Seguici sui social

Difesa

L’UE adotta il 13° pacchetto di sanzioni contro la Russia

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

La Commissione europea accoglie con favore l'adozione da parte del Consiglio di una 13th pacchetto di sanzioni contro la Russia. A due anni da quando la Russia ha brutalmente invaso l’Ucraina, il sostegno dell’UE all’Ucraina e al suo popolo rimane immutato. L’Europa è unita e determinata a continuare a difendere i suoi valori e i suoi principi fondanti.

Questo pacchetto si concentra sull’ulteriore limitazione dell’accesso della Russia alla tecnologia militare, come quella dei droni, e sull’elenco di ulteriori società e individui coinvolti nello sforzo bellico russo. Con questo nuovo pacchetto il numero di elenchi ha raggiunto oltre 2000, infliggendo un duro colpo all'esercito e alla difesa della Russia.

Ogni singolo euro di cui la Russia non riesce a impossessarsi è un guadagno. Pertanto, non c’è spazio per l’autocompiacimento. La Commissione continuerà a sostenere gli Stati membri per garantire l’effettiva applicazione delle misure e a collaborare strettamente con i paesi terzi per contrastare possibili tentativi di elusione.

Le 13th pacchetto ha questi elementi chiave:

ELENCHI AGGIUNTIVI

Questo è un pacchetto senza precedenti di 194 designazioni individuali, Compreso 106 individui ed 88 entità). Con esso l’UE supera la soglia complessiva di annunci 2000 a sostegno dell'Ucraina.  In particolare:

  • Colpire il settore militare e della difesa russo: le nuove inserzioni hanno come target più di 140 aziende e privati dal complesso militare-industriale russo, che tra l’altro produce missili, droni, sistemi missilistici antiaerei, veicoli militari, componenti high-tech per armi e altre attrezzature militari. Il pacchetto include specificamente entità che commerciano vari componenti chiave per i droni. La Commissione ha utilizzato l’approccio oggettivo e graduale discusso in precedenza per identificare tali imprese, combinando prove concrete provenienti da varie fonti, supportate da dati commerciali e doganali.
  • Inviando un segnale forte contro i partner dello sforzo bellico della Russia: il target delle nuove inserzioni 10 aziende e privati ​​(russi). coinvolti nella spedizione di armamenti nordcoreani in Russia, nonché il ministro della Difesa del paese, nonché diverse società e individui bielorussi che forniscono sostegno alle forze armate russe.
  • Lotta all'elusione: i nuovi elenchi includono una società di logistica russa e il suo direttore coinvolti nelle importazioni parallele di merci proibite in Russia, e un terzo attore russo coinvolto in un altro sistema di appalti.
  • Rafforzare l’azione dell’UE contro l’occupazione russa e l’annessione illegale di aree dell’Ucraina: i nuovi elenchi includono 6 giudici e 10 funzionari nei territori occupati dell'Ucraina.
  • Sanzionare le violazioni dei diritti dei bambini: I nuovi elenchi includono anche 15 persone e 2 entità coinvolte nella deportazione e nell'indottrinamento militare di bambini ucraini, anche in Bielorussia.

MISURE COMMERCIALI

pubblicità

Questo pacchetto conferma il La determinazione dell’UE a impedire alla Russia di acquisire tecnologia sensibile occidentale per le sue forze armateVeicoli aerei senza equipaggio, o droni, sono stati fondamentali per la guerra in Ucraina. Questo pacchetto elenca le aziende che procurano alla Russia componenti chiave dei droni e introduce alcune sanzioni settoriali per colmare le lacune e rendere più complicata la guerra con i droni.

Il pacchetto si basa su prove concrete provenienti da varie fonti, supportate da dati commerciali e doganali 27 nuove imprese russe e di paesi terzi all'elenco delle entità associate al complesso militare-industriale russo (allegato IV). Queste società sono soggette a restrizioni più severe sulle esportazioni di beni e tecnologie a duplice uso, nonché di beni e tecnologie che potrebbero contribuire al miglioramento tecnologico del settore della difesa e della sicurezza russo. In particolare:

  • Aggiunta di 17 società russe che si occupano dello sviluppo, della produzione e della fornitura di componenti elettronici per il complesso militare e industriale russo.
  • Aggiunta di 4 società dalla Cina e una ciascuna da Kazakistan, India, Serbia, Tailandia, Sri Lanka e Tuerkiye che sostengono indirettamente il complesso militare e industriale russo nella sua guerra di aggressione contro l'Ucraina commerciando componenti elettronici per il complesso militare e industriale russo.

MISURE PER RAFFORZARE LA DIFESA AEREA  

Oltre a elencare aziende specifiche che vendono parti di droni alla Russia, questo pacchetto introduce ulteriori divieti di esportazione di componenti di droni. In particolare:

  • Le restrizioni rientrano ora nel divieto più ampio dei componenti dei droni trasformatori elettronici, convertitori statici e induttori presenti tra l'altro nei droni.
  • Anche le nuove misure vietare i condensatori in alluminio, che hanno applicazioni militari.

MISURE PER FAVORIRE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Il nuovo pacchetto estende l’elenco dei paesi partner per il divieto di importazione indiretta di ferro e acciaio includere il Regno Unito. Questi paesi partner applicano una serie di misure restrittive sulle importazioni di ferro e acciaio e una serie di misure di controllo delle importazioni sostanzialmente equivalenti a quelle previste Regolamento UE (UE) n. 833/2014.

sfondo

A due anni dalla guerra di aggressione su vasta scala della Russia contro l'Ucraina, l'Europa è unita e determinata a continuare a difendere i suoi valori e i suoi principi fondanti. L’UE è fermamente al fianco dell’Ucraina e del suo popolo e continuerà a sostenere fermamente l’economia, la società, le forze armate e la futura ricostruzione del paese, per tutto il tempo necessario.

Per svuotare la macchina da guerra russa delle sue fonti di entrate, l’UE ha adottato 13 pacchetti di sanzioni contro la Russia. Le sanzioni hanno avuto un impatto sulle entrate della Russia e sul valore del rublo. Le sanzioni dell’UE hanno anche introdotto vincoli nelle catene di approvvigionamento della Russia e limitato il suo accesso alle tecnologie occidentali in importanti settori industriali. Il tetto massimo del prezzo del petrolio, concordato con i partner del G7, ha portato alla riduzione delle entrate petrolifere del governo russo. Le sanzioni mostreranno i loro effetti nel tempo.

Mentre la Russia cerca di trovare il modo di aggirare le nostre sanzioni, la Commissione esamina costantemente le misure in atto, valutando come vengono applicate e individuando eventuali lacune. L’attenzione è ora rivolta all’attuazione, in particolare contro l’elusione delle sanzioni dell’UE attraverso paesi terzi.

L'inviato dell'UE per le sanzioni, David O'Sullivan, continua a collaborare con i principali paesi terzi per combattere l'elusione. I risultati tangibili sono già visibili. In alcuni paesi vengono messi in atto sistemi per monitorare, controllare e bloccare le riesportazioni. Lavorando con partner che la pensano allo stesso modo, abbiamo anche concordato a elenco dei beni comuni sanzionati ad alta priorità a quali imprese dovrebbero applicare particolare due diligence e quali paesi terzi non devono riesportare verso la Russia. Inoltre, in ambito UE, abbiamo anche redatto un elenco dei beni sanzionati che sono economicamente critici e su quali imprese e paesi terzi dovrebbero essere particolarmente vigili.

Per maggiori informazioni

Link alla Gazzetta Ufficiale (Sarà presto disponibile)

Scheda informativa sull'impatto delle sanzioni

Maggiori informazioni sulle sanzioni

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending