Seguici sui social

Eurobarometro

La carenza di competenze è un problema serio per la maggior parte delle PMI dell’UE, mostra Eurobarometro

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

A nuovo sondaggio Eurobarometro ritiene che la carenza di competenze sia uno dei problemi più gravi per le piccole e medie imprese (PMI) nell'UE. La sfida della carenza di competenze è cresciuta nel corso degli anni e ora abbraccia tutti gli Stati membri dell’UE e tutti i settori dell’economia.

L'indagine è uno strumento utile per comprendere l'impatto della carenza di competenze sulle PMI e contribuirà all'elaborazione delle politiche della Commissione. Tra le altre cose, informerà l'attuazione del Pacchetto aiuti alle PMI è stata adottata nel settembre 2023 e prevede varie azioni per migliorare la situazione delle competenze per le PMI nell’UE. L'indagine ne integra anche un'altra pubblicata di recente Studio Eurobarometro che, tra l’altro, si concentra sulle attività di formazione e qualificazione delle imprese.

Alcuni dei conclusioni chiave dello studio Eurobarometro sono:

  • La carenza di competenze rappresenta un problema serio per le imprese più piccole e medie in Europa, essendo identificata come tale dal 53% delle microimprese (<10 dipendenti), dal 65% delle piccole imprese (10-49 dipendenti) e dal 68% delle medie imprese. imprese di grandi dimensioni (50-249 dipendenti). Guardando indietro ai due anni precedenti, il 61% delle microimprese e l’80% delle medie imprese hanno avuto difficoltà a trovare e assumere personale con le giuste competenze.
  • Le PMI si trovano spesso ad affrontare una carenza di competenze per quanto riguarda il personale tecnicamente formato come gli addetti ai laboratori, i meccanici o altri. Quasi la metà (42%) delle PMI europee ha dichiarato di dover far fronte a carenza di personale qualificato. Ciò è particolarmente problematico per le PMI del settore industriale e manifatturiero, con il 47% e il 50% delle PMI che lamentano problemi nell'assumere personale tecnico competente.
  • La carenza di competenze colpisce le PMI in vari modi, determinando un aumento del carico di lavoro per il personale esistente, la perdita di vendite o opportunità di vendita nonché una riduzione della redditività e della crescita.
  • Solo una PMI su sette (14%) riferisce di assumere personale proveniente da altri Stati membri dell’UE per far fronte alle carenze di competenze, sebbene questa percentuale sia più elevata per le PMI più grandi. Le barriere linguistiche e, in misura minore, le difficoltà amministrative sono state identificate come i principali ostacoli all’incremento dell’assunzione di personale qualificato in tutta l’UE.
  • La maggioranza delle PMI ha espresso una relativa soddisfazione per il sostegno politico ricevuto nell’affrontare le carenze di competenze, indicando al contempo ulteriori margini di miglioramento. Quando si tratta di politiche che meglio supportano le loro esigenze, le microimprese menzionano soprattutto gli incentivi fiscali (39%) e i sussidi diretti (28%), mentre il 38% delle aziende di medie dimensioni evidenzia come più utile la formazione per il miglioramento delle competenze.

sfondo

Le Studio Eurobarometro 537 su "PMI e carenze di competenze" è stato avviato nell'ambito della Anno europeo delle competenze. Si è svolto tra settembre e ottobre 2023 nei 27 Stati membri dell’UE, nonché in Islanda, Norvegia, Svizzera, Regno Unito, Macedonia del Nord, Turchia, Stati Uniti, Canada e Giappone. Sono state intervistate telefonicamente più di 19,350 aziende (sia PMI che grandi aziende). La principale relazione di analisi si concentra sulle PMI nell'UE (13 253 interviste), che vengono confrontate con quelle delle grandi aziende (con 250 o più dipendenti) intervistate nell'UE (855 interviste) e con quelle delle PMI in una selezione di paesi non -Paesi dell'UE (3 925 interviste).

Dopo la pubblicazione odierna, l'indagine sarà presentata all'annuale edizione dell'UE Assemblea delle PMI che si è svolto dal 13 al 15 novembre a Bilbao, in Spagna, ed è l'evento di punta dell'UE per le PMI, che riunisce centinaia di responsabili politici.

Anche nell'UE è stata riconosciuta la necessità di un ulteriore sostegno politico in materia di competenze Pacchetto aiuti alle PMI, che affronta le difficoltà incontrate da molte PMI dell'UE durante la continua serie di crisi politiche ed economiche. Presenta una serie completa di misure relative alla riduzione degli oneri amministrativi, al miglioramento dell'accesso ai finanziamenti, a misure di sostegno al ciclo di vita e ad azioni a sostegno delle competenze, compresa tra l'altro la facilitazione del riconoscimento reciproco delle qualifiche dei cittadini di paesi terzi. Il pacchetto prevede inoltre che la Commissione presenti presto una proposta per istituire un pool di talenti dell’UE e un’iniziativa per migliorare il riconoscimento delle qualifiche e delle competenze dei cittadini di paesi terzi per colmare le lacune di competenze nel mercato del lavoro dell’UE. Inoltre, la Commissione lavorerà con gruppi il cui potenziale imprenditoriale non sfruttato resta elevato, come le donne, i giovani e le persone con disabilità, attraverso campagne di sensibilizzazione, tutoraggio e coaching.

Maggiori informazioni

pubblicità

Studio Eurobarometro 537 su "PMI e carenze di competenze"

Sito dell'Eurobarometro

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending