Seguici sui social

crimine

Protezione dei fondi UE: l’UE dovrebbe fare di più per individuare, prevenire e recuperare le frodi 

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Nella relazione, adottata lunedì (4 dicembre) con 17 voti a favore, nessuno contrario e due astensioni, la commissione per il controllo dei bilanci sottolinea il grande rischio per gli interessi finanziari dell'UE rappresentato dal nepotismo utilizzato nell'acquisizione di fondi UE. CONT.

Anche i deputati della commissione sono preoccupati per la ultimi dati dimostrano che la sicurezza dei giornalisti nell’UE è peggiorata e chiedono una migliore protezione dei giornalisti investigativi che possono contribuire in modo significativo alla lotta alla corruzione e all’impunità.

Ucraina

Il testo adottato afferma che il Fondi UE per l'assistenza ai paesi extra-UE e i soldi stanziati per la risposta dell’Europa all’aggressione della Russia contro l’Ucraina non sono adeguatamente monitorati e controllati. Chiedono alla Commissione di effettuare controlli più approfonditi per garantire che i fondi dell’UE finiscano per andare a chi ne ha più bisogno.

In particolare, i deputati sono preoccupati per il picco di irregolarità che riguardano il Strumento di assistenza preadesione (IPA) e invitare la Commissione a rendere a prova di frode anche eventuali azioni future, come nel caso dell’Ucraina, che riceverà risorse significative da IPA e Orizzonte Europa.

Stato di diritto in Ungheria e Polonia

La commissione lancia l'allarme sui piani dichiarati dalla Commissione di erogare i 6.3 miliardi di euro sospesi dal Fondo Dispositivo per la ripresa e la resilienza (RFF) all’Ungheria in cambio del suo appoggio agli aiuti all’Ucraina. I fondi sospesi dovranno essere rilasciati all'Ungheria solo se le misure correttive adottate dal governo ungherese si saranno dimostrate efficaci nella pratica, affermano i deputati.

pubblicità

Sulla Polonia ribadiscono le preoccupazioni per la conclusioni su gravi carenze nel settore giudiziario e dei media e chiedere alla Commissione di sbloccare i fondi dal RRF solo una volta che tutte le richieste relative al rispetto dello stato di diritto saranno state soddisfatte.

Procura europea

I deputati insistono affinché Danimarca, Ungheria, Irlanda, Polonia e Svezia aderiscano senza indugio alla Procura europea. Alla Procura europea dovrebbe essere concesso un bilancio autonomo, sostengono, per tutelare al meglio gli interessi dell'Unione europea.

Centro di recupero e resilienza

I deputati sono ancora preoccupati per il fatto che gli interessi finanziari dell'UE non siano adeguatamente tutelati nel RRF, a causa delle carenze nei sistemi di rendicontazione e controllo degli Stati membri, delle caratteristiche intrinseche del modello di spesa del RRF, che presenta difficoltà nella valutazione del tasso di errore, e dei limiti del la metodologia di sospensione dei pagamenti adottata dalla Commissione.

Sebbene esistano differenze significative tra la segnalazione degli Stati membri e il seguito dato alle sospette frodi, i deputati chiedono in particolare a Finlandia, Irlanda e Polonia di adottare strategie nazionali antifrode per dimostrare che prendono sul serio la protezione dei fondi UE.

sfondo

Le Indagini UE 2022 sulla corruzione mostrano che la corruzione rimane una seria preoccupazione per i cittadini e le imprese dell’UE, con molti cittadini che ritengono che la corruzione sia diffusa nel loro paese (68%) e che il livello di corruzione sia aumentato (41%).

Il numero di casi di frode e irregolarità segnalati dalle autorità nazionali e dell'UE è leggermente aumentato nel 2022 rispetto al 2021, mentre allo stesso tempo i finanziamenti interessati relativi a questi casi nel 2022 sono diminuiti a 1.77 miliardi di euro (da 3.24 miliardi di euro nel 2021).

Il tasso di recupero complessivo nel 2022 sia per i casi fraudolenti che per quelli non fraudolenti è stato solo del 48% (rispetto al 54% nel 2021) e il dato per i casi fraudolenti è stato solo del 2%.

Maggiori informazioni 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending