Seguici sui social

Olocausto

Le leggi di Norimberga: un'ombra che non deve mai ritornare

SHARE:

Pubblicato il

on

Questa settimana ricorre l'88° anniversario dell'entrata in vigore delle Leggi di Norimberga da parte della Germania nazista. L'ombra oscura che proiettano rimane una testimonianza duratura della capacità di crudeltà dell'umanità. Hanno istituzionalizzato la discriminazione razziale e la persecuzione contro gli ebrei, fungendo da agghiacciante precursore degli orrori dell’Olocausto. Tuttavia, al di là del loro significato storico, offrono una dura lezione per il mondo contemporaneo nella battaglia in corso contro il razzismo e il pregiudizio - scrive Baruch Adler, vicepresidente della Marcia Internazionale dei Vivi, nell'anniversario dell'approvazione delle Leggi di Norimberga. 

Le leggi di Norimberga, costituite dalla legge sulla cittadinanza del Reich e dalla legge per la protezione del sangue e dell'onore tedesco, miravano a privare gli ebrei dei loro diritti fondamentali e della loro dignità. Queste leggi criminalizzavano la partecipazione degli ebrei alla vita pubblica, l'impegno nella cultura tedesca e persino il loro diritto di sposare tedeschi non ebrei. In sostanza, le Leggi di Norimberga relegavano gli ebrei ad una cittadinanza di seconda classe e ne legittimavano la persecuzione.

Le conseguenze di queste leggi furono a dir poco catastrofiche. Le famiglie furono distrutte, i mezzi di sussistenza distrutti e una paura pervasiva avvolse la comunità ebraica in Germania. Queste leggi gettarono le basi su cui il regime nazista costruì la sua mostruosa campagna di sterminio, l’Olocausto. Il genocidio sistematico di sei milioni di ebrei può essere fatto risalire alla disumanizzazione e alla persecuzione avviate dalle Leggi di Norimberga.

Tuttavia, anche adesso, c’è chi vuole negare o distorcere l’Olocausto. Le parole del presidente palestinese Mahmoud Abbas sono state giustamente condannate dagli Stati Uniti, dall’Unione Europea e da altri. Eppure, proprio come la sua vile affermazione secondo cui in qualche modo l’annientamento degli ebrei in Germania da parte dei nazisti non era un’impresa “razzista”, il passaggio in legge dell’ideologia antisemita nazista con le leggi di Norimberga non fu un incidente isolato.

Proprio come i cittadini comuni sono stati costretti a far rispettare queste leggi discriminatorie, creando una cultura di rispetto e conformità, le Leggi di Norimberga illustrano quanto facilmente una società possa sprofondare nell’oscurità se alimentata dall’odio e dall’intolleranza. Oggi, con i social media, queste tendenze, queste ignobili dichiarazioni si spingono ben oltre i confini e i continenti. Si infiltrano nel discorso delle generazioni più giovani che non capiscono – o almeno non ne apprezzano l’enormità – dove tali credenze e ideologie al vetriolo possano condurre.

In questo contesto, l’importanza delle organizzazioni internazionali per l’educazione e la memoria dell’Olocausto non può essere sopravvalutata. La Marcia dei Vivi, ad esempio, unisce giovani provenienti da diversi angoli del globo, consentendo loro di visitare i luoghi dell’Olocausto, i campi di concentramento e i ghetti. Assistendo in prima persona ai resti di questo capitolo oscuro della storia, i partecipanti acquisiscono una visione profonda delle conseguenze del bigottismo e della discriminazione.

La Marcia dei Vivi offre ai giovani un’inestimabile opportunità di connettersi con il passato, consentendo loro di portare avanti le lezioni dell’Olocausto nel futuro. Alimenta l’empatia, la tolleranza e l’impegno a garantire che tali atrocità non si ripetano mai. Attraverso l’educazione e la memoria, queste organizzazioni costruiscono un ponte tra il passato e il presente, garantendo che la memoria dell’Olocausto duri come faro di resistenza contro il razzismo.

pubblicità

È fondamentale che negli ultimi anni molte delle nazioni sul cui suolo abbiano avuto luogo le atrocità dell’Olocausto siano state sottoposte a un profondo processo di esame di coscienza e di introspezione che ha portato a un impegno – come le Leggi di Norimberga diventate legge ma diametralmente opposto – a garantire che l’antisemitismo e altre forme di razzismo non possano mai più reggere.

La Germania ha guidato per molti anni questa ondata di giustizia, ma sempre più nazioni in Europa hanno seguito l’esempio. Mentre purtroppo altri no. Inoltre, nei sondaggi in molte nazioni d’Europa assistiamo a un pericoloso aumento dell’estremismo di estrema destra. Anche in Germania e Austria, Italia, Francia, Ungheria e Polonia. Le ideologie di questi partiti affondano le loro radici nell'odio neonazista e traggono il loro sostegno attraverso l'allarmismo populista e la diffusione di falsità e incitamento.

L’anniversario delle Leggi di Norimberga non deve quindi passare in silenzio. Tutti coloro che sostengono un futuro pacifico per tutti devono sfruttare questa opportunità per lanciare l’allarme. Ciò che inizia con una scrittura odiosa diventa politiche odiose che diventano leggi odiose – un percorso che può portare alle Porte dell’Inferno. Ed è un viaggio che avviene molto più velocemente di quanto si possa immaginare. Hitler impiegò meno di un decennio e non aveva i social media per amplificare il suo odio.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending