Negoziati sugli investimenti dell'UE con la Cina e l'ASEAN

euflag-353x265Il Affari Esteri del Consiglio (commercio) ministri di oggi (18 ottobre) ha adottato mandati che permetteranno alla Commissione europea di negoziare accordi di investimento con la Cina e l'Associazione delle nazioni del sudest asiatico (ASEAN) i paesi membri (Brunei Darussalam, Myanmar / Birmania, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Filippine, Singapore, Tailandia e Vietnam).

Negoziati sugli investimenti dell'UE con la Cina

Un accordo di investimento UE-Cina vuol essere il primo accordo di investimento mai autonoma dell'UE da investimenti esteri diretti è diventato di competenza esclusiva dell'Unione europea ai sensi del trattato di Lisbona. Sarebbe snellire gli accordi di protezione degli investimenti bilaterali esistenti tra la Cina e gli Stati membri 26 in un unico, testo coerente.

Il Consiglio ha dato oggi il via libera per avviare negoziati per un accordo di investimento UE-Cina sulla base delle direttive di negoziato proposte dalla Commissione europea nel maggio 2013 (IP / 13 / 458). L'Europa spera che i negoziati per un accordo di investimento con la Cina può essere lanciato al vertice UE-Cina il mese prossimo.

Gli obiettivi principali di un accordo a livello comunitario sono i seguenti:

  • Ridurre le barriere agli investimenti in Cina e, di conseguenza, aumentare i flussi di investimenti bilaterali;
  • migliorare la protezione degli investimenti dell'UE in Cina così come gli investimenti cinesi in Europa;
  • migliorare la certezza giuridica per quanto riguarda il trattamento degli investitori europei in Cina;
  • migliorare l'accesso per gli investimenti europei al mercato cinese - affrontare questioni importanti come le joint venture obbligatorie che le imprese europee stanno affrontando quando si vuole investire in Cina, e;
  • per aumentare infine UE-Cina flussi di investimento.

I flussi commerciali tra la Cina e l'Unione europea sono impressionanti, con beni e servizi per un valore ben più di € 1 miliardi di scambi tra i due partner ogni giorno. Tuttavia, l'attuale livello di investimenti bilaterali è notevolmente inferiore a quanto ci si poteva aspettare da due dei più importanti blocchi economici del pianeta. Basta 2.1% del totale investimenti esteri diretti dell'Unione europea (IDE) è in Cina. Anche se queste cifre sono in aumento, questo rappresenta ancora meno del 3% del totale di IDE in uscita di entrambe le parti. In confronto, 30% degli stock dell'UE sono negli Stati Uniti. Quindi, esiste un grande potenziale per sviluppare ulteriormente i legami bilaterali sugli investimenti.

sfondo

A seguito dell'entrata in vigore del trattato di Lisbona nel 2009, la comunicazione della Commissione sulla futura politica di investimento europea pubblicato nel luglio 2010 individuato la Repubblica popolare di Cina come un potenziale partner con cui l'UE potrebbe proseguire i negoziati per un accordo di investimento indipendente. In occasione del vertice UE-Cina 14th tenutosi nel febbraio 2012, l'UE e la Cina hanno concordato di procedere verso i negoziati per un accordo di investimento che copre "tutte le questioni di interesse per entrambe le parti", e questa volontà è stata confermata al 15th vertice UE-Cina nel mese di settembre 2012 .

Negoziati UE-ASEAN in materia di investimenti

I Ministri del Consiglio Affari esteri (commercio) oggi ha deciso di modificare le direttive di negoziato già esistenti per i negoziati UE-ASEAN verso un accordo di libero scambio (ALS) di includere le disposizioni di investimento dopo l'investimento è diventato parte integrante della politica commerciale comune dell'UE seguente l'entrata in vigore del trattato di Lisbona. La decisione consentirà alla Commissione europea di completare gli ordini del giorno di negoziazione dei negoziati già in corso per accordi di libero scambio con la Malesia, Vietnam e Thailandia includendo protezione degli investimenti in tali accordi di libero scambio.

Una modifica simile era stato fatto nel mese di settembre 2011 per il mandato negoziale per consentire accordo di libero scambio (FTA) i negoziati con Singapore per coprire la protezione degli investimenti in cima alla liberalizzazione degli investimenti. Nel frattempo, i negoziati di libero scambio con Singapore sono conclusi nel dicembre 2012 e l'accordo è stato siglato il 20 settembre 2013 (IP / 13 / 849). Negoziati sugli investimenti con Singapore sono in corso e si spera essere conclusi entro la fine del 2013.

Il Consiglio dei ministri è ora autorizza i negoziati per la protezione degli investimenti con gli altri paesi dell'ASEAN, come e quando il Consiglio conviene di avviare i negoziati con i singoli paesi membri dell'ASEAN.

sfondo

Nel mese di aprile 2007 Consiglio dei ministri ha autorizzato la Commissione ad avviare i negoziati per un accordo di libero scambio con l'Associazione delle nazioni del sudest asiatico (ASEAN) i paesi membri (Brunei Darussalam, Myanmar / Birmania, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Filippine, Singapore, Tailandia e Vietnam) e direttive di negoziato adottate. Nel mese di dicembre 2009, il Consiglio ha autorizzato la Commissione a proseguire i negoziati verso accordi di libero scambio con i singoli paesi dell'ASEAN. Successivamente, i negoziati con Singapore sono iniziati nel marzo 2010 (concluso nel dicembre 2012), con la Malesia in ottobre 2010, con il Vietnam nel giugno 2012 e in Tailandia marzo 2013.

UE è importante investitore a livello mondiale

L'Unione europea è il principale ospite al mondo di investimenti diretti esteri, attrarre investimenti del valore di € 225 miliardi dal resto del mondo nel solo 2011. Con 2010 esteriori stock di investimenti diretti esteri sono stati pari a € 4.2 trilioni (26.4% del FDI azionario globale degli investimenti diretti esteri), mentre UE verso l'interno le scorte hanno rappresentato per € 3 trilioni (19.7% del totale mondiale).

Questi investimenti sono garantiti attraverso trattati bilaterali di investimento (TBI), conclusi tra singoli Stati membri dell'UE e dei paesi terzi. Essi stabiliscono i termini e le condizioni per l'investimento da parte di cittadini e imprese di un paese in un altro e impostare un livello giuridicamente vincolante di protezione al fine di incoraggiare i flussi di investimenti tra due paesi. Tra le altre cose TBI concedono agli investitori un trattamento giusto, equo e non discriminatorio, la protezione da esproprio illegittimo e il ricorso diretto a un arbitrato internazionale. I paesi dell'UE sono i principali utilizzatori di bit a livello globale, con un numero totale di circa 1,200 accordi bilaterali già conclusi.

Dall'entrata in vigore del trattato di Lisbona in 2009, gli investimenti è ormai parte della politica commerciale comune dell'UE, una competenza esclusiva dell'Unione (articolo 207 TFUE). Di conseguenza, la Commissione europea può legiferare in investimenti. Secondo Regolamento sugli accordi bilaterali sugli investimenti, Adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio il 12 dicembre 2012 (IP / 12 / 1362), Accordi bilaterali di investimento che attualmente offrono la protezione degli investimenti per molti investitori europei saranno conservati fino a quando non vengono sostituiti da accordi dell'UE.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

tag: , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Commissione europea, Relazioni esterne, Commercio