Seguici sui social

Salute

La decisione sull'imballaggio alimentare è fondamentale per la strategia europea contro l'obesità

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Nelle scorse settimane l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato un rapporto nell'obesità in Europa. I suoi risultati erano sia allarmanti che, tuttavia, non sorprendenti. In tutto il continente, il 59% degli adulti è in sovrappeso e i livelli di obesità sono i secondi più alti al mondo dopo le Americhe, scrive Colin Stevens.

Il rapporto dell'OMS non potrebbe essere più tempestivo, poiché fa luce su un problema di 'proporzioni epidemiche' in Europa, con circa 200,000 casi di cancro e 1.2 milioni di decessi all'anno legati a complicazioni dovute al sovrappeso o all'obesità. Inoltre, secondo le tendenze recenti, vi sono anche pochi segnali di rallentamento dei tassi di obesità poiché i tassi di prevalenza sono aumentato del 138% dal 1991.

La sfida di educare e informare

Nonostante sia una sfida così pervasiva, i ricercatori hanno da tempo identificato molte delle principali cause degli alti tassi di obesità. Ad esempio, gli studi hanno costantemente scoperto che ricevere a migliore educazione è associato a una minore probabilità di essere morbosamente sovrappeso. È per questo motivo che il rapporto dell'OMS raccomanda di rendere l'educazione alimentare una parte obbligatoria dei curricoli scolastici di tutta Europa, un invito che è stato recentemente ripreso di Tudor Ciuhodaru, deputato socialista al Parlamento europeo.

Ma l'importanza dell'educazione non si ferma ai cancelli della scuola, tanto meno per quanto riguarda l'alimentazione. Ogni giorno i consumatori acquistano prodotti senza conoscere – o essere consapevoli – del loro valore nutritivo o della loro composizione. È per questo motivo che la Commissione europea ha deciso di spianare la strada all'adozione di un sistema standardizzato di etichettatura anteriore dell'imballaggio (FOPL), che fornirebbe ai consumatori di tutta Europa informazioni nutrizionali che consentano loro di compiere scelte alimentari informate e più sane .

Fare più male che bene

Ma mentre poche persone sosterrebbero la necessità di fornire ai consumatori gli strumenti per prendere decisioni più sane al momento dell'acquisto di cibo, non tutti i sistemi FOPL attualmente presi in considerazione sono all'altezza del compito. Ad esempio, uno dei principali contendenti, il sistema di punteggio Nutri, farebbe ben poco far sapere consumatori e potrebbe forse causare più danni che benefici.

pubblicità

Il sistema di punteggio Nutri si basa sull'assegnazione ai prodotti di un voto, da A (il migliore) a E (il peggiore), che viene presentato su un'etichetta colorata a semaforo. La logica è semplice: i cibi sani hanno un buon punteggio e quelli malsani uno cattivo. I problemi, tuttavia, derivano dall'algoritmo del sistema, che valuta i prodotti in base ai valori nutrizionali di a Porzione da 100 g o 100 ml. Ma non tutti i prodotti vengono consumati in quella quantità, portando molti prodotti sani - che hanno il loro giusto posto in una dieta equilibrata, come i normali condimenti per insalata - a ricevere un punteggio negativo che potrebbe scongiurare consumatori ignari.

Le distorsioni causate dalle semplificazioni del Nutri-score, però, non finiscono qui, perché l'algoritmo è indifferente anche alla distinzione tra tipi di grassi saturi e insaturi, o tra cibi non trasformati e ultra-lavorati. Inoltre, lo schema Nutri-score è anche cieco all'uso di dolcificanti artificiali, rendendolo così facile per il cibo spazzatura prodotti per aggirare il sistema e ottenere un punteggio ingannevolmente positivo.

Meglio, non meno informazioni

Ma cosa significherebbe il punteggio Nutri per le diete europee? In primo luogo, l'enfasi del sistema sulla penalizzazione di tutti gli alimenti ricchi di grassi avrebbe un effetto negativo sui prodotti protetti dalle etichette di denominazione di origine. Già, il Associazione Produttori Caseari Italiani, il francese confederazione di Roquefort, e altre associazioni di categoria hanno espresso la loro preoccupazione su come l'adozione del punteggio Nutri, che li vedrebbe ricevere voti negativi, potrebbe allontanare i consumatori dai loro prodotti.

In tal modo, Nutri-score penalizzerebbe non solo i prodotti locali e le prelibatezze culinarie tradizionali, ma anche diversi alimenti base della dieta mediterranea, come i formaggi, l'olio d'oliva e altri grassi vegetali. Riconosciuto in tutto il mondo come uno dei regimi alimentari più sani, la dieta mediterranea sta affrontando la crescita minaccia di scomparsa, poiché le giovani generazioni in Grecia, Italia e Spagna hanno abbracciato bevande zuccherate e cibo spazzatura. Piuttosto che aiutare a proteggere e far rivivere la dieta mediterranea, il punteggio Nutri probabilmente lo tratterebbe un colpo fatale.

Tenendo conto di tutte queste limitazioni, è difficile sostenere che il punteggio Nutri aiuterebbe a risolvere la crisi dell'obesità in Europa. Piuttosto che informare i consumatori, il sistema sembra più propenso a fuorviare. È per questo che esperti nutrizionisti come Luca Piretta hanno chiesto un ripensamento, mettendo in dubbio la necessità di classificare il cibo in uno dei due gruppi – buono o cattivo – senza fare i conti con le sfumature. In una recente intervista, ha ricordato che una dieta equilibrata “non è fatta solo di un tipo di cibo. Non dal cibo con codice verde che ti fa pensare di poterlo mangiare senza limiti, né dal cibo con codice rosso che fa sembrare quel cibo proibito.

Invece di fornire ai consumatori meno informazioni attraverso un sistema di classificazione eccessivamente semplificato, è possibile fornirgliene better informazioni che possono aiutare a prendere decisioni informate. È per questo che il governo italiano ha dato il suo appoggiarsi a un'alternativa Sistema FOPL chiamato Nutrinform, che invece utilizza i simboli della batteria per dire ai consumatori quanta energia, grassi e zuccheri sono contenuti in un prodotto in proporzione al loro totale giornaliero raccomandato.

Con la decisione finale su quale sistema adottare deve ancora essere presa dalla Commissione Europea, la posta in gioco non potrebbe essere più alta. Se l'Europa vuole iniziare ad affrontare efficacemente il problema dell'obesità, una parte fondamentale della strategia deve essere quella di informare ed educare i consumatori a fare scelte migliori. La scelta del miglior sistema di etichettatura applicabile a ogni prodotto alimentare è un primo passo fondamentale, ed è uno di quelli che l'UE non può permettersi di sbagliare.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending