Nuove regole per promuovere #WaterReuse in #Farming

| 24 Gennaio 2020
La scarsità d'acqua è un problema crescente in Europa. I deputati desiderano assicurare le fonti d'acqua dolce dell'UE promuovendo il riutilizzo dell'acqua in agricoltura.

La crescita della popolazione, l'urbanizzazione e il turismo hanno tutti contribuito alle carenze idriche e alla siccità che colpiscono sempre più molte aree d'Europa, in particolare la regione del Mediterraneo. Le fonti idriche sono sotto stress e la situazione dovrebbe peggiorare a causa dei cambiamenti climatici. Secondo una stima, entro il 2030 la metà dei bacini fluviali europei potrebbe risentire della scarsità d'acqua.

Al fine di garantire l'approvvigionamento di acqua dolce in Europa per gli anni a venire, i membri del comitato ambientale hanno appoggiato il 21 gennaio an accordo informale raggiunto con il Consiglio su una proposta per il riutilizzo delle acque reflue. Le nuove regole dovranno ancora essere approvate dal Parlamento e dal Consiglio per diventare legge.

Le nuove regole mirano a promuovere l'uso di acque reflue trattate per l'irrigazione agricola, che rappresenta circa metà dell'acqua utilizzata nell'UE ogni anno. Un maggiore riutilizzo dell'acqua in agricoltura potrebbe aiutare a ridurre la scarsità d'acqua.

Al fine di garantire la sicurezza delle colture, le nuove norme introducono requisiti minimi per la qualità dell'acqua, richiedono un monitoraggio frequente e obbligano gli impianti di trattamento delle acque reflue a elaborare piani di gestione dei rischi. Le autorità degli Stati membri rilasciano autorizzazioni per gli impianti di trattamento e verificano la conformità delle norme.

Le norme uniformi a livello di UE comporterebbero una parità di condizioni per gli operatori di impianti di bonifica e gli agricoltori e impedirebbero ostacoli alla libera circolazione dei prodotti agricoli.

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , ,

Categoria: Un Frontpage, agricoltura, Economia, Ambiente, EU, Acqua

I commenti sono chiusi.