Seguici sui social

Frontpage

2 ° premio - Student Journalism Awards - Cosa significa per me frequentare una scuola internazionale? - Maxime Tanghe

Pubblicato

on

La parola "internazionale" mi ritrae un'armonizzazione di credenze e culture. Richiede una notevole quantità di rispetto ed eticità, che dovrebbero essere della massima importanza per la nostra società in fase di modernizzazione. Essere uno studente in una scuola internazionale ha cambiato radicalmente la mia prospettiva non solo su me stesso e sulla mia percezione dell'umanità, ma ha anche influenzato direttamente il modo in cui valuto e tratto gli altri. Insieme a ciò è arrivato un drastico cambiamento nel mio atteggiamento, comportamento e, in particolare, un cambiamento intrinseco ai miei valori e principi morali, il tutto causato da questa fantastica esposizione a una varietà di culture, morali e credenze. 

La mia convinzione appassionata e la mia difesa dei benefici di questa esposizione sono dovute alla mia esperienza personale. Il mio viaggio è iniziato come un bambino di cinque anni di mentalità aperta ed energica quando ho lasciato la mia città natale di Bruxelles per trasferirmi a Berlino. Una città in continua evoluzione piena di diversità culturale e rispetto generale per tutti i diversi interessi e percezioni. Sono stato direttamente affascinato da questa mentalità. La mentalità di essere aperti a tutto e di rispettare tutti, non importa chi siano. Anche se ho frequentato una scuola tedesca tradizionale, la città mi ha già plasmato in ciò che volevo essere.

All'età di dieci anni, a parte la mia precedente base di "internazionalismo", iniziò il mio "vero" viaggio scolastico internazionale. È stato allora che sono tornato nel cuore dell'Europa e sono andato alla Scuola Europea di Bruxelles. Questo apprezzamento per le scuole internazionali è cresciuto rapidamente man mano che sono diventato sempre più consapevole dei vari vantaggi e privilegi di frequentare una scuola internazionale, come l'inclusione di tutte le lingue e background etici mi ha permesso di apprezzare le culture nel modo più diretto e autentico. Ero direttamente più incuriosito dall'imparare nuove lingue e viaggiare in diverse destinazioni per sperimentare una vasta gamma di culture.

Come risultato di questo crescente desiderio di imparare nuove lingue e culture, ho convinto i miei genitori a farmi frequentare la British School of Brussels. Volevo superare la mia barriera linguistica con la grande popolazione internazionale di lingua inglese. Da allora associo l'essere uno studente di una scuola internazionale con il duro lavoro, la determinazione e l'entusiasmo di acquisire nuove competenze combinate con l'obiettivo di cogliere nuove opportunità e impostare sfide.

Far parte di questa comunità cosmopolita ha anche il grande vantaggio di creare un percorso di carriera visionario e internazionale. Avere la comodità di incontrare ogni giorno così tanti alunni diversi e unici, consente di costruire una rete influente di connessioni che possono amare una vita sociale. Sicuramente lo ha fatto per me, perché posso godermi la compagnia di amici da tutto il mondo. Ciò rende ogni incontro un'esperienza culturale completamente diversa insieme alla conoscenza e al piacere che genera. Non solo c'è questo fantastico aspetto sociale di uno studente internazionale, ma c'è anche una maggiore possibilità di entrare in università di alto livello in tutto il mondo. Come disse una volta Nelson Mandela: "L'istruzione è l'arma più potente che puoi usare per cambiare il mondo". Allo stesso tempo, questa rete di persone ha la possibilità di fungere da potente strumento per portare avanti qualsiasi questione commerciale o professionale. Quindi, associo l'essere uno studente di una scuola internazionale con un'eccellente vita sociale, innumerevoli opportunità e un futuro luminoso.

Una citazione che risuona fortemente con la mia idea di essere uno studente in una scuola internazionale è che: "Semplici scambi possono abbattere i muri tra noi, perché quando le persone si incontrano e parlano tra loro e condividono un'esperienza comune, allora la loro comune umanità è rivelato "-Barack Obama. Il modo in cui interpreto questa deliziosa citazione del nostro scenario è che quei regolari scambi culturali che avvengono in una scuola internazionale, ci uniscono e sradicano la disuguaglianza.

A causa dei molti privilegi associati all'essere uno studente in una scuola internazionale, credo che ci sia un certo senso di gelosia da parte di estranei. Il che potrebbe essere causato dalla posizione prestigiosa e fortunata in cui ci troviamo insieme alla percezione di essere un po 'arroganti. Tuttavia, la maggior parte di noi apprezza profondamente questa opportunità offerta. Includendo me stesso, sono più che grato di essere in questa posizione e mi sento estremamente fortunato per aver sperimentato questi privilegi. A mio parere, essere arroganti vanificherebbe l'intero scopo di essere e rappresentare questa immagine studentesca internazionale di essere inclusivo, culturalmente consapevole e rispettoso. Per questo motivo, credo che qualsiasi studente che abbia un senso di arroganza non faccia parte della vera immagine e scopo di essere uno studente in una scuola internazionale. Di conseguenza, sono decisamente una minoranza poiché la maggior parte di noi non ha certamente questa mentalità negativa.

Nel complesso, la mia passione per essere uno studente in una scuola internazionale è profonda e quasi travolgente. Ciò è dovuto agli infiniti vantaggi a cui riesco a pensare e trovare degli svantaggi è estremamente difficile. Mi ha cambiato positivamente e può cambiare anche te! Sono convinto che integrare e abbracciare alcune delle caratteristiche e dei principi che si trovano negli studenti delle scuole internazionali possa avere un impatto positivo sulla vita di tutti. Quindi è necessario chiedersi: "Come posso integrare un po 'di internazionalismo nella mia vita personale?" Che si tratti di imparare e sperimentare nuove culture o semplicemente di essere più aperti. Ogni cambiamento in questa direzione avrà un impatto sostanziale sul nostro futuro.

Continua a leggere

Economia

L'emissione di obbligazioni verdi rafforzerà il ruolo internazionale dell'euro

Pubblicato

on

I ministri dell'Eurogruppo hanno discusso del ruolo internazionale dell'euro (15 febbraio), a seguito della pubblicazione della comunicazione della Commissione europea del (19 gennaio), "Il sistema economico e finanziario europeo: promuovere la forza e la resilienza".

Il presidente dell'Eurogruppo, Paschal Donohoe, ha dichiarato: "L'obiettivo è ridurre la nostra dipendenza da altre valute e rafforzare la nostra autonomia in varie situazioni. Allo stesso tempo, un maggiore utilizzo internazionale della nostra valuta implica anche potenziali compromessi, che continueremo a monitorare. Durante la discussione, i ministri hanno sottolineato il potenziale dell'emissione di obbligazioni verdi per migliorare l'uso dell'euro da parte dei mercati, contribuendo anche al raggiungimento del nostro obiettivo di transizione climatica ".

L'Eurogruppo ha discusso la questione più volte negli ultimi anni dal Vertice euro del dicembre 2018. Klaus Regling, amministratore delegato del meccanismo europeo di stabilità, ha affermato che l'eccessivo affidamento al dollaro conteneva dei rischi, citando come esempi l'America Latina e la crisi asiatica degli anni '90. Ha anche fatto riferimento obliquamente a "episodi più recenti" in cui il predominio del dollaro significava che le aziende dell'UE non potevano continuare a lavorare con l'Iran di fronte alle sanzioni statunitensi. Regling ritiene che il sistema monetario internazionale si stia lentamente muovendo verso un sistema multipolare in cui tre o quattro valute saranno importanti, inclusi dollaro, euro e renminbi. 

Il commissario europeo per l'Economia, Paolo Gentiloni, ha convenuto che il ruolo dell'euro potrebbe essere rafforzato attraverso l'emissione di green bond, migliorando l'uso dell'euro da parte dei mercati, contribuendo anche al raggiungimento dei nostri obiettivi climatici dei fondi dell'UE di nuova generazione.

I ministri hanno convenuto sulla necessità di un'ampia azione a sostegno del ruolo internazionale dell'euro, che comprenda progressi, tra l'altro, nell'Unione economica e monetaria, nell'Unione bancaria e nell'Unione dei mercati dei capitali per garantire il ruolo internazionale dell'euro.

Continua a leggere

EU

La corte europea dei diritti umani sostiene la Germania sul caso di attacco aereo di Kunduz

Pubblicato

on

By

Un'indagine della Germania su un attacco aereo mortale del 2009 vicino alla città afgana di Kunduz, ordinato da un comandante tedesco, ha rispettato i suoi obblighi di diritto alla vita, ha stabilito martedì (16 febbraio) la Corte europea dei diritti dell'uomo, scrive .

La sentenza del tribunale di Strasburgo respinge una denuncia del cittadino afghano Abdul Hanan, che ha perso due figli nell'attacco, secondo cui la Germania non ha adempiuto al proprio obbligo di indagare efficacemente sull'incidente.

Nel settembre 2009, il comandante tedesco delle truppe NATO a Kunduz ha chiamato un jet da combattimento statunitense per colpire due camion di carburante vicino alla città che la NATO credeva fosse stata dirottata dai ribelli talebani.

Il governo afghano ha detto che all'epoca 99 persone, tra cui 30 civili, sono state uccise. Gruppi per i diritti indipendenti stimati tra 60 e 70 civili sono stati uccisi.

Il bilancio delle vittime ha scioccato i tedeschi e alla fine ha costretto il suo ministro della Difesa a dimettersi per le accuse di aver coperto il numero di vittime civili nel periodo precedente le elezioni tedesche del 2009.

Il procuratore generale federale tedesco aveva riscontrato che il comandante non incorreva in responsabilità penale, principalmente perché era convinto quando aveva ordinato l'attacco aereo che non fossero presenti civili.

Affinché fosse responsabile ai sensi del diritto internazionale, si sarebbe dovuto ritenere che avesse agito con l'intento di causare un numero eccessivo di vittime civili.

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha considerato l'efficacia delle indagini della Germania, incluso se ha stabilito una giustificazione per l'uso letale della forza. Non ha considerato la legalità dell'attacco aereo.

Di 9,600 soldati della NATO in Afghanistan, la Germania ha il secondo più grande contingente dietro gli Stati Uniti.

Un accordo di pace del 2020 tra i talebani e Washington prevede il ritiro delle truppe straniere entro il 1 ° maggio, ma l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta riesaminando l'accordo dopo un deterioramento della situazione della sicurezza in Afghanistan.

La Germania si prepara a prorogare il mandato per la sua missione militare in Afghanistan dal 31 marzo fino alla fine di quest'anno, con il livello delle truppe che rimane fino a 1,300, secondo una bozza di documento visionata da Reuters.

Continua a leggere

EU

Digitalizzazione dei sistemi giudiziari dell'UE: la Commissione avvia una consultazione pubblica sulla cooperazione giudiziaria transfrontaliera

Pubblicato

on

Il 16 febbraio la Commissione Europea ha lanciato un consultazione pubblica sulla modernizzazione dei sistemi giudiziari dell'UE. L'UE mira a sostenere gli Stati membri nei loro sforzi per adattare i loro sistemi giudiziari all'era digitale e migliorarli Cooperazione giudiziaria transfrontaliera dell'UE. Il commissario alla giustizia Didier Reynders (nella foto) ha dichiarato: “La pandemia COVID-19 ha ulteriormente evidenziato l'importanza della digitalizzazione, anche nel campo della giustizia. I giudici e gli avvocati hanno bisogno di strumenti digitali per poter lavorare insieme in modo più rapido ed efficiente.

Allo stesso tempo, i cittadini e le imprese necessitano di strumenti online per un accesso più facile e trasparente alla giustizia a un costo inferiore. La Commissione si sforza di portare avanti questo processo e sostenere gli Stati membri nei loro sforzi, anche per quanto riguarda l'agevolazione della loro cooperazione nelle procedure giudiziarie transfrontaliere utilizzando i canali digitali ". Nel dicembre 2020 la Commissione ha adottato un comunicazione delineando le azioni e le iniziative intese a promuovere la digitalizzazione dei sistemi giudiziari in tutta l'UE.

La consultazione pubblica raccoglierà opinioni sulla digitalizzazione delle procedure civili, commerciali e penali transfrontaliere dell'UE. I risultati della consultazione pubblica, a cui può partecipare un'ampia gamma di gruppi e individui e che è disponibile qui fino all'8 maggio 2021, alimenterà un'iniziativa sulla digitalizzazione della cooperazione giudiziaria transfrontaliera prevista per la fine di quest'anno, come annunciato nel Programma di lavoro della Commissione 2021.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending