Seguici sui social

Strategia di sicurezza europea dell'energia

Mentre gli Stati Uniti fermano la produzione di gas liquefatto, la sicurezza europea è in pericolo

SHARE:

Pubblicato il

on

Nel gennaio 26th, il presidente Joe Biden ha annunciato un grande passo indietro per le spedizioni energetiche statunitensi verso l’Europa. La decisione dell'Amministrazione di “sospendere” l'approvazione delle autorizzazioni per nuovi impianti di gas naturale liquefatto (GNL) avrà profonde conseguenze per la sicurezza energetica dell'Italia e dell'Unione Europea nel suo insieme. La decisione ha comprensibilmente causato preoccupazione e critiche in tutta Europa, nonché confusione. Perché gli Stati Uniti dovrebbero deliberatamente indebolire la sicurezza energetica dei loro alleati europei e fornire una spinta economica al presidente russo Vladimir Putin? – scrive Claudio Scajola, ex ministro italiano dello Sviluppo Economico e dell’Interno.

Ciò è tanto più sorprendente perché nei due anni trascorsi dall’invasione russa dell’Ucraina, l’Europa e gli Stati Uniti hanno compiuto progressi straordinari e senza precedenti verso una cooperazione reciprocamente vantaggiosa sulla sicurezza energetica. Questo processo è stato innescato da un semplice fatto: era nell’interesse di tutti nel mondo occidentale che la dipendenza dell’Europa dall’energia russa fosse ridotta il più rapidamente possibile, il più a lungo possibile. La sicurezza dell'approvvigionamento energetico è balzata in cima alla lista delle priorità per i paesi della NATO.

Il boom del GNL statunitense si è rivelato l’ancora di salvezza che l’Europa stava cercando. Le spedizioni verso l’Europa sono aumentate del 141% dal 2021, e ben due terzi delle esportazioni americane ora arrivano in Europa. Ne serviranno di più negli anni e nei decenni a venire. Questa è una vittoria per tutti. Oltre 70,000 posti di lavoro americani sono legati al futuro delle esportazioni di GNL e, come risultato di questa nuova domanda europea, il PIL degli Stati Uniti aumenterebbe fino a 40 miliardi di dollari. Queste cifre dovrebbero essere destinate ad aumentare ulteriormente poiché la domanda continua a crescere.

Che la domanda aumenterà è una certezza. L’emergere di una nuova e sicura fornitura di energia da parte di un alleato della NATO ha spinto le nazioni europee a pensare a lungo termine sull’energia. L’Italia ha aperto il suo ultimo terminale GNL in Toscana nel maggio dello scorso anno; un altro impianto di stoccaggio da 1 miliardo di dollari è attualmente in costruzione a Ravenna, sul Mar Adriatico. Il mio Paese non è solo: in tutta Europa si stanno preparando le pale. In totale, sono in costruzione 33 nuovi impianti GNL in tutto il continente. Un impegno per la sicurezza energetica e le nuove infrastrutture in Europa finanzierà buoni posti di lavoro e imprese di successo negli Stati Uniti almeno fino alla metà degli anni ’2040.

Ciò ci riporta alla domanda centrale posta dai policy maker europei: perché? Perché il presidente Biden ha posto fine a uno dei progetti di sicurezza occidentali più significativi degli ultimi anni? La ragione dichiarata dalla Casa Bianca è ambientale, ovvero che i combustibili fossili come il GNL necessitano di maggiore controllo. Questo è meno che convincente. L’Europa è ampiamente conosciuta come leader globale per quanto riguarda il cambiamento climatico e gli obiettivi di riduzione delle emissioni – eppure i principali partiti europei non prenderebbero mai una decisione del genere. Gli obiettivi relativi al cambiamento climatico e alla transizione energetica devono essere raggiunti, per il bene dell’umanità. Ma l’umanità chiede anche di non permettere che dittatori e guerrafondai prendano il sopravvento. Aumentare le debolezze economiche o di sicurezza dell’Occidente non aiuta nessuno e non porta avanti alcun obiettivo progressista. L’unica persona i cui obiettivi sarebbero favoriti da questa decisione è Vladimir Putin.

Nel 2022, il presidente Biden ha assunto un impegno personale nei confronti dell’Europa, per sostenere la transizione dall’energia russa. I leader europei hanno creduto alla sua sincerità, e gran parte delle promesse si sono avverate, dato che il GNL statunitense ora costituisce quasi la metà di tutte le importazioni europee di GNL. La preoccupazione ora è che quella che sembrava essere una soluzione permanente, possa rivelarsi un miraggio temporaneo. I due decenni dal 2000 al 2020 sono stati caratterizzati da un’eccessiva dipendenza dell’Europa dall’energia russa e da un processo decisionale interno inadeguato. Se la politica del presidente Biden non verrà invertita, gli anni 2020 e 2030 saranno decenni caratterizzati da un’offerta incerta e da shock intermittenti dei prezzi. In Italia e in tutta Europa guarderemo indietro a questi ultimi anni come a un raro e breve periodo di calma e buon senso, e ci chiederemo come mai una situazione così promettente sia stata tradita in modo così casuale.

La promessa fatta dal presidente Biden nel 2022 era l’approccio giusto, ma sembra che la grande strategia americana sia stata ora sostituita da un errore tattico. Non è troppo tardi per correggere questo errore. La sospensione dei permessi deve essere invertita.

pubblicità

Autore: Claudio Scajola, ex ministro italiano dello Sviluppo Economico e dell'Interno.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending