Seguici sui social

Economia

Aggiornate le misure sulla pesca nell'Atlantico nord-orientale: via libera dai rappresentanti degli Stati membri dell'Ue

SHARE:

Pubblicato il

on

I rappresentanti degli Stati membri dell'UE danno il via libera all'accordo raggiunto tra i negoziatori del Consiglio e del Parlamento sull'aggiornamento delle misure di pesca nella zona della Commissione per la pesca nell'Atlantico nordorientale (NEAFC).

Una volta adottato formalmente, il regolamento recepirà nel diritto comunitario le nuove norme in materia di gestione, conservazione e controllo per l'area NEAFC, nonché le misure di controllo per alcune specie pelagiche nell'Atlantico nordorientale concordate durante le consultazioni con gli Stati costieri. Il testo riunirà inoltre in un unico regolamento tutte le misure della NEAFC attualmente disciplinate da regolamenti diversi.

"Numerosi Stati membri sono attivi nella zona NEAFC. Il recepimento di queste misure sulla pesca è quindi importante e contribuirà a semplificare la nostra cooperazione con i partner internazionali, oltre a garantire la sostenibilità del settore della pesca nell'Atlantico nordorientale."
Hilde Crevits, ministro fiammingo belga del Welfare, della sanità pubblica e della famiglia e competente per la pesca

Elementi principali dell'aggiornamento

Le nuove misure NEAFC che saranno recepite dal regolamento includono modifiche per migliorare il controllo delle operazioni di trasbordo in mare, nonché norme sui rifiuti delle navi e sul recupero degli attrezzi smarriti.

Con l’obiettivo generale di migliorare la sostenibilità della pesca, Specie 22 verranno aggiunti all'elenco delle specie per le quali è vietato scartare le catture, compresi il merluzzo, la sogliola e la passera di mare.

Al fine di proteggere ecosistemi marini vulnerabili, come i coralli di acque profonde e le spugne, il regolamento estende il divieto di pesca di fondo in alcune aree fino alla fine del 2027.

Inoltre, il regolamento riguarda l'attuazione di alcune misure di controllo relative a quattro tipi di pesca pelagica nell'Atlantico nordorientale, vale a dire lo sgombro, il sugarello, il melù e l'aringa. Queste misure sono state concordate da UE, Isole Faroe, Groenlandia, Islanda, Norvegia e Regno Unito nelle consultazioni con gli stati costieri.

pubblicità

Una di queste misure richiede l' utilizzo della tecnologia delle fotocamere e dei sensori per il monitoraggio negli impianti di sbarco e di trasformazione, se lo sbarco supera le 10 tonnellate e se vengono pesate più di 3 000 tonnellate di tali specie pelagiche all'anno.

Prossimi passi

Il testo sarà ora sottoposto a un controllo giuridico e linguistico prima della sua adozione formale da parte del Consiglio e del Parlamento e della successiva entrata in vigore.

sfondo

La NEAFC è l'organizzazione regionale di gestione della pesca responsabile della gestione delle risorse della pesca coperte dalla "Convenzione sulla futura cooperazione multilaterale nell'Atlantico nordorientale". Le misure adottate dalla NEAFC sono rilegatura sulle sue parti contraenti, compresa l'UE, salvo in caso di obiezioni.

Il 30 giugno 2023, la Commissione Europea (Direzione generale per gli Affari marittimi e la pesca, Commissario Virginijus Sinkevičius) ha pubblicato la sua proposta per recepire nel diritto dell’UE le più recenti raccomandazioni NEAFC che non sono già coperte dalla legislazione UE esistente.

I negoziati tra il Consiglio e il Parlamento si sono svolti a livello tecnico tra gennaio e febbraio 2024 e hanno portato al testo approvato oggi dai rappresentanti degli Stati membri dell'UE (Coreper). Il relatore del Parlamento europeo per questo fascicolo è Francisco Guerreiro (Verts/ALE).

Testo di compromesso finale

Proposta della Commissione

Accordi internazionali sulla pesca (informazioni generali)

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending