Seguici sui social

Romania

Mantenere il Parlamento europeo “all’oscuro” dell’EIOPA

SHARE:

Pubblicato il

on

In “Economia e società” Max Weber ha scritto, “la burocrazia naturalmente accoglie favorevolmente un parlamento scarsamente informato e quindi impotente – almeno nella misura in cui l'ignoranza in qualche modo va d'accordo con gli interessi della burocrazia” - scrive Dick Roche. Per gran parte dell'anno, le azioni della Commissione UE e dell'EIOPA dimostrano che, cento anni dopo la loro pubblicazione, le opinioni di Weber rimangono vere oggi come lo erano quando furono scritte. 

Un'offerta che non puoi rifiutare

Nel 2019 City Insurance, il più grande fornitore rumeno di assicurazioni di responsabilità civile autoveicoli, era in difficoltà finanziarie. L'Autorità rumena di vigilanza finanziaria, ASF, ha chiesto a Euroins Romania, parte del Gruppo Euroins Insurance (EIG), uno dei più grandi gruppi assicurativi indipendenti dell'Europa centrale e orientale, di acquistare la società. Considerando la City Insurance come sostanzialmente in bancarotta, Euroins ha detto di no!

A quel rifiuto è seguita una campagna durata anni da parte di ASF. L’autorità di regolamentazione ha esaminato attentamente i libri contabili di Euroins, ha messo la società in amministrazione temporanea per la “qualità” delle persone nel suo consiglio di amministrazione, ha emesso una serie di sanzioni con multe per oltre 3.2 milioni di euro e ha sollevato preoccupazioni sui contratti di riassicurazione non precedentemente considerati problematici.

On 2nd Febbraio 2023, la PSA colpisce Euroins con una “esplosione nucleare”. L'autorità di regolamentazione rumena ha emesso un rapporto in cui affermava che la società aveva un "deficit di 400 milioni di euro rispetto al requisito patrimoniale di solvibilità e di 320 milioni di euro rispetto al requisito patrimoniale minimo". Questi risultati si discostano completamente dalla posizione assunta da ASF nei precedenti rapporti su Euroins.

Il gruppo Euroins Insurance (EIG) ha contattato l’EIOPA, ha manifestato le sue preoccupazioni sulla ASF, ha richiesto una riunione straordinaria del collegio di vigilanza dell’EIOPA e ha proposto una revisione esterna indipendente da parte di un importante team internazionale di esperti attuariali e contabili che operano sotto la supervisione dell’EIOPA, delle autorità rumene e bulgare. regolatori del bilancio economico di Euroins Romania.

Anche la Commissione bulgara per la vigilanza finanziaria (FSC), l’autorità di vigilanza competente per il gruppo assicurativo Euroins, ha contattato l’EIOPA. L'FSC ha sottolineato le preoccupazioni sull'azione dell'autorità di regolamentazione rumena e ha garantito la posizione finanziaria positiva dell'EIG. L’EIOPA ha ignorato queste preoccupazioni sulla base del fatto che solo l’autorità di regolamentazione rumena potrebbe prendere una decisione su un’entità assicurativa con sede in Romania.   

pubblicità

Nella sua risposta all'approccio dell'EIG, l'EIOPA ha indicato che avrebbe effettuato la propria valutazione dei risultati di ASF ignorando la richiesta di un coinvolgimento esterno indipendente.

L’EIOPA ha escluso Euroins Romania ed EIG dal suo “processo di valutazione”. Il regolatore rumeno, invece, è stato pienamente coinvolto.

Eurohold Bulgaria AD, società quotata alle Borse di Varsavia e Sophia, i proprietari di EIG hanno risposto con forza. Ha accusato "dirigenti di livello medio e alto" dell'Autorità di regolamentazione e "persone che hanno causato la crisi con la compagnia assicurativa rumena City Insurance" di aver compiuto un "attacco organizzato contro Euroins Romania" definendo le loro azioni come un'"offerta pubblica di acquisto ostile" per Euroins Romania .

Coinvolgimento della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo

Anche la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) è stata coinvolta nella disputa sullo sviluppo. La banca è diventata azionista di Euroins Insurance Group (EIG) in seguito al crollo di City Insurance. Il suo investimento di 30 milioni di euro nell’investimento del gruppo era finalizzato a “stabilizzare il settore assicurativo fornendo allo stesso tempo conforto a clienti, regolatori e fornitori”.

La BERS ha messo in dubbio le affermazioni dell'ASF su Euroins Romania. Ha sottolineato che le precedenti relazioni di ASF avevano confermato la posizione patrimoniale di Euroins, contestato la posizione di ASF sulla riassicurazione Euroins Romania e ha sottolineato che se fosse esistito un problema di liquidità o se fosse stato necessario capitale aggiuntivo, si sarebbero potute intraprendere azioni correttive per risolvere entrambi i problemi.

On 14th A marzo, l'Autorità di regolamentazione bulgara è rientrata nella mischia approvando il contratto di riassicurazione di Euroins Romania. Tale conferma è stata ignorata anche da ASF e da EIOPA. L'EIOPA ha nuovamente adottato la posizione burocratica e restrittiva secondo cui l'unico organismo di vigilanza competente sulla questione è ASF, indipendentemente dalle prove che mettono in dubbio la posizione di tale agenzia.

Nel tentativo di conferire una certa obiettività al caso, la BERS ha incaricato una società di contabilità attuariale leader a livello mondiale di condurre una valutazione indipendente di Euroins Romania. La BERS ha chiesto all'ASF e al Ministero delle Finanze rumeno di rinviare qualsiasi azione fino a dopo il 31st marzo, quando doveva essere finalizzata la valutazione attuariale degli esperti. Tale richiesta è stata ignorata.

ASF agisce e poi cambia tono.

Il 17 marzo 2023, ASF ha annunciato di aver deciso di “revocare l’autorizzazione all’esercizio di Euroins Romania” e ha avviato la procedura di fallimento.

In modo piuttosto sorprendente, il giorno successivo, ASF ha cambiato posizione. Un portavoce di ASF ha spiegato che l'autorità di regolamentazione non agisce "sulla base" di un'azienda che fallisce per motivi economici, ma Euroins perde la sua licenza "come misura intesa a penalizzare il comportamento".

La giustificazione modificata dell’ASF per agire contro Euroins Romania è stata una mossa calcolata con un impatto significativo. Se ASF avesse proceduto con un’accusa di inadeguatezza patrimoniale – il fulcro del suo caso originale, Euroins avrebbe avuto 30 giorni per elaborare un piano correttivo e 60 giorni per implementarlo. Modificando la base delle sue azioni, ASF – con il tacito sostegno dell'EIOPA – ha negato questa opportunità a Euroins e EIG.

Le azioni dell'ASF il 18th Le misure di marzo che andavano contro i requisiti di Solvibilità II sono state ignorate dall’EIOPA.  

Doppi standard e segretezza dell’EIOPA

Avendo respinto una revisione esterna indipendente della posizione di Euroins, l'EIOPA ha deciso di effettuare il proprio esame delle accuse mosse da ASF il 2 febbraio. L'EIG e Euroins Romania non sono stati invitati a presentare materiale o a fornire alcun contributo all'esame dell'EIOPA o alla relazione che ne è seguita.

Al contrario, l'ASF è stata coinvolta durante tutta la preparazione del rapporto. L’approccio adottato dall’EIOPA ha fatto sì che l’ASF, se non l’unico giudice nel proprio caso, fosse un membro attivo della giuria. Questa distorsione non è cessata con il completamento del rapporto dell'EIOPA.

L'EIOPA ha approvato il suo rapporto su Euroins il 5th Aprile, Euroins ha richiesto l'accesso al rapporto. L'EIOPA ha rifiutato l'accesso in quanto i suoi contenuti erano riservati.

L'ASF, in qualità di partecipante a pieno titolo all'incontro del 5 aprile, ha avuto pieno accesso al rapporto e non ha tardato ad abusare di tale accesso. Entro pochi minuti dalle 5th I dettagli conclusivi della riunione di aprile a sostegno della posizione della PSA sono apparsi sui media rumeni. Le fughe di notizie, attribuite ad ASF, sono state seguite da un briefing pubblico in cui un direttore di ASF ha commentato i dettagli del rapporto. L'EIG ha presentato reclamo all'EIOPA per questa violazione della riservatezza. La denuncia non è arrivata a nulla.

Pur non trasmettendo il proprio rapporto a Euroins, l'EIOPA ha consentito ad ASF di utilizzarlo presso la Corte d'appello di Bucarest, accecando l'EIG durante importanti procedimenti giudiziari, facendo pendere la bilancia a favore di ASF. L’EIG non ha avuto accesso al rapporto a metà giugno 2023 dopo che la procedura fallimentare era ben avviata.  

Evasività della Commissione

Anche la Commissione Europea è stata straordinariamente evasiva riguardo al caso EUROINS.

Le interrogazioni parlamentari (PQ) sul caso hanno ricevuto risposte sprezzanti e incomplete. I collegamenti forniti nelle risposte ai PQ portano a materiale pesantemente oscurato o con "accesso negato". 

Le preoccupazioni segnalate alla Commissione in merito all’EIOPA e all’ASF da parte dell’autorità di regolamentazione bulgara e della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo sono state messe da parte.  

La cosa più strana è che la Commissione, pur facendo riferimento al rapporto EIOPA nelle risposte al PQ, ha ammesso che il rapporto “né è stato condiviso con la Commissione”.

La posizione predefinita adottata dalla Commissione è stata che è responsabilità esclusiva di ASF “valutare se Euroins Romania è solvibile”, ignorando la possibilità che l’analisi di ASF possa essere sbagliata, parziale o entrambe le cose.

Fino a poco tempo fa gli unici dettagli disponibili al pubblico dei risultati del rapporto dell'EIOPA riguardavano fughe di notizie che si riteneva provenissero dalla PSA. A dicembre, tuttavia, in una nota a piè di pagina di una risposta al PQ è stato pubblicato, apparentemente per caso, un collegamento a una versione non modificata di un rapporto della commissione di ricorso delle autorità europee di vigilanza [BoA-D-2023-01]. Il paragrafo 12 di tale relazione recita: “Secondo la relazione dell'EIOPA, Euroins Romania presentava una carenza della migliore stima netta per l'attività RC Auto alla data di riferimento del 30 settembre 2022. Secondo l'EIOPA, la carenza era compresa tra 550 milioni di EUR e 581 milioni di euro”.

Questo "risultato" differisce notevolmente dalle conclusioni dell'ASF in tre rapporti pubblicati prima del febbraio 2023 e anche dalle cifre del rapporto ASF di 2nd Febbraio 2023. Ciò è in contrasto con le opinioni della Commissione bulgara di vigilanza finanziaria su Euroins e differisce completamente dai risultati del rapporto commissionato dalla BERS a uno dei revisori assicurativi più rispettati al mondo che ha concluso che EUROINS Romania era solvibile senza alcuna lacuna di capitale e che da un punto di vista qualitativo i contratti di riassicurazione EIG/EUROINS Romania soddisfacevano i requisiti di Solvibilità II dell’UE per il trasferimento del rischio.

Non è possibile conciliare queste diverse visioni. A causa della segretezza che circonda il rapporto dell’EIOPA, né la Commissione né l’EIOPA hanno dovuto farlo.

L’inazione ha delle conseguenze.

Nel tentativo di mediare una soluzione come si è sviluppato il caso Euroins, la BERS ha messo in guardia sulle potenziali conseguenze delle azioni pianificate dal regolatore rumeno. Tali avvertimenti furono ignorati e l’inazione che ne risultò ebbe delle conseguenze. Milioni di rumeni hanno perso la copertura assicurativa, il governo rumeno è stato costretto a emanare ordinanze di emergenza che prolungano la durata delle polizze emesse da una società a cui è stata revocata la licenza, il fondo di garanzia assicurativa rumeno probabilmente chiederà al contribuente di "salvarlo", e la Romania sta affrontando una causa da oltre 500 milioni di euro per la distruzione di Euroins Romania.

L’incapacità dell’EIOPA di mediare una soluzione man mano che il caso Euroins si evolveva e la sua abietta parzialità man mano che il caso si sviluppava solleva interrogativi preoccupanti su un’agenzia dell’UE.

La posizione della Commissione nel caso Euroins sfida la logica. Ha ignorato gli avvertimenti su ciò che stava accadendo in Romania e ha trascorso mesi a “coprire” l’EIOPA. La rivelazione che la Commissione non ha visto il rapporto dell’EIOPA è bizzarra.

Quando la presidente von der Leyen è entrata in carica ha promesso che la trasparenza sarebbe stata un principio caratteristico della sua Commissione: la trasparenza è significativamente assente nell’approccio dell’EIOPA e della Commissione europea nel caso Euroins.

Dick Roche è un ex ministro irlandese per gli affari europei ed ex ministro dell'ambiente. 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending