Seguici sui social

Generale

Il Liverpool batte continuamente i pronostici: un trionfo di perseveranza ed eccellenza sportiva

SHARE:

Pubblicato il

on

Uno dei momenti culminanti della ricca storia del Liverpool FC è stato il titolo della Premier League del 2020. Questa è stata una svolta epocale per il club. Ha interrotto una serie di tre decenni dall'ultima volta che il club era stato incoronato campione, molto tempo fa nella vecchia Prima Divisione inglese.

Portare il titolo della Premier League nel Merseyside per la prima volta nella nuova era della massima serie inglese è stato il culmine del superamento di alcune sfide importanti da parte dei Reds. Hanno dovuto fare molta strada per raggiungere la vetta e hanno dovuto sfidare alcuni big probabilità lungo il percorso.

La strada verso la vetta raramente è agevole. Il Liverpool ha dovuto affrontare difficoltà sia dentro che fuori dal campo tra i titoli dei campionati nazionali, e quasi non è sopravvissuto affatto.

L'identità sfuma

Il Liverpool era senza dubbio il fiore all'occhiello del calcio inglese prima degli anni '1990. Negli anni '1970 e '1980 furono un colosso. Dal 1980 al 1990, il Liverpool vinse sette volte il titolo di Prima Divisione, tale era il suo dominio.

Nel continente, ha portato a casa anche la Coppa dei Campioni quattro volte in questi vent'anni, diventando uno dei club di maggior successo nelle competizioni UEFA. Ma poi arrivò la nuova era del calcio inglese e le fortune cambiarono rapidamente.

Il Liverpool era pronto?

Il nuovo Premier League L'era è stata inaugurata con la stagione del campionato 1992-93. Il Liverpool faceva parte di quella nuova configurazione e la sua ondata di titoli recenti avrebbe dovuto vederli partire correndo nella nuova massima serie.

Ma non potevano adattarsi. Era quasi come se fossero stati colti di sorpresa da ciò che si stava preparando contro i loro grandi rivali, il Manchester United. Il Liverpool è arrivato sesto nella stagione inaugurale della Premier League quando il Manchester United ha vinto il titolo con 10 punti.

pubblicità

Era una storia simile che si sarebbe ripetuta per gran parte degli anni ’1990. Il Liverpool, nonostante i suoi standard elevati, stava annaspando. Il desiderio di aggrapparsi alla propria identità e storia è stato alla fine la cosa che li ha visti iniziare a perdere il controllo su di essa.

Non riuscivano a capire il modo in cui il gioco moderno era cambiato.

Il catalizzatore

La nuova era della Premier League ha rotto gli schemi. Più soldi che mai sono entrati nel gioco. La commercializzazione delle squadre di calcio è diventata più grande di quanto non fosse mai stata prima. Gli accordi di sponsorizzazione sono cresciuti e il mercato dei trasferimenti è diventato un luogo molto più competitivo e aperto.

Il Manchester United stava facendo tutto correttamente. Sono saliti presto sul carro della commercializzazione e hanno rapidamente promosso il loro status. I nuovi accordi televisivi arrivati ​​con il lancio della Premier League mettono le squadre davanti agli occhi di più persone che mai. Quelli erano gli occhi dei consumatori e il Manchester United ha fatto banca.

Il Liverpool, al contrario, è rimasto fermo, ma la sua eredità non gli avrebbe portato competitività finanziaria. Anni di scarsa proprietà e decisioni all'inizio di questa nuova era hanno colpito duramente il Liverpool. Non sono stati così veloci nel vendere il loro marchio. Non erano così entusiasti di sviluppare il loro stadio come avevano fatto altri club.

Poiché il Liverpool è diventato rapidamente non competitivo, è diventato più difficile per loro accaparrarsi giocatori di qualità superiore. Sempre più soldi da parte di investitori stranieri si riversavano nei club che li precedevano nella corsa al titolo, e qualcosa doveva cambiare al Liverpool. Lo ha fatto. Tom Hicks e George Gillett sono subentrati nel 2010.

 

L'amministrazione incombe

Invece di migliorare la situazione, il Liverpool è quasi finito in amministrazione controllata sotto la nuova proprietà. I debiti si accumulavano, gli interessi stavano affondando il club e, all'insaputa dei più, il Liverpool si trovava a più di 450 milioni di sterline in debito con i creditori.

La relazione tra Gillett e Hicks andò in pezzi al punto che non si sedettero insieme ad Anfield nei giorni delle partite. C'era una riluttanza da parte loro a vendere il club, perché nel momento dei loro problemi più profondi, la valutazione dichiarata del club significava che i due non avrebbero realizzato profitti.

Fu un periodo difficile, ma c'era un cavaliere bianco all'orizzonte quando il Fenway Sports Group (FSG) acquistò il club nel 2010. La complicata acquisizione fu completata poche ore prima della scadenza prevista per l'entrata in amministrazione controllata del club.

Il cambiamento richiede tempo

Il 17 ottobre 2010, il Liverpool ha perso una partita di campionato contro i rivali cittadini, l'Everton. Il risultato li ha lasciati secondi dall'ultimo posto in classifica sotto la guida dell'allenatore Roy Hodgson, che aveva sostituito Rafa Benítez a causa di un brutto inizio di stagione.

È stato il licenziamento di Hodgson che alla fine ha visto il club alzarsi dalla tela. Kenny Dalglish lo seguì e riportò un po' di successo al club con un titolo di Coppa di Lega. Successivamente, sotto Brendan Rodgers, il Liverpool sembrava ancora una volta contendente al titolo.

Quasi.

Le cose non andavano ancora del tutto bene. Il sogno del Liverpool di vincere la Premier League non riusciva ancora a diventare realtà. La competitività non equivaleva ai titoli. Quindi l’FSG ha fatto una grande scelta. Si sono immersi nelle loro analisi e hanno inventato il nome del loro nuovo allenatore: Jürgen Klopp.

Klopp il resuscitatore

I dati analitici hanno selezionato Klopp come l'uomo giusto per il lavoro ad Anfield. Il suo lavoro nel club della Bundesliga tedesca, il Borussia Dortmund, lo aveva messo sulla mappa. I dati si sono rivelati giusti.

Klopp ha immediatamente portato il Liverpool alle finali europee consecutive, culminate con la vittoria del sesto titolo di Coppa dei Campioni/Champions League nel 2019. L'anno successivo è arrivato il Titolo Premier League.

Con uno stile dinamico di calcio e di gestione dei giocatori, la presenza di Klopp ha davvero cambiato le regole del gioco. Ma il successo del Liverpool evidenzia anche quanto le cose debbano essere armoniose dietro le quinte, costruendo le basi per il successo. Adesso è una macchina messa a punto ad Anfield, molto lontana dalle scene fratturate di Gillett e Hicks.

La dirigenza si fida di Klopp, che ora è l’allenatore più longevo della Premier League. C’è quasi un senso di democrazia, dato che Klopp con la sua personalità contagiosa non gestisce lo spettacolo come un’autocrazia.

Ha ascoltato lo staff e il direttore sportivo Michael Edwards su trasferimenti importanti come Mo Salah e Alisson Becker. Nutrizionisti specializzati e allenatori delle rimesse laterali hanno tutti ottenuto miglioramenti marginali e il club è una moderna meraviglia di eccellenza sportiva.

Decisioni intelligenti nel mercato dei trasferimenti e una filosofia positiva in campo hanno contribuito a riportare i tempi migliori. Il Liverpool, grazie a quell'importantissimo primo titolo di Premier League, è ancora una volta una delle destinazioni più ambite per i giocatori. Klopp, molto semplicemente, ha restituito al Liverpool la propria identità.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending