Seguici sui social

Ambiente

L'UE non riscriverà la legge sulla natura contestata, afferma il capo verde del blocco

SHARE:

Pubblicato il

on

La Commissione europea non riformulerà una legge storica per ripristinare gli ambienti danneggiati, ha dichiarato lunedì (22 maggio) il capo della politica verde del blocco, di fronte alle richieste di alcuni legislatori di respingere la proposta.

Bruxelles sta tentando di salvare due proposte di legge ambientale, il cui futuro è in dubbio dopo il il più grande gruppo di legislatori al Parlamento europeo ne ha chiesto la reiezione.

Una legge richiederebbe ai paesi di introdurre misure per ripristinare la natura nel 20% della loro terra e del loro mare. Il secondo, progettato per ridurre l'inquinamento e arrestare il crollo delle popolazioni di api e farfalle in Europa, dimezzerebbe l'uso di pesticidi chimici nell'UE entro il 2030.

"Non faremo un'altra proposta, il tempo semplicemente non c'è", ha detto Frans Timmermans a proposito della legge sul ripristino della natura durante una riunione della commissione del Parlamento europeo.

Timmermans ha affermato che migliorando la salute della natura, le proposte renderebbero le aziende agricole europee più resistenti al peggioramento degli impatti dei cambiamenti climatici come inondazioni e siccità, migliorerebbero la capacità del terreno di assorbire l'acqua ed eviterebbero l'erosione del suolo.

Rifiutarli, ha affermato, metterebbe in pericolo l'agenda verde complessiva dell'UE per ridurre le emissioni di gas serra e ripulire l'inquinamento.

"Come pacchetto interconnesso di soluzioni, se un pezzo cade, gli altri pezzi cadono", ha detto.

pubblicità

I legislatori del Partito popolare europeo, che ha guidato la campagna per respingere la proposta, hanno affermato che le loro preoccupazioni rimangono, incluso il fatto che la legge ucciderebbe i progetti di energia rinnovabile e altri progetti economici nelle aree in cui vengono introdotte misure di ripristino della natura.

"Piaccia o no, se vuoi energia rinnovabile, devi scavare. E in un certo numero di stati membri, l'attuale legislazione sulla natura lo rende già praticamente impossibile", ha detto la deputata del PPE Esther de Lange.

Timmermans ha affermato che la Commissione è pronta ad affrontare parti della legge che hanno destato preoccupazione, ad esempio chiarendo che le misure per ripristinare la natura non dovrebbero ostacolare i piani dei paesi per la costruzione di parchi eolici.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending