Seguici sui social

Kazakistan

Il Kazakistan lavora alla restituzione dei fondi prelevati illegalmente

SHARE:

Pubblicato il

on

Non molto tempo fa, la leadership del Kazakistan ha offerto al popolo un nuovo concetto chiamato "Nuovo Kazakistan".

La principale differenza tra il "Nuovo Kazakistan" e il "Vecchio" sta nel dialogo aperto con la società, aumentando la trasparenza della pubblica amministrazione e garantendo la giustizia sociale, anche attraverso un'onesta ridistribuzione della ricchezza del Paese a favore del popolo.

Nel "vecchio" Kazakistan c'erano francamente problemi con questo.

Nel 2019, secondo le informazioni ufficiali, solo 162 persone controllavano completamente la metà della ricchezza di questo paese dell'Asia centrale. La maggior parte di questa ricchezza a quel tempo si trovava offshore a Ginevra, Londra, New York, Parigi e altri centri finanziari globali.

Il presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev ha incaricato il governo di sviluppare un piano per la restituzione di questi beni il prima possibile.

A quel tempo, secondo varie stime, anche secondo l'organizzazione internazionale per i diritti umani "Tax Justice Network", l'importo del capitale prelevato dal Kazakistan ha raggiunto i 160 miliardi di dollari.

Sì, questo è quanto è stato portato illegalmente fuori dal paese in 25 anni.

pubblicità

Per recuperare questo denaro, il Kazakistan ha prontamente costituito una commissione speciale per il ritorno di capitali dall'estero e il rafforzamento delle misure per contrastare il deflusso di fondi dal Paese. I suoi rappresentanti hanno subito iniziato a lavorarci attivamente.

In soli 6 mesi del 2022, secondo i dati ufficiali, sono stati restituiti al Kazakistan circa 1.5 miliardi di dollari. Inoltre, sono stati restituiti 398mila ettari di terreno per un valore di oltre 15 milioni di dollari, oltre a oltre 600 acri di binari ferroviari, che hanno permesso di ridurre le tariffe.

In generale, il Kazakistan prevede di utilizzare i beni restituiti per finanziare progetti volti a migliorare il benessere delle persone. Ora c'è una discussione attiva nella società su come e dove spendere questi soldi.

Nel frattempo, la commissione per la restituzione dei fondi prelevati illegalmente è proprio ora all'epicentro di un confronto internazionale su un altro asset importante: le risorse della banca kazaka di secondo livello "Jusan", che i suoi azionisti e l'ex management stanno cercando di ritirare per giurisdizioni estere.

Il paradosso è che questa banca esiste ancora grazie solo al sostegno finanziario statale sotto forma di milioni di dollari di proprietà dei contribuenti kazaki.

Rendendosi conto che il fallimento delle banche può causare tensioni sociali, le autorità kazake negli ultimi anni hanno periodicamente fornito sostegno a istituzioni finanziarie deboli, tra cui la banca "Jusan".

Dal 2017 sono stati spesi più di 11.5 miliardi di dollari per sostenere le banche di secondo livello in Kazakistan. Di questi, più di 3 miliardi di dollari sono stati ricevuti da "Jusan". Per questi motivi, le autorità del Kazakistan, a quanto pare, stanno discutendo in modo molto ragionevole per queste risorse.

La storia di questa banca è solo un episodio di una vasta campagna per la restituzione dei fondi, che le autorità del Kazakistan intendono portare avanti ulteriormente. La corruzione e l'ingiustizia sociale hanno da tempo minato le basi democratiche in Kazakistan, distrutto la fiducia del pubblico nelle istituzioni, creato condizioni disuguali per fare affari e portato a problemi economici.

Come giustamente si aspettano le autorità kazake, la restituzione dei fondi prelevati illegalmente e la lotta alla corruzione a tutti i livelli consentiranno al Paese di migliorare la propria immagine internazionale, attrarre nuovi investimenti esteri e aumentare la stabilità economica.

Tutte queste sono conseguenze naturali di tali trasformazioni. Ma qui è importante capire che questa storia alla fine non riguarda solo e nemmeno tanto i soldi.

La lotta del presidente K.Tokayev per la restituzione delle ricchezze sottratte al Paese è una manifestazione di coraggiosa volontà politica e un segnale serio, esterno ed interno. Il paese mostra ai suoi partner internazionali che è veramente impegnato nella lotta alla corruzione, apertura e trasparenza. All'interno del paese, il presidente del Kazakistan chiarisce allo stato e all'élite imprenditoriale che mette le idee di giustizia sociale per la popolazione al di sopra di ogni interesse personale.

Per il Kazakistan, un tale paradigma della pubblica amministrazione è un fenomeno estremamente insolito. Non è stato accettato in questo modo. 

Il Kazakistan rappresenta un esempio interessante e audace, la base su cui costruire uno stato veramente nuovo e prospero.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending