Seguici sui social

Commissione europea

La Commissione lancia la campagna "CharactHer" per responsabilizzare tutti i talenti dell'industria cinematografica e dei media

Pubblicato

on

Al Festival di Cannes, la Commissione è lancio an campagna di sensibilizzazione mirato a promuovere la diversità e l'inclusione nell'industria cinematografica e dei media e a evidenziare l'uguaglianza di genere e il ruolo delle donne nel settore. La campagna, intitolata 'PersonaggioLei', è la prima iniziativa con un chiaro focus sulla diversità e l'inclusione lanciata nell'ambito del Piano d'azione per i media e gli audiovisivi. Il Vicepresidente Valori e Trasparenza Věra Jourová, parteciperà all'evento di lancio e si unirà alla tavola rotonda sugli ostacoli che le donne affrontano lungo la loro carriera.

Il vicepresidente Jourová ha dichiarato: “Mentre superiamo la pandemia dobbiamo assicurarci che le donne siano al centro dei nostri sforzi di recupero. Con questa campagna speriamo di poter ispirare molte donne in modo che l'Europa possa sfruttare al meglio tutti i suoi talenti”. Il suo discorso di apertura sarà disponibile qui.

Il commissario per il mercato interno Thierry Breton ha aggiunto: "Quando abbiamo presentato il piano d'azione per i media e gli audiovisivi a dicembre, la nostra priorità era molto chiara: la diversità deve essere posta in prima linea nei nostri sforzi per il recupero e la trasformazione dei settori dei media e dell'audiovisivo. La promozione dell'inclusione non è solo la nostra responsabilità sociale, ma un tassello cruciale nel nostro percorso verso un'industria più resiliente e competitiva”.

Il progetto 'La campagna di CharactHer si colloca all'interno di uno sforzo politico più ampio volto a rafforzare l'agenda della Commissione di a Union of Equality attraverso la strategia dell'UE per l'uguaglianza di genere. La campagna, realizzata in collaborazione con Collettivo 50/50, prenderà il via nell'ambito del Festival di Cannes, dove 17 film finanziati dall'UE sono in competizione per i premi. Nell'ambito del Marché du Film del Festival di Cannes, la Commissione parteciperà anche a diversi eventi nell'ambito del Programma Creative Europe MEDIA.

Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Commissione europea

L'UE elenca le preoccupazioni sullo stato di diritto per Ungheria e Polonia, fondamentali per il rilascio di fondi COVID

Pubblicato

on

La Commissione europea ha elencato serie preoccupazioni sullo stato di diritto in Polonia e Ungheria in un rapporto che potrebbe aiutare a decidere se ricevono miliardi di euro in fondi UE per aiutare a riprendersi dalla pandemia di coronavirus, scrive Jan Strupczewski.

Il braccio esecutivo dell'Unione Europea ha anche dato alla Polonia fino al 16 agosto per conformarsi a una sentenza della Corte suprema dell'UE la scorsa settimana, ignorata da Varsavia, secondo cui il sistema di disciplina dei giudici della Polonia ha violato il diritto dell'UE e dovrebbe essere sospeso. Leggi di più.

Se la Polonia non si conformerà, la commissione chiederà al tribunale dell'UE di imporre sanzioni finanziarie a Varsavia, ha detto il vicepresidente della commissione Vera Jourova in una conferenza stampa.

La commissione aveva già sollevato molte delle preoccupazioni in un rapporto lo scorso anno, ma ora potrebbero avere conseguenze reali poiché Bruxelles ha subordinato l'accesso al suo fondo di recupero di sovvenzioni e prestiti per un totale di 800 miliardi di euro al rispetto dello stato di diritto.

La commissione ha affermato che Polonia e Ungheria stanno minando il pluralismo dei media e l'indipendenza dei tribunali. Sono gli unici due paesi del blocco di 27 membri sotto indagine formale dell'UE per aver messo a repentaglio lo stato di diritto.

"La Commissione può tenere conto della relazione sullo Stato di diritto... nell'identificare e valutare le violazioni dei principi dello Stato di diritto che incidono sugli interessi finanziari dell'Unione", ha affermato la Commissione in una nota.

Il portavoce del governo polacco Piotr Muller ha dichiarato su Twitter che il governo analizzerà i documenti della commissione in merito alla necessità di conformarsi alle sentenze dei tribunali dell'UE.

Il ministro della Giustizia ungherese Judit Varga ha dichiarato su Facebook che la commissione sta ricattando l'Ungheria a causa di una legge sulla protezione dei bambini che non consentirà "gli attivisti LGBTQ e qualsiasi propaganda sessuale negli asili e nelle scuole ungheresi".

L'Esecutivo Ue ha già ritardato l'approvazione di 7.2 miliardi di euro per l'Ungheria nel tentativo di ottenere concessioni sullo stato di diritto dal governo del primo ministro Viktor Orban e non ha ancora dato il via a 23 miliardi di sovvenzioni e 34 miliardi di prestiti a basso costo per la Polonia.

Jourova ha affermato di non poter prevedere quando il denaro per la Polonia potrebbe essere approvato e ha notato che Varsavia doveva prima convincere la commissione di avere un sistema credibile di controllo e audit per spendere i soldi dell'UE.

Il rapporto afferma che l'Ungheria non ha seguito la richiesta della Commissione di rafforzare l'indipendenza giudiziaria e che la sua strategia anticorruzione ha una portata troppo limitata.

In un decennio al potere, Orban ha in parte utilizzato miliardi di euro di fondi statali e dell'UE per costruire una leale élite imprenditoriale che include alcuni membri della famiglia e amici intimi.

La commissione ha citato carenze persistenti nel finanziamento dei partiti politici ungheresi e rischi di clientelismo e nepotismo nella pubblica amministrazione di alto livello.

Una quantità significativa di pubblicità statale va ai media che sostengono il governo, mentre i media indipendenti e i giornalisti devono affrontare ostacoli e intimidazioni, ha affermato.

Il rapporto ha anche espresso preoccupazione per l'influenza del partito nazionalista Legge e giustizia (PiS) al governo in Polonia sul sistema giudiziario.

Ha elencato ciò che ha affermato di essere stato nominato e modificato illegalmente dal PiS al tribunale costituzionale e ad altri organi, e il rifiuto di Varsavia delle sentenze dei tribunali dell'UE vincolanti per ogni stato membro.

La commissione ha osservato che il procuratore generale, responsabile della ricerca della corruzione statale, era allo stesso tempo ministro della giustizia polacco e un politico attivo del PiS.

Dall'anno scorso, l'ambiente professionale per i giornalisti in Polonia si è deteriorato a causa di "procedimenti giudiziari intimidatori, crescente incapacità di proteggere i giornalisti e azioni violente durante le proteste, anche da parte delle forze di polizia", ​​ha affermato.

Continua a leggere

Commissione europea

Conferenza sul futuro dell'Europa: più voce in capitolo per le regioni e le parti sociali

Pubblicato

on

logo

Il comitato esecutivo ha deciso di assegnare più seggi nella plenaria della conferenza a rappresentanti eletti regionali e locali, nonché alle parti sociali.

La sesta riunione del Comitato esecutivo della Conferenza è stata la prima durante la Presidenza slovena del Consiglio.

Il Comitato Esecutivo ha modificato il Regolamento aggiungendo alla Conferenza plenaria sei rappresentanti eletti delle autorità regionali e sei degli enti locali. Hanno inoltre deciso di aumentare di quattro il numero dei rappresentanti delle parti sociali, per un totale di 12.

Inoltre, il consiglio ha scambiato opinioni sul piano di comunicazione sviluppato congiuntamente dal Parlamento europeo, dal Consiglio e dalla Commissione. Tutte e tre le istituzioni si adopereranno per continuare a coordinare le proprie attività per aumentare la partecipazione del pubblico alla piattaforma digitale multilingue e incoraggeranno altri organismi, in particolare quelli che partecipano al comitato esecutivo e alla plenaria a fare altrettanto.

Il consiglio ha ricevuto un aggiornamento sull'organizzazione dei gruppi di cittadini europei. Hanno anche discusso i metodi di lavoro dei gruppi di lavoro plenario a cui prenderanno parte i rappresentanti dei rispettivi Panel.

Nelle discussioni odierne, il copresidente del Parlamento europeo Guy Verhofstadt ha dichiarato: “Le discussioni e gli adeguamenti odierni delle regole indicano che ci stiamo avvicinando alla fine della fase di progettazione della Conferenza. Attendiamo ora con impazienza la fase dei contenuti con la raccolta in corso di idee dei cittadini sulla piattaforma digitale insieme alle proposte dei Panel di cittadini che inizieranno i lavori a settembre. Tutto ciò confluirà nella plenaria in modo da essere in grado di realizzare un'Unione più efficace, reattiva e democratica che i nostri cittadini chiedono e meritano".

A nome della Presidenza del Consiglio dell'UE, il Segretario di Stato sloveno per gli affari dell'UE e copresidente Gašper Dovžan, ha dichiarato: “L'aggiornamento odierno nell'organizzazione della conferenza mira a portare l'Europa oltre le sue capitali e dà più voce ai cittadini di ogni ceto sociale. Ogni europeo ha i propri sogni e le proprie preoccupazioni sull'Europa e l'Europa deve ascoltare ciascuno di loro quando si discute del nostro futuro comune. Vogliamo che il maggior numero di europei possibile ovunque si trovino per dire la loro in modo da poter sentire che tipo di Europa vogliono vivere tra 30 anni da oggi".

Dubravka Šuica, vicepresidente e copresidente della Commissione europea per la democrazia e la demografia, ha dichiarato: "Attendiamo con impazienza la prossima fase del processo: le deliberazioni dei gruppi di cittadini europei, che è l'aspetto veramente innovativo della conferenza sul futuro della Europa."

sfondo

La conferenza sul futuro dell'Europa combina eventi online e offline, locali, regionali, nazionali ed europei, organizzati da organizzazioni della società civile e cittadini, istituzioni europee e autorità nazionali, regionali e locali. I risultati di questi eventi, così come le idee relative al futuro dell'Europa, vengono pubblicati sulla piattaforma digitale multilingue. Serviranno come base per ulteriori discussioni in quattro gruppi di cittadini europei, comprendenti i temi principali della conferenza. Circa 800 cittadini selezionati casualmente, che riflettono la diversità socioeconomica, demografica ed educativa dell'UE, parteciperanno a diverse sessioni deliberative di questi quattro gruppi di cittadini europei, 200 cittadini per ciascun gruppo. Forniranno idee e raccomandazioni che confluiranno nelle plenarie della Conferenza e, infine, nel Rapporto finale della Conferenza.

La piattaforma digitale multilingue è completamente interattiva: le persone possono interagire tra loro e discutere le proprie proposte con i concittadini di tutti gli Stati membri, nelle 24 lingue ufficiali dell'UE. Persone di ogni ceto sociale e in numero il più ampio possibile sono incoraggiate a contribuire, tramite la piattaforma, a plasmare il proprio futuro - e anche a promuovere la piattaforma sui canali dei social media, con l'hashtag #TheFutureIsYours.

Prossimi passi

A settembre si svolgeranno le prime sessioni degli European Citizens Panels.

Maggiori informazioni

Piattaforma digitale multilingue

Continua a leggere

Commissione europea

UE eroga 250 milioni di € in assistenza macrofinanziaria in Giordania

Pubblicato

on

La Commissione europea, per conto dell'UE, ha erogato alla Giordania 250 milioni di euro in assistenza macrofinanziaria (AMF). L'esborso è in parte dal Pacchetto AMF di emergenza da 3 miliardi di euro per dieci partner dell'allargamento e del vicinato, che mira ad aiutarli a limitare le ricadute economiche della pandemia di COVID-19 (programma AMF COVID-19), e in parte dal terzo programma AMF da 500 milioni di euro (programma AMF-III) della Giordania, approvato in Gennaio 2020. Il primo esborso di 250 milioni di euro alla Giordania nell'ambito di questi due programmi di AMF è avvenuto nel novembre 2020.

Il commissario per l'Economia Paolo Gentiloni ha dichiarato: “L'esborso odierno di 250 milioni di euro testimonia la continua solidarietà dell'Unione europea nei confronti del popolo giordano. Questi fondi, rilasciati a seguito dell'adempimento degli impegni politici concordati, aiuteranno l'economia giordana a uscire dallo shock causato dalla pandemia di COVID-19”.

La Giordania ha soddisfatto le condizioni politiche concordate con l'UE per l'erogazione dell'esborso di 250 milioni di euro nell'ambito del programma AMF COVID-19 e del programma AMF-III. Questi includevano importanti misure per migliorare la gestione delle finanze pubbliche, responsabilità nel settore idrico, misure per aumentare la partecipazione al mercato del lavoro e misure per rafforzare il buon governo.

Inoltre, la Giordania continua a soddisfare le condizioni preliminari per la concessione dell'AMF per quanto riguarda il rispetto dei diritti umani e di meccanismi democratici efficaci, compresi un sistema parlamentare multipartitico e lo stato di diritto; nonché risultati soddisfacenti nell'ambito del programma dell'FMI. 

Con l'esborso odierno, l'UE ha completato con successo quattro dei 10 programmi di AMF del pacchetto di AMF da 3 miliardi di euro per il COVID-19. Inoltre, una volta che la Giordania avrà rispettato gli impegni concordati, seguirà la terza e ultima tranche del programma AMF-III per la Giordania, pari a 200 milioni di euro.

La Commissione continua a lavorare a stretto contatto con tutti i suoi partner dell'AMF per l'attuazione tempestiva dei programmi politici concordati.

sfondo

L'AMF fa parte del più ampio impegno dell'UE con i partner vicini e dell'allargamento ed è inteso come uno strumento eccezionale di risposta alle crisi. È disponibile per i partner dell'allargamento e del vicinato dell'UE che hanno gravi problemi di bilancia dei pagamenti. Dimostra la solidarietà dell'UE con questi partner e il sostegno a politiche efficaci in un momento di crisi senza precedenti.

La decisione di fornire l'AMF a dieci partner dell'allargamento e del vicinato nel contesto della pandemia di COVID-19 è stata proposta dalla Commissione il 22 aprile 2020 e adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio il 25 maggio 2020.

Oltre all'AMF, l'UE sostiene i partner della sua politica di vicinato e dei Balcani occidentali attraverso numerosi altri strumenti, tra cui aiuti umanitari, sostegno al bilancio, programmi tematici, assistenza tecnica, strumenti di combinazione e garanzie del Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile a sostegno degli investimenti nei settori più colpiti dalla pandemia di coronavirus.

Relazioni UE-Giordania

Questo programma di AMF fa parte di uno sforzo globale dell'UE per aiutare la Giordania a mitigare l'impatto economico e sociale dei conflitti regionali e la presenza di un gran numero di rifugiati siriani, che da allora è stata aggravata dalla pandemia di COVID-19. Tale impegno è conforme alle priorità del partenariato UE-Giordania (in corso di aggiornamento), come confermato durante la quinta conferenza di Bruxelles sul futuro della Siria e della regione del 29-30 marzo 2021 e del comitato di associazione UE-Giordania del 31 maggio 2021 .

Nel complesso, l'UE ha mobilitato più di 3.3 miliardi di EUR per la Giordania dall'inizio della crisi siriana nel 2011. Oltre all'AMF, i finanziamenti dell'UE in risposta alla crisi siriana comprendono l'assistenza umanitaria, la resilienza a lungo termine e il sostegno allo sviluppo nelle zone come l'istruzione, i mezzi di sussistenza, l'acqua, i servizi igienico-sanitari e la salute, rivolti ai rifugiati siriani e alle comunità di accoglienza giordane.

Maggiori informazioni

Assistenza macrofinanziaria 

Assistenza macrofinanziaria alla Giordania

COVID-19: la Commissione propone un pacchetto di assistenza macrofinanziaria da 3 miliardi di euro a sostegno di dieci paesi vicini

Decisione del Parlamento europeo e del Consiglio sulla fornitura di assistenza macrofinanziaria ai partner dell'allargamento e del vicinato nel contesto della pandemia di COVID-19

L'UE eroga 400 milioni di euro a Giordania, Georgia e Moldova

Segui il Commissario Gentiloni su Twitter: @PaoloGentiloni

Segui DG ECFIN su Twitter: ecfin

Continua a leggere
pubblicità
pubblicità

Trending