Seguici sui social

Cambiamento climatico

Risposte dell'UE ai cambiamenti climatici 

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

La lotta al cambiamento climatico è una priorità per il Parlamento europeo. Di seguito troverai i dettagli delle soluzioni su cui l'UE e il Parlamento stanno lavorando, Società.

Limitazione del riscaldamento globale: una questione di aumento di 2 ° C

Le temperature globali medie sono aumentate in modo significativo da quando la rivoluzione industriale e l'ultimo decennio (2011-2020) sono state le il decennio più caldo mai registrato. Degli 20 anni più caldi, 19 si è verificato da 2000.

I dati dal Copernicus Climate Change Service dimostra che il 2020 è stato anche il più caldo anno registrato per l'Europa. La maggior parte delle prove indica che ciò è dovuto all'aumento delle emissioni di gas serra (GHG) prodotte dall'attività umana.

La temperatura media globale è oggi di 0.95-1.20 °C in più rispetto alla fine del 19° secolo. Gli scienziati considerano un aumento di 2°C rispetto ai livelli preindustriali come soglia con conseguenze pericolose e catastrofiche per il clima e l'ambiente.

Questo è il motivo per cui la comunità internazionale concorda sul fatto che il riscaldamento globale deve rimanere ben al di sotto di un aumento di 2 ° C.

Perché è importante una risposta dell'UE?

L'UE è colpita dal cambiamento climatico

Il cambiamento climatico sta già colpendo l'Europa in varie forme, a seconda della regione. Può portare alla perdita di biodiversità, incendi boschivi, diminuzione dei raccolti e temperature più elevate. Può anche influenzare la salute delle persone.

L'UE è un grande emettitore

Secondo l'Agenzia europea dell'ambiente, l'UE era il mondo terzo produttore di gas serra dopo Cina e Stati Uniti nel 2015.

Altri fatti nel ns infografica sui cambiamenti climatici in Europa.

pubblicità

L'UE è un membro impegnato dei negoziati internazionali sul clima

L'UE è un attore chiave nei colloqui delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e ha firmato l'accordo di Parigi. Tutti i paesi dell'UE sono anche firmatari, ma coordinano le loro posizioni e fissano obiettivi comuni di riduzione delle emissioni a livello dell'UE.

Sotto il accordo di Parigi, l'UE si è impegnata nel 2015 a ridurre le emissioni di gas serra nell'UE di almeno il 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030. Nel 2021, l'obiettivo è stato modificato in una riduzione di almeno il 55% entro il 2030 e alla neutralità climatica entro il 2050.

Guarda la cronologia dei negoziati sul cambiamento climatico.

Gli sforzi dell'UE stanno dando i loro frutti

Nel 2008, l'UE ha fissato l'obiettivo di ridurre le emissioni di 20% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2020. Le emissioni sono diminuite del 24% entro il 2019 e del 31% entro il 2020, in parte a causa della pandemia di Covid-10. Nuovi obiettivi sono stati fissati nel 2021.

Controlla il nostro infografica sui progressi dell'UE verso i suoi obiettivi climatici per il 2020.

Il Green Deal europeo: raggiungere zero emissioni nette entro il 2050

Nel 2021 l'UE ha realizzato neutralità climatica, l'obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050, giuridicamente vincolante nell'UE. Ha fissato un obiettivo intermedio di riduzione delle emissioni del 55% entro il 2030.

Questo obiettivo di zero emissioni nette è sancito dalla legge sul clima. Il Green Deal europeo è la tabella di marcia affinché l'UE diventi neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050.

La normativa concreta che consentirà all'Europa di raggiungere gli obiettivi del Green Deal è contenuta nel pacchetto Fit for 55 che la Commissione ha presentato a luglio 2021. Comprenderà la revisione della normativa esistente in materia di riduzione delle emissioni e dell'energia, spiegata più avanti.

Anche l'UE sta lavorando realizzare un'economia circolare entro il 2050, creando un sistema alimentare sostenibile e proteggendo la biodiversità e gli impollinatori.

Per finanziare il Green Deal, la Commissione Europea ha presentato a gennaio 2020 il Piano di investimenti per l'Europa sostenibile, che mira ad attrarre almeno 1 trilione di euro di investimenti pubblici e privati ​​nel prossimo decennio.

Nell'ambito del piano di investimenti, il Solo fondo di transizione è progettato per sostenere le regioni e le comunità più colpite da una transizione verde, ad esempio le regioni fortemente dipendenti dal carbone.

Leggi di più sul Green Deal.

Infographic on greenhouse gas emissions
Infografica sulle emissioni di gas serra  

Ridurre le emissioni di gas serra

L'UE ha messo in atto diversi tipi di meccanismi a seconda del settore.

Centrali elettriche e industria

Per ridurre le emissioni delle centrali elettriche e dell'industria, l'UE ha messo in atto il primo importante mercato del carbonio. Con l'Emissions Trading System (ETS), le aziende devono acquistare i permessi per emettere CO2, quindi meno inquinano, meno pagano. Questo sistema copre il 40% delle emissioni totali di gas serra dell'UE.

Il Parlamento sta attualmente valutando una revisione del regime per allinearlo agli obiettivi di riduzione delle emissioni più elevati del Green Deal.

Edilizia e agricoltura

Per altri settori come l'edilizia o l'agricoltura, le riduzioni saranno ottenute tramite accordi obiettivi nazionali di emissione, che sono calcolati sulla base del prodotto interno lordo pro capite dei paesi. Nell'ambito del pacchetto Fit for 55, i deputati hanno sostenuto l'aumento dell'obiettivo di riduzione delle emissioni di questi settori dal 29% al 40% entro il 2030.

Trasporti

Per quanto riguarda l’ trasporto stradale, nel giugno 2022 il Parlamento europeo ha appoggiato una proposta per raggiungere l'azzeramento delle emissioni di auto e furgoni nuovi nell'UE entro il 2035.

Finora non ci sono stati requisiti dell'UE per le navi per ridurre le emissioni di gas serra.Trasporto marittimo è destinato ad essere incluso nel sistema ETS dell'UE riformato, come proposto nel pacchetto Fit for 55.

Nel giugno 2022 il Parlamento ha votato a favore di una revisione dell'ETS per aviazione, compresi tutti i voli in partenza dallo Spazio economico europeo nel programma.

Deforestazione e uso del suolo

L'UE vuole anche utilizzare il Potere di assorbimento di CO2 delle foreste per combattere il cambiamento climatico. Nel giugno 2022 gli eurodeputati hanno votato a favore di un aggiornamento delle norme che disciplinano la deforestazione e il cambiamento dell'uso del suolo (LULUCF). L'obiettivo è migliorare i pozzi di carbonio dell'UE per ottenere una riduzione delle emissioni ancora maggiore rispetto all'attuale obiettivo del 55% entro il 2030.

Importazione da paesi con ambizioni climatiche inferiori

Nel luglio 2021, la Commissione europea ha proposto un meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere per incoraggiare le aziende all'interno e all'esterno dell'UE a decarbonizzare, imponendo un prezzo del carbonio sulle importazioni di determinati beni se provengono da paesi meno ambiziosi dal punto di vista climatico. Ha lo scopo di evitare la rilocalizzazione delle emissioni di carbonio, che si verifica quando le industrie spostano la produzione in paesi con regole meno rigide sulle emissioni di gas serra.

Scopri maggiori dettagli su Misure dell'UE per ridurre le emissioni di gas a effetto serra.

Affrontare la sfida energetica

L'UE combatte anche il cambiamento climatico con una politica per l'energia pulita adottata dal Parlamento nel 2018. L'obiettivo è aumentare il quota di energia rinnovabile consumato al 32% entro il 2030 e creando la possibilità per le persone di produrre la propria energia verde.

Inoltre, l'UE vuole migliorare l'efficienza energetica 32.5% entro il 2030 e ha adottato la legislazione su edifici ed elettrodomestici.

Gli obiettivi sia per la quota di energia rinnovabile che per l'efficienza energetica saranno rivisti al rialzo nel contesto del Green Deal.

Scopri di più Misure dell'UE per promuovere l'energia pulita.

per ulteriori informazioni 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending