Seguici sui social

Repubblica Democratica del Congo

UE, USA, RDC, Zambia e Angola firmano un accordo per l'estensione del Corridoio di Lobito

SHARE:

Pubblicato il

on

L’UE ha concordato un nuovo importante partenariato strategico sulle catene del valore delle materie prime critiche con la Repubblica Democratica del Congo e lo Zambia.

È stato firmato in occasione del Global Gateway Forum che si è svolto a Bruxelles il 26 ottobre.

La commissaria europea per i partenariati internazionali, Jutta Urpilainen, ha firmato un memorandum d'intesa sull'ulteriore sviluppo del "corridoio di Lobito", insieme a Stati Uniti, RDC, Zambia, Angola, Banca africana di sviluppo e Africa Finance Corporation.

Il corridoio di trasporto collegherà la parte meridionale della RDC e la parte nord-occidentale della Repubblica dello Zambia ai mercati commerciali regionali e globali attraverso il porto di Lobito in Angola.

Il MoU delinea la collaborazione tra i diversi partner coinvolti e definisce ruoli e obiettivi per lo sviluppo del Corridoio di Lobito. Il partenariato attinge a risorse finanziarie e know-how tecnico per accelerare lo sviluppo della via di trasporto, compresi gli investimenti nell’accesso digitale e nelle catene del valore agricolo che aumenteranno la competitività regionale.

La cooperazione si concentrerà su tre aree: investimenti nelle infrastrutture di trasporto; misure per facilitare il commercio, lo sviluppo economico e il transito; e sostegno ai settori correlati per alimentare una crescita economica inclusiva e sostenibile e investimenti di capitale nei tre paesi africani a lungo termine.

"Il corridoio di trasporto di Lobito rappresenterà un punto di svolta per rilanciare il commercio regionale e globale", ha affermato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen.

pubblicità

"Il Corridoio di Lobito e la forte titolarità dei partner sono un esempio del potere di trasformazione del nostro partenariato strategico con l'Africa", ha aggiunto Urpilainen.

Una volta pienamente operativa, l’obiettivo della linea ferroviaria sarà quello di aumentare le possibilità di esportazione per Zambia, Angola e RDC, aumentare la circolazione delle merci e promuovere la mobilità dei cittadini.

Secondo il Dipartimento di Stato americano, il corridoio rappresenta l’infrastruttura di trasporto più significativa che gli Stati Uniti hanno contribuito a sviluppare nel continente africano in una generazione e migliorerà il commercio e la crescita regionale, oltre a promuovere la visione condivisa di infrastrutture connesse e ad accesso aperto. ferrovia dall'Oceano Atlantico all'Oceano Indiano.

"Il Corridoio di Lobito va oltre il collegamento ferroviario tra RDC, Zambia e Angola. Questo nuovo collegamento darà impulso a diversi settori come quello delle materie prime e dell'agricoltura. Infatti, l'Angola può svolgere un ruolo chiave per salvaguardare la sicurezza alimentare nella regione attraverso il Corridoio di Lobito ", ha affermato José de Lima Massano, Ministro aggiunto per il Coordinamento economico dell'Angola.

Il partenariato di investimento USA-UE unirà risorse finanziarie e know-how tecnico per accelerare lo sviluppo del Corridoio Lobito, anche avviando studi di fattibilità per una nuova espansione della linea ferroviaria greenfield tra Zambia e Angola, aggiornando le infrastrutture critiche nell’Africa sub-sahariana e investendo in accesso digitale e catene di valore agricole che aumenteranno la competitività regionale.

Come passo successivo immediato, gli Stati Uniti e l’UE sosterranno i governi nel lancio di studi di prefattibilità per la costruzione della nuova linea ferroviaria Zambia-Lobito dall’Angola orientale attraverso lo Zambia settentrionale, basandosi su una precedente iniziativa per rinnovare la sezione ferroviaria dal Porto di Lobito in Angola verso la RDC.

Oltre a fornire un'alternativa a minore impronta di carbonio rispetto al tradizionale trasporto su strada, secondo l'Africa Report il corridoio di Lobito può ridurre il tempo di viaggio medio da 30 giorni a soli 8, poiché la ferrovia aggira strade congestionate, posti di frontiera e porti incontrati lungo diversi percorsi. .

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending