Decine di parlamentari di tutta Europa, inclusi senatori, parlamentari, deputati al Parlamento europeo e la Camera dei Lord britannica e leader della comunità ebraica di vari paesi europei, hanno unito le forze in una lettera che invita le autorità polacche a ritirare parte di un disegno di legge sul benessere degli animali che cerca di divieto di esportazione di carne kosher dalla Polonia, scrive .

Il voto su questo disegno di legge è previsto per domani al Senato polacco (13 ottobre).

Una mossa per vietare l'esportazione di carne kosher dalla Polonia avrebbe un grave impatto sulle comunità ebraiche in tutto il continente che, per dimensioni o risorse limitate, dipendono fortemente dalla Polonia come fornitore di carne kosher. Questo paese è uno dei maggiori esportatori europei di carne kosher.

I parlamentari e i leader ebrei firmatari hanno anche sottolineato che il disegno di legge costituisce un pericoloso precedente in quanto pone i diritti del benessere degli animali chiaramente al di sopra del diritto europeo fondamentale alla libertà di religione.

Nel suo articolo 10, la Carta dei diritti fondamentali dell'UE afferma: “Ogni persona ha diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione. Questo diritto include la libertà di cambiare religione, credo e libertà, da soli o in comunità con altri, e in pubblico o privato, di manifestare religione o credo, nel culto, nell'insegnamento, nella pratica e nell'osservanza ”.

I firmatari hanno anche sollevato il fatto che non ci sono prove scientifiche conclusive a sostegno delle affermazioni secondo cui lo shechita, il metodo di macellazione kosher, è più crudele della maggior parte dei massacri che avvengono giorno dopo giorno in Europa.

Nella loro lettera, i firmatari hanno scritto al governo polacco: “Proibendo l'esportazione di prodotti che rappresentano per molti un principio centrale della fede e della pratica ebraica, stai inviando un messaggio forte che le leggi che ostacolano effettivamente la vita ebraica in Europa sono accettabili. ''

"È per questi motivi - ea nome delle molte migliaia di ebrei che noi come leader di comunità e parlamentari rappresentiamo - che esortiamo il governo polacco, il suo parlamento ei suoi senatori a porre fine a questo aspetto del disegno di legge".

Il rabbino Menachem Margolin, presidente dell'Associazione ebraica europea che ha avviato la lettera, ha dichiarato in una dichiarazione: “Quella che sembra essere una questione politica nazionale polacca non è niente del genere. Le ramificazioni di questo disegno di legge sono potenzialmente devastanti e profonde per gli ebrei ovunque in Europa, e anche per i molti che apprezzano la libertà di praticare la libertà di religione. ''

“Il disegno di legge, se approvato, sarà visto come una dichiarazione che è stagione aperta a chiunque si opponga ad aspetti della legge, fede e pratica ebraica. Deve essere fermato '', ha detto.