkstroy-Sofia OOD, Casa Editrice Sport LTDe CSKA Basket ClubKA sono posseduti o controllati da Nove-AD-Holding AD.
  • Antico Patrimonio AD è posseduto o controllato da Fondazione Tracia.

Delyan Slavchev Peevski (Peevski) è un oligarca che in precedenza è stato deputato bulgaro e magnate dei media e si è regolarmente impegnato nella corruzione, usando il traffico di influenze e tangenti per proteggersi dal controllo pubblico ed esercitare il controllo su istituzioni e settori chiave della società bulgara. Nel settembre 2019, Peevski ha lavorato attivamente per influenzare negativamente il processo politico bulgaro nelle elezioni comunali del 27 ottobre 2019. Peevski ha negoziato con i politici per fornire loro sostegno politico e una copertura mediatica positiva in cambio della protezione dalle indagini penali.

Peevski si è anche impegnato nella corruzione attraverso il suo frontman Ilko Dimitrov Zhelyazkov (Zhelyazkov), l'ex vice capo dell'Agenzia statale bulgara per le operazioni tecniche ed ex funzionario dell'Agenzia statale bulgara per la sicurezza nazionale (DANS) che è stato nominato all'Ufficio nazionale per il controllo su Dispositivi speciali per la raccolta di informazioni. Peevski ha usato Zhelyazkov per condurre uno schema di corruzione che coinvolgeva documenti di residenza bulgari per persone straniere, nonché per corrompere funzionari governativi attraverso vari mezzi in cambio delle loro informazioni e lealtà. Ad esempio, a partire dal 2019, Zhelyazkov era noto per aver offerto tangenti ad alti funzionari del governo bulgaro che avrebbero dovuto fornire informazioni a Zhelyazkov per il successivo passaggio a Peevski. In cambio, Zhelyazkov avrebbe fatto in modo che le persone che accettavano la sua offerta fossero collocate in posizioni di autorità e fornissero anche una tangente mensile. Peevski e Zhelyazkov hanno anche avuto un funzionario in una posizione di leadership per sottrarre loro fondi nel 2019. In un altro esempio, all'inizio del 2018, questi due funzionari governativi hanno avviato uno schema per vendere documenti di residenza bulgari in cui i rappresentanti delle società avrebbero pagato tangenti a funzionari bulgari per garantire che i loro clienti ricevessero immediatamente i documenti di cittadinanza anziché effettuare il deposito di $ 500,000 o attendere i cinque anni per l'elaborazione di una richiesta legittima. Infine, Zhelyazkov ha anche ricattato un potenziale ministro del governo bulgaro con accuse penali dall'ufficio del procuratore generale della Bulgaria se il ministro non gli ha fornito ulteriore assistenza al momento della nomina.

Peevski e Zhelyazkov sono designati ai sensi dell'EO 13818 per essere persone straniere che sono funzionari governativi attuali o precedenti, o persone che agiscono per o per conto di tale funzionario, che sono responsabili o complici, o che si sono direttamente o indirettamente coinvolti in, corruzione, compresa l'appropriazione indebita di beni statali, l'espropriazione di beni privati ​​per guadagno personale, la corruzione relativa a contratti governativi o l'estrazione di risorse naturali, o concussione. 

L'OFAC designa anche sei entità registrate in Bulgaria che sono possedute o controllate da Peevski o da una delle sue società:

  • Int Ltd EOOD e Intrust PLC EAD sono di proprietà o controllate da Peevski.
  • BM Systems EAD, Int Invest EOOD, Inttrafik EOOD e Real Estates Int Ltd EOOD sono di proprietà o controllate da Intrust PLC EAD.

Di conseguenza, tutti i beni e gli interessi nella proprietà delle persone di cui sopra che si trovano negli Stati Uniti o in possesso o controllo di persone statunitensi sono bloccati e devono essere segnalati all'OFAC. Inoltre, vengono bloccate anche le entità che sono possedute, direttamente o indirettamente, per il 50% o più da una o più persone bloccate. A meno che non sia autorizzato da una licenza generale o specifica emessa dall'OFAC, o altrimenti esente, i regolamenti OFAC generalmente vietano tutte le transazioni da parte di persone statunitensi o all'interno (o in transito) negli Stati Uniti che coinvolgono proprietà o interessi in proprietà di persone designate o altrimenti bloccate. I divieti includono l'effettuazione di qualsiasi contributo o fornitura di fondi, beni o servizi da, a, oa beneficio di qualsiasi persona bloccata o la ricezione di qualsiasi contributo o fornitura di fondi, beni o servizi da tale persona.

Basandosi sul Global Magnitsky Human Rights Accountability Act, EO 13818 è stato emesso il 20 dicembre 2017, in riconoscimento del fatto che la prevalenza dell'abuso dei diritti umani e della corruzione che hanno la loro origine, in tutto o in parte sostanziale, al di fuori degli Stati Uniti, aveva raggiunto portata e gravità tali da minacciare la stabilità dei sistemi politici ed economici internazionali. L'abuso dei diritti umani e la corruzione minano i valori che costituiscono un fondamento essenziale di società stabili, sicure e funzionanti; avere impatti devastanti sugli individui; indebolire le istituzioni democratiche; degradare lo stato di diritto; perpetuare conflitti violenti; facilitare le attività delle persone pericolose; e minare i mercati economici. Gli Stati Uniti cercano di imporre conseguenze tangibili e significative a coloro che commettono gravi violazioni dei diritti umani o si dedicano alla corruzione, nonché di proteggere il sistema finanziario degli Stati Uniti dagli abusi da parte di queste stesse persone.

Dacci un'occhiata cliccando qui per visualizzare ulteriori informazioni sulla designazione.

Continua a leggere

Bulgaria

Kovatchev afferma che i passi intrapresi dal governo provvisorio bulgaro sono discutibili

Pubblicato

on

L'eurodeputato Andrey Kovatchev, presidente della delegazione bulgara del Partito popolare europeo, ha parlato a EU Reporter di una lettera che la delegazione ha inviato a tutti i deputati. La lettera afferma che il governo provvisorio, responsabile dell'organizzazione delle elezioni per l'11 luglio, si sta comportando in modo tale da mettere in discussione la loro neutralità. 

GERB - Il partito affiliato al PPE in Bulgaria, guidato da Boyko Borissov, è stato danneggiato dalle recenti accuse secondo cui i politici dell'opposizione avevano i loro telefoni intercettati. Kovatchev dice che se ci sono prove dietro queste accuse, allora le persone dovrebbero essere punite, tuttavia aggiunge che se non ci sono prove le accuse equivalgono a disinformazione prima delle elezioni.

L'argomento principale della lettera riguarda il ministro degli Interni Bojko Rashkov e le osservazioni che ha fatto in una recente intervista riferendosi ai politici come "ex persone" - una frase che risale al passato comunista della Bulgaria, quando le persone che erano avversari del governo erano descritto in questo modo. 

In un'accusa molto seria, i deputati affermano anche che il capo di gabinetto del ministro è in qualche modo legato all'oligarca del gioco d'azzardo Vasil Bozhkov, noto come "il teschio", un oligarca del gioco d'azzardo, che attualmente si nasconde a Dubai, dopo che sono state presentate 19 accuse contro lui in Bulgaria. Bozhkov intende partecipare alle prossime elezioni. 

Il Parlamento europeo ha sollevato la questione dello stato di diritto in Bulgaria nel 2019. EU Reporter ha intervistato i membri della 'Bruxelles per la Bulgariamanifestanti nell'ottobre 2019 che chiedevano nuove elezioni e riforme per porre fine alla corruzione. 

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending