Seguici sui social

Kazakistan

Gli exit poll kazaki mettono il partito al governo sulla buona strada per la vittoria elettorale

SHARE:

Pubblicato il

on

Con i voti ancora in corso, tre importanti exit poll in Kazakistan hanno messo il partito Amanat sulla buona strada per una comoda vittoria nelle elezioni per un parlamento che ha acquisito poteri in base alla nuova costituzione del paese. I risultati previsti indicano anche un'opposizione vivace, anche se divisa, nel nuovo Mazhilis, scrive il redattore politico Nick Powell.

Dopo le riforme costituzionali che hanno reso molto più facile sia la formazione di un partito politico sia la campagna elettorale, sembra che la maggior parte degli elettori kazaki sia rimasta fedele al partito Amanat, precedentemente guidato dal presidente Kassym-Jomart Tokayev. Ha lasciato il partito lo scorso anno, come parte delle riforme che hanno spostato il Kazakistan da una forma di governo superpresidenziale a un sistema presidenziale-parlamentare.

Tre diversi exit poll collocano tutti Amanat entro un punto percentuale del 54%. Conosciuto come Nur Otan (Radiant Fatherland) fino allo scorso anno, Amanat (Impegno) rappresenta l'appello del presidente Tokayev alla riforma dell'intero partito. Sembra che si sia adattato con successo al nuovo clima politico. Si tratta di un'ampia alleanza politica e la sua vittoria suggerisce che ora verrà attuata una più ampia politica ed economia.

Il socialdemocratico Auyl People's Democratic Party, che ha contestato le precedenti elezioni di Mazhilis senza ottenere un solo seggio, è in corsa per il secondo posto. Tutti e tre gli exit poll danno il 10% o l'11%. Anche il Partito democratico Aq jol e il Partito popolare sono sulla buona strada per superare la soglia del 5% richiesta per entrare nel Mazhilis, con il Partito nazionalsocialdemocratico che probabilmente riuscirà a superare la linea.

È probabile che il dibattito politico nel nuovo parlamento verterà più sul ritmo della riforma che sulla sua direzione. Il partito verde Baytaq potrebbe non aver ottenuto abbastanza voti. È anche ampiamente favorevole alle riforme del presidente, ma spera di ottenere più sostegno in un paese che ha visto due gravi disastri ecologici, uno causato dai test nucleari dell'era sovietica e l'altro dalla deviazione dell'acqua dal lago d'Aral da parte dell'ex Unione Sovietica.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending