Seguici sui social

Le migliori località

La commissione parlamentare discute il software di spionaggio Pegasus

SHARE:

Pubblicato il

on

(CE-Servizio Audiovisivo)

Una nuova commissione del Parlamento europeo si riunisce oggi per discutere l'uso della tecnologia di sorveglianza straniera contro funzionari del governo europeo, giornalisti, attivisti e altri. Il comitato è stato istituito all'inizio di marzo allo scopo di indagare sull'uso di Pegasus e su come dovrebbe applicarsi al diritto dell'UE. 

"Dobbiamo avere un quadro giuridico in Europa per far fronte allo spionaggio di massa e a tal fine penso che il Parlamento europeo abbia un ruolo fondamentale da svolgere", ha affermato Diana Riba i Giner. “Abbiamo lavorato instancabilmente per raggiungere il fondo di questo caso e per costringere i responsabili a essere ritenuti [responsabili] e per promuovere le modifiche legislative necessarie per garantire che atti come questo non si ripetano. Atti che mettono a repentaglio la nostra democrazia [e] lo stato di diritto”.

Pegasus è uno spyware all'avanguardia sviluppato dall'azienda israeliana NSO. L'azienda vende lo spyware ai governi allo scopo di combattere la criminalità e il terrorismo. Tuttavia, recentemente governi, ricercatori e giornali hanno scoperto che il software è stato utilizzato contro obiettivi all'interno dei paesi dell'UE. Il software consente al cliente del software, non a NSO, di tenere traccia dei messaggi di testo, acquisire schermate, scaricare la cronologia di navigazione e persino accendere la fotocamera o il microfono nel telefono di un target.

A Articolo del New Yorker pubblicato ieri ha evidenziato le pratiche di NSO, la lotta legale di società tecnologiche come Facebook e Apple contro di loro e le persone che sono già state colpite dallo spyware. Alcune delle vittime dello spyware includono membri del Parlamento europeo, che in parte hanno spinto le indagini della commissione. Molti degli eurodeputati e altri funzionari del governo dell'UE la cui tecnologia è stata infettata da Pegasus erano associati al movimento indipendentista catalano. 

Queste rivelazioni arrivano in un momento in cui la sicurezza e la sorveglianza digitali sono argomenti sempre più caldi in Europa. Il governo greco è stato recentemente accusato di aver condotto illegalmente la sorveglianza sui giornalisti. In una conferenza stampa odierna, Anna Julia Donath ha riconosciuto la capacità dell'Ungheria, il suo stato d'origine, di sorvegliare chiunque nel paese senza troppa supervisione. 

La Commissione europea chiama questo il "decennio digitale" per l'Europa, stabilendo obiettivi specifici per una tecnologia pulita, efficace e utile in tutta Europa entro il 2030. Tuttavia, nel tentativo di sfruttare la crescente quantità di dati disponibili nell'UE, l'UE probabilmente avrà considerare il lato della sicurezza informatica di quel dibattito. I deputati che si sono incontrati oggi hanno discusso del ruolo che il futuro diritto dell'UE potrebbe avere nella regolamentazione della sorveglianza dei cittadini dell'UE e di come affrontare lo spyware straniero quando viene scoperto essere utilizzato contro i governi dell'UE e altre istituzioni.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending