Seguici sui social

il mangiare

Bruxelles deve affrontare nuovi problemi a causa delle politiche sbagliate che mettono a rischio il settore alimentare europeo

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

La politica alimentare è sempre stata una questione spinosa per Bruxelles, una questione molto diffusa pubblica che l’UE avesse bandito le “banane pieghevoli” è diventato uno slogan per il Leave durante il referendum sulla Brexit, ad esempio, e i politici sembrano essere intervenuti nuovamente, con i produttori di formaggio francesi in rivolta per una proposta Legge europea sul riciclaggio, il regolamento sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio (PPWR).

Accusano la proposta di legge, che mira a eliminare gradualmente gli imballaggi monouso a favore di materiali riciclati, di mettere in pericolo una delle prelibatezze culinarie più apprezzate della Francia. I casari vedono nella legge la possibile messa al bando di uno dei loro biglietti da visita più caratteristici, la familiare scatola di legno in cui viene venduto il Camembert.

Come sanno gli appassionati di Camembert, il scatola di legno è più di un tocco rustico per evocare picnic e feste in giardino. La leggera cassa di legno è insostituibile, non solo perché è fondamentale per preservare il gusto unico del formaggio, nonché spesso necessaria per la stagionatura del formaggio, ma anche perché offre stabilità strutturale che consente al formaggio di non crollare durante trasporto.

Con l'avvicinarsi delle elezioni europee, una legislazione che potrebbe vietare le eleganti scatole di legno di Camembert rischia di trasmettere la caricatura di un'Europa fuori dal mondo e di far arrabbiare una comunità agricola già irritata per altre proposte politiche come l'introduzione di front-of-pack armonizzati (FOP) etichette nutrizionali.

Imparare a dare priorità alla legislazione di impatto

Sfortunatamente, i politici nella bolla di Bruxelles hanno la tendenza a rafforzare la sensazione di molti europei che le istituzioni europee fraintendano ciò che è importante per i cittadini, poiché perseguono politiche alimentari controverse con effetti ad ampio raggio mentre trascurano misteriosamente i reali problemi urgenti.

Da anni infuria un acceso dibattito sui piani di Bruxelles di armonizzare le etichette nutrizionali FOP, con molti esperti del settore agroalimentare che temono che l’UE sia sull’orlo di una grave crisi

pubblicità

passo falso politico. Per molto tempo, Nutri-Score, l'etichetta di origine francese, è stata la beniamina del movimento delle etichette FOP, ma l'etichetta ha subito enormi controversie da quando è nata. Sebbene il suo scopo presunto sia quello di sostenere un'alimentazione sana classificando gli alimenti da buoni a cattivi con l'aiuto di un voto in lettere, i continui cambiamenti nell'algoritmo dell'etichetta hanno portato al giusto rifiuto da parte dei paesi europei, molti dei quali hanno ora vietato l'uso dell'etichetta. , ritenendolo “fuorviante” per i consumatori. Non sono solo i consumatori a essere a rischio rispetto al Nutri-score: gli agricoltori temono che la demonizzazione di alcuni alimenti tradizionali possa incidere drasticamente sui loro affari.

Dopo anni di polemiche sulla proposta di imporre un’etichetta controversa come il Nutri-score in tutto il blocco, Bruxelles non può davvero permettersi un’altra politica discutibile che consoliderà la posizione dei produttori agricoli europei sentimento che i legislatori dell’UE non parlano per loro, eppure la proposta di legge sul riciclaggio sembra proprio questo.

Ambientalmente ed economicamente dubbio

Nella sua versione attuale, il testo proposto prevede che tutti gli imballaggi immessi sul mercato siano riciclabili entro il 2030, obbligando gli imballatori a istituire una catena di riciclo. I funzionari della Commissione Europea hanno insistito sul fatto che la legge non impedirebbe l’uso di imballaggi in legno come le famose scatole di Camembert, ma obbligherebbe semplicemente i produttori a migliorare la riciclabilità delle scatole, ma i produttori hanno avvertito che la creazione di una catena di riciclaggio del legno sarebbe difficile. e decisamente troppo costoso, circa 200 volte più costoso del vetro.

Gli esperti del settore si sono chiesti perché il legno sia nel mirino di Bruxelles – come ha affermato Guillaume Poitrinal, presidente della French Heritage Foundation: “la scatola di legno – a basse emissioni di carbonio, leggera, biodegradabile, prodotta in Francia – è migliore per il pianeta di quella plastica prodotta con il petrolio saudita, trasformata in Cina con l’elettricità alimentata dal carbone e che finirà negli oceani”. Claire Lacroix, amministratore delegato di Lacroix, un’azienda di imballaggi che produce scatole per i più grandi produttori di Camembert, ha inoltre osservato che “gli imballaggi in legno leggero rappresentano lo 0,001% dei rifiuti di imballaggio domestici”.

Sembra, quindi, che il rovesciamento di un intero settore difficilmente valga questo beneficio ambientale infinitesimale. Il testo proposto ha notevoli effetti a catena, mettendo a rischio 2000 posti di lavoro e 45 aziende. Con posti di lavoro e aziende a rischio, in un contesto di crisi globale del costo della vita e di una crisi globale tasso di disoccupazione in Francia, salito al 7.4% in ottobre, non sorprende che sia le piccole che le grandi aziende stiano unendo le forze contro la proposta.

Mentre la proposta presumibilmente lo farà esonerare formaggi che hanno protetto le etichette di denominazione di origine, ciò costituisce una parte relativamente piccola dei Camembert venduti, e i principali produttori di formaggio hanno avvertito che questa esenzione non risolve il problema. Come Lactalis sottolineato, “La scatola di legno non viene utilizzata per caso. La sua particolarità è che interviene nell'invecchiamento, nella maturazione di alcuni tipi di formaggi. Infatti è abbastanza permeabile, e quindi permette al formaggio di continuare a maturare. Non si tratta solo di confezionamento”, cosa che vale anche per i Camembert non AOP.

Rendendo omaggio alla nostra storia

Il valore culturale e storico del nostro cibo non è misurabile, il che rende doppiamente infelice quando Bruxelles sceglie di proporre politiche che lo mettono attivamente in pericolo. Molti cibi europei sono prodotti utilizzando metodi artigianali tramandati di generazione in generazione, tra cui il Camembert, minacciato dalla PPWR, e altri prodotti storici come jamon serrano che sono minacciati dalle etichette FOP come Nutri-Score. Il cibo in Europa è molto più di un semplice sostentamento, è parte integrante del tessuto della vita europea, incarnando tradizione, comunità e diversità.

Con le elezioni alle porte, Bruxelles farebbe bene a ricordare che le politiche che potrebbero influenzare negativamente il patrimonio culturale europeo raramente sono apprezzate dagli elettori. La proposta di regolamento PPWR potrebbe decimare un'industria, costare migliaia di posti di lavoro in Europa e lasciare l'amaro in bocca agli europei prima che si rechino alle urne.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending