Seguici sui social

Kazakistan

Confermata la schiacciante vittoria del partito al potere nelle elezioni kazake

SHARE:

Pubblicato il

on

La schiacciante vittoria del partito Amanat è stata confermata dalla Commissione elettorale centrale del Kazakistan. Altri cinque partiti saranno rappresentati anche nella camera bassa del parlamento del paese, i Mazhilis, scrive il redattore politico Nick Powell.

Un risultato che conferma non solo gli exit poll, ma anche la decisione del presidente Kassym-Jomart Tokayev di proporre maggiori poteri per il nuovo parlamento (avvalorato da un referendum) e poi indire elezioni anticipate. Il vincitore, con il 54% dei voti, è il partito Amanat (Impegno) che guidava, anche se la nuova costituzione pone il presidente al di sopra della politica dei partiti.

Il secondo posto, con l'11%, è stato preso dal socialdemocratico Auyl People's Democratic Party, suggerendo che il dibattito politico nel nuovo parlamento riguarderà più il ritmo della riforma, piuttosto che la sua direzione. Il neonato Partito Repubblica, fortemente favorevole alla riforma economica e sociale, è arrivato terzo con quasi il 9% dei voti.

Anche il Partito democratico Aq jol, il Partito popolare e il Partito nazionale socialdemocratico hanno superato la soglia del 5% per ottenere rappresentanza nei Mazhilis. Il partito dei verdi, Baytaq, non è riuscito a superare il limite con poco più del 2% di consensi. Nonostante la liberalizzazione delle norme sulla campagna elettorale e sulla formazione dei partiti, l'affluenza alle urne è stata di poco superiore al 54%, scendendo al 26% nella città più grande, Almaty.

In risposta ai risultati, il portavoce del servizio per l'azione esterna dell'Unione europea ha dichiarato il pieno sostegno dell'UE all'attuazione dei cambiamenti in corso in Kazakistan. L'UE ha sottolineato l'importanza di ulteriori riforme politiche e socioeconomiche, aggiungendo che la costruzione di istituzioni democratiche resilienti e di una società civile forte sono passi fondamentali verso un Kazakistan più inclusivo e democratico.

C'erano 793 osservatori di 12 organizzazioni internazionali e 41 paesi. "L'aumento della concorrenza, in particolare con i candidati auto-nominati, è uno sviluppo significativo", hanno affermato gli osservatori dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE.

Il deputato portoghese Pedro Roque Oliveira ha affermato che "il Kazakistan, un paese che sostiene le caratteristiche distintive di una democrazia, come lo stato di diritto, una forte opposizione e un governo rappresentativo, potrebbe servire da esempio per la regione". L'elezione è stata l'ultima votazione pubblica nel ciclo di rinnovamento politico, iniziato con un referendum e un'elezione presidenziale lo scorso anno e poi con un'elezione del Senato all'inizio di quest'anno.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending