Seguici sui social

Frontpage

3 ° premio - Student Journalism Awards - Cosa significa per me essere in una scuola internazionale? - Adam Pickard

SHARE:

Pubblicato il

on

Le scuole internazionali sembrano avere la reputazione di essere insolite, forse anche un po 'eccentriche. Ma avendone frequentate due, una a Berlino e una a Bruxelles, non sono poi così diverse dalle scuole non internazionali. Non esiste un'esperienza scolastica internazionale universalmente definita; entrambe le mie scuole erano considerevolmente diverse l'una dall'altra - solo una di esse portava persino il soprannome di "scuola internazionale" nel suo nome. Per me sono solo scuole. Questo pezzo potrebbe anche essere intitolato "Cosa significa per me essere a scuola".

Ok, suppongo che la differenza fondamentale sia indicata dalla parola "internazionale". La mia scuola elementare nel sud-ovest di Londra era prevalentemente britannica; certamente c'erano molti bambini di origini non britanniche, spesso dall'India o dal Medio Oriente, come quelli che si trovano in una città culturalmente diversificata come Londra, ma questo era oltre il punto. La maggior parte di loro era nata e cresciuta nel Regno Unito e, a parte una presentazione tematica occasionale alla classe sul Diwali o sui costumi musulmani, la loro connessione con una comunità internazionale più ampia era più o meno irrilevante. Occasionalmente ci sarebbero state etnie più anomale; un ragazzo era tedesco-italiano, mentre una nuova ragazza è stata rivendicata da tutti gli insegnanti prima del suo arrivo come polacca, fino a quando è arrivata e abbiamo scoperto che in realtà era ungherese. Questi sono stati stranezze e sono stati inclusi tra i fatti interessanti che sapevamo su ciascuno dei nostri coetanei - sono rimasti sicuramente con me.

Trasferirsi in una scuola internazionale a Berlino ha cambiato sostanzialmente questa dinamica. Qui le nazionalità predominanti erano tedesche e americane, ma anche loro costituivano a malapena la metà del corpo studentesco. Uno dei primi studenti che ho incontrato è nato in Inghilterra da padre spagnolo e madre polacca. Guardando le vecchie foto di classe ricordo bulgari, israeliani, coreani, danesi, giapponesi-brasiliani… la lista cancellerebbe il conteggio delle parole di questo articolo. Anche gli americani erano spesso ben viaggiati, con genitori diplomatici precedentemente distaccati in località remote. Certamente sembrava diverso dal sud-ovest di Londra.

La scuola si è impegnata per darci un'istruzione internazionale e abbiamo organizzato assemblee su cibi e festival culturali, settimane a tema su alcuni paesi, programmi con un focus leggermente più multiculturale. Gli insegnanti incoraggiavano gli studenti provenienti da contesti più diversi a parlare delle loro culture e spesso si conformavano. L'obiettivo era, ovviamente, creare un senso di solidarietà internazionale, ma per certi versi sembrava quasi un po 'più diviso. Le nazionalità si radunavano molto più di quanto non facessero alla scuola elementare: tutti i bambini russi erano sempre amici, per esempio. Le persone potevano escludere gli altri dalla conversazione passando allo spagnolo o al coreano in un attimo: i tedeschi erano particolarmente noti per averlo fatto a Berlino.

Non sto suggerendo che ci fosse una rivalità attiva o una tensione razziale tra le nazioni o altro; ci veniva insegnato ad essere il più accettabili possibile, e per lo più lo eravamo. Ma nel bizzarro panorama multietnico della scuola internazionale, fuori dal tuo ambiente naturale, condividere una nazionalità con un dato studente era al massimo raro. Con così tante persone provenienti da così tanti luoghi diversi, si tendeva a cercare quelli con un'esperienza condivisa, un argomento di conversazione se non altro. Spesso, essendo lontano da casa, desideravo solo che ci fossero più inglesi, che mangiassero cibi inglesi e ricordassero i programmi televisivi inglesi per bambini.

Ovviamente c'erano ancora molte amicizie transnazionali. Molti studenti erano già stati in scuole internazionali e hanno navigato bene nel paesaggio. Ma in questo tipo di relazioni, le nazionalità non venivano spesso discusse; senza l'esperienza condivisa della nazionalità, la conversazione di solito si rivolgeva alla scuola, proprio come nelle scuole non internazionali. Potresti avere una discussione molto più coinvolgente con qualcuno su come il dipartimento artistico fosse un disastro totale di quanto potresti mai su come fosse la loro vita da nigeriano che viveva in Grecia. I loro legami con una più ampia comunità internazionale non erano più rilevanti di quanto lo fossero stati in Inghilterra.

In realtà c'erano alcune eccezioni chiave a questo. La politica era una; Ho discusso con coreani e polacchi sulle loro elezioni generali e ho imparato molto sulla struttura politica di entrambi i paesi, mentre cercavo disperatamente di offrire una spiegazione coerente della politica britannica in cambio - queste discussioni sembrano essere diventate più frequenti quando invecchiamo e diventiamo più consapevoli politicamente. Un'altra eccezione sono stati gli argomenti di buon umore tra i paesi, dove ho difeso il Regno Unito contro Stati Uniti, Francia e Germania su una vasta gamma di argomenti. A volte avevano le loro radici nella politica, ma spesso riguardavano solo aspetti della cultura, ad esempio "La Gran Bretagna ha una televisione migliore degli Stati Uniti". Ciò significava che raramente si trasformavano in una vera animosità, e spesso finivano per scherzare bonariamente sugli stereotipi di ogni nazione. Ma grazie a queste controversie, mi sentivo molto più patriottico come inglese a Berlino di quanto non fossi mai stato in Inghilterra.

pubblicità

Trasferirsi in una scuola britannica a Bruxelles onestamente non ha cambiato gran parte del panorama internazionale sopra descritto. Ci sono più colleghi britannici, naturalmente, che finalmente mi hanno permesso di avere le giuste discussioni sulla televisione per bambini che desideravo ardentemente, ma qui non ce ne sono più di quanti ce ne fossero tedeschi nella mia scuola a Berlino, e molti hanno origini miste, Comunque. Ma anche se il livello di internazionalismo è più o meno lo stesso, le scuole sono molto diverse nello stile di insegnamento. Il che dimostra che, anche con i loro corpi studenteschi multietnici, le scuole internazionali non sono particolarmente strane come le scuole. Senza dubbio hanno le loro stranezze - la mia scuola di Berlino aveva un'ossessione cronica per i suoi studenti di teatro, la mia scuola di Bruxelles serve patatine alla mensa una volta alla settimana - ma così fa ogni scuola, internazionale o no. Sì, la comunità internazionale ha portato ad alcune differenze; Potrei avere un po 'più di conoscenza culturale e probabilmente ho molte meno probabilità di essere razzista. Ma a prima vista, tutto quello che ho fatto è stato frequentare una scuola normale mentre vivevo in un paese diverso. Vivere all'estero era la parte insolita. Andare a scuola non lo era.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending