Seguici sui social

Economia climatico-neutrale

Le ONG chiedono tagli al rumore sottomarino per le spedizioni: una velocità ridotta è fondamentale anche per il clima e la salute degli oceani

SHARE:

Pubblicato il

on

Mentre si chiude oggi presso l'Organizzazione marittima internazionale (IMO) a Londra un workshop che esplora la relazione tra efficienza energetica e rumore irradiato sottomarino dalle navi, la Clean Arctic Alliance ha chiesto un'azione internazionale per sostenere la transizione del settore verso navi più efficienti e più silenziose man mano che si intensificano gli sforzi per decarbonizzare la flotta marittima globale.

“Il messaggio di questo workshop non potrebbe essere più chiaro: l’IMO deve progettare le sue future normative sul clima, in particolare quelle mirate a ridurre profondamente le emissioni prima del 2030, tenendo presente sia le emissioni di CO2 che l’urgente necessità di ridurre l’inquinamento acustico sottomarino per proteggere la salute degli oceani. “, ha affermato John Maggs, presidente della Clean Shipping Coalition. “Un oceano sano è un alleato essenziale nella lotta per limitare il riscaldamento globale, e le misure che ridurranno rapidamente gli impatti climatici – riduzione della velocità delle navi e uso dell’energia eolica – sono positive anche per la salute degli oceani”.  

“Diversi relatori hanno concordato che esistono molti modi per ridurre il rumore sottomarino causato dalle navi, quindi è il momento giusto per concordare misure di riduzione del rumore”, ha affermato Eelco Leemans, consulente tecnico della Clean Arctic Alliance. “Il Canada ha avviato misure che potrebbero essere implementate a breve termine in aree sensibili come l’Oceano Artico. È anche promettente sapere che la propulsione eolica si sta sviluppando rapidamente e che ora è uno dei metodi più promettenti per ridurre allo stesso tempo le emissioni di gas serra, il rumore sottomarino e l’URN”.

I partecipanti al workshop se ne sono andati con un senso di ottimismo per il lavoro che li attende. “Incoraggiamo l’IMO a sviluppare un kit di strumenti per guidare la progettazione della nave dalle specifiche dei requisiti originali a un progetto finale che ottimizzi l’efficienza energetica e la riduzione del rumore sottomarino”, ha affermato Sarah Bobbe, Senior Program Manager presso Ocean Conservancy. “Il toolkit potrebbe includere un processo passo dopo passo che consenta la valutazione di una serie di diverse opzioni di trattamento pur rispettando le specifiche operative della nave”.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending