Seguici sui social

Pozzi di carbonio

Progetti di cattura e stoccaggio del carbonio in tutta Europa

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

L'Europa ha assistito a un aumento degli sforzi per rimuovere l'anidride carbonica (CO2) e immagazzinarla nel sottosuolo. Questo è il risultato dei governi e delle industrie che cercano di ridurre le loro emissioni per raggiungere i loro obiettivi climatici.

La tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) è un metodo per catturare la CO2 dall'atmosfera e immagazzinarla nel sottosuolo. La CO2 catturata può essere utilizzata in varie applicazioni industriali.

Secondo l'Associazione internazionale dei produttori di petrolio e gas, ci sono circa 70 progetti CCS attualmente in corso o pianificati in Europa. Questi sono solo alcuni dei progetti attualmente in fase di sviluppo:

MARE DEL NORD

NORVEGIA

* Northern Lights è una joint venture tra Equinor, TotalEnergies, Shell e TotalEnergies. Inizierà a iniettare 1.5 milioni di tonnellate di CO2 all'anno (mtpa) nella falda acquifera di acqua salata vicino al giacimento di gas Troll a metà del 2024. Secondo la domanda, ci sono piani per aumentare la capacità di stoccaggio di 5-6 mtpa a partire dal 2026.

Il progetto Smeaheia di Equinor per costruire un sito di stoccaggio nel Mare del Nord con il potenziale per iniettare fino a 20 mtpa a partire dal 2027/2028. Equinor ha ottenuto la licenza di esplorazione nel 2022. Ha affermato di voler iniettare la CO2 dalla produzione di idrogeno e da alcuni clienti industriali in Europa. La decisione finale sull'investimento dovrebbe essere presa dalla società nel 2025.

* Luna è un progetto della tedesca Wintershall Dea [RIC.RIC.WINT.UL], che mira a immagazzinare fino a 5 milioni di tonnellate all'anno di CO2 in un sito a 120 km a ovest di Bergen. In ottobre, Wintershall Dea si è aggiudicata una licenza di esplorazione insieme al suo partner norvegese Cape Omega. Wintershall Dea detiene il 60% della licenza, mentre la norvegese Cape Omega detiene il restante 40%.

pubblicità

* Errai è un progetto congiunto di Neptune Energy in Gran Bretagna e Horisont Energi in Norvegia. Mira a costruire un sito di stoccaggio nel Mare del Nord con 4-8 mtpa e un terminale di ricezione. La licenza deve essere richiesta dai soci.

GRAN BRETAGNA

* Acorn CCS è un progetto al largo della Scozia che svilupperà un impianto di stoccaggio con una capacità di 5-10 milioni di tonnellate all'anno di CO2 entro il 2030. Storegga Shell, Harbour Energy e North Sea Midstream Partners (NSMP), possiedono ciascuna il 30% del posta in gioco. Il restante 10% è detenuto da North Sea Midstream Partners.

* Viking CCS è un progetto precedentemente noto come V Net Zero. Era guidato da Harbor Energy, una compagnia petrolifera e del gas indipendente. L'obiettivo è immagazzinare 10 mtpa di CO2 nei giacimenti di gas esauriti del Mare del Nord entro il 2030. Inizierà a iniettare CO2 a una velocità iniziale di 2 mtpa.

* Northern Endurance è una partnership guidata da BP. Mira a costruire infrastrutture per trasportare e immagazzinare circa 20 mtpa di CO2 da due distretti industriali a Teesside e Humberside a partire dal 2030. Il progetto trasporterà CO2 tramite condutture fino a un luogo di stoccaggio a circa 145 km al largo nel Mare del Nord settentrionale. Il progetto ha anche altri partner, tra cui National Grid (NG.L.), Equinor Shell, TotalEnergies e Shell.

OLANDA

* Porthos è un progetto del porto di Rotterdam e Gasunie. Mira a immagazzinare 2.5 milioni di tonnellate di CO2 nei giacimenti di gas esauriti del Mare del Nord. Quattro partner industriali hanno già appaltato tutta la capacità di stoccaggio: Air Liquide, Air Products, Shell (XOM.N) e Shell. Sebbene il progetto dovesse iniziare le iniezioni di CO2 tra il 2024-2025, è probabile che l'avvio subirà un ritardo di ostacoli legali.

* L10, un progetto di Neptune Energy per immagazzinare 4-5 milioni di tonnellate di CO2 in un giacimento di gas esaurito del Mare del Nord olandese, le prime iniezioni inizieranno nel 2026. Anche Rosewood Exploration, ExxonMobil e la statale EBN sono partner di questo progetto.

DANIMARCA

* Sabbia Verde è un progetto di INEOS Energy e Wintershall Dea. Prevede di iniettare fino a 1.5 mtpa di CO2 nei giacimenti di petrolio e gas esauriti nella sezione danese del Mare del Nord. Questo sarà seguito da un aumento della capacità di 8 mtpa entro il 2030.

TotalEnergies è alla guida del progetto Bifrost. Mira a iniettare fino a 3 mtpa di CO2 in un giacimento di petrolio e gas che è stato esaurito nella sezione danese del Mare del Nord a partire dal 2027. Orsted (ORSTED.CO), proprietaria di gasdotti offshore, è anch'essa coinvolta nel progetto. Potenzialmente, Bifrost potrebbe anche essere esplorato per iniettare fino a 10 milioni di mtpa entro il 2030.

GERMANIA

* Terminale di esportazione di CO2 di Wilhelmshaven. Questo progetto è stato guidato da Wintershall Dea. Mira a costruire un impianto di stoccaggio e liquefazione di CO2 a Wilhelmshaven. La CO2 può quindi essere spedita o convogliata in luoghi di stoccaggio permanente sotto il Mare del Nord. L'obiettivo iniziale è gestire circa 1 mtpa di CO2 a partire dal 2026.

PUNTI DI STOCCAGGIO AUTOTHER

GRAN BRETAGNA

* North West Project mira a trasformare il gas e il gas combustibile della raffineria di Stanlow, nel Cheshire, in idrogeno idrocarburico a basse emissioni di carbonio. Catturerà e trasferirà la CO2 prodotta dal processo tramite oleodotti allo stoccaggio off-shore nella baia di Liverpool. Come deposito, verranno utilizzate caverne di sale esistenti nel Cheshire. Il funzionamento inizierà nel 2025. Immagazzinerà circa 4.5 milioni di tonnellate di CO2 all'anno, che saliranno a 10 milioni entro il 2030.

BULGARIA

* ANRAV è una società energetica privata irlandese Petroceltic che collegherà le apparecchiature di cattura di CO2 a HeidelbergCement (HEIG.DE), Cementifici Devnya nel nord-est della Bulgaria e stoccaggio permanente offshore nel giacimento esaurito di gas del Mar Nero di Galata. Dovrebbe iniziare le operazioni nel 2028 e produrrà 800,000 tonnellate all'anno.

FRANCIA

* PICASSO è un progetto che cattura il carbonio dal sud-ovest della Francia e dal nord della Spagna e lo immagazzina in un giacimento di gas esaurito dell'Aquitania. Si prevede che il progetto trasporterà circa 1 mtpa di CO2 entro il 2030.

ISLANDA

* L' Coda terminale è un hub transfrontaliero di stoccaggio e trasporto del carbonio a Straumsvik. Sarà gestito da Carbfix, una società islandese di stoccaggio del carbonio. Il terminale riceverà CO2 dalle aziende industriali e lo dissolverà in acqua prima di essere iniettato nella roccia basaltica. Ciò consentirà la produzione fino a 3 milioni di tonnellate all'anno di CO2 a partire dal 2031.

* L' Progetto Silverstone, coordinato e gestito da Carbfix, utilizzerà la cattura di CO2 su scala commerciale, la dissolverà in acqua, la inietterà nella roccia basaltica sotterranea per immagazzinarla per lo stoccaggio di minerali presso la centrale geotermica di Hellisheidi, vicino al Monte Hengill. Silverstone immagazzinerà circa 25.000 tonnellate di anidride carbonica all'anno. Si prevede che sarà operativo nel primo trimestre 2025.

ITALIA

* Centro CCS Ravenna, facente capo all'Eni (ENI.MI.), è un progetto che mira a catturare e trasportare la CO2 in giacimenti offshore di gas naturale esauriti al largo della costa ravennate, nel mare Adriatico. La prima fase del progetto dovrebbe essere completata nel 2023. La catena totale di cattura, trasporto e stoccaggio può gestire CO2 fino a 100,000 tonnellate all'anno

IRLANDA

* L' Progetto CCS di sughero immagazzina carbonio da impianti industriali irlandesi in un giacimento di gas esaurito nel Mar Celtico. Può anche riutilizzare un gasdotto di trasporto esistente. Utility Ervia è capofila del progetto.

SVEZIA

* Slite CCS è un progetto CCS guidato da HeidelbergCement, dalla sua filiale svedese Cementa e dal suo cementificio Slite, sull'isola svedese di Gotland nel Mar Baltico. Catturerà circa il 3% delle emissioni totali di CO2 del paese a 1.8 milioni di tonnellate all'anno.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending