Seguici sui social

Economia digitale

I servizi della Commissione firmano un accordo amministrativo con l'autorità italiana di regolamentazione dei media per sostenere l'applicazione della legge sui servizi digitali

SHARE:

Pubblicato il

on

I servizi della Commissione hanno firmato un accordo amministrativo con l'Autorità italiana di regolamentazione dei media (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, AGCOM) per sostenere i poteri di vigilanza e di esecuzione della Commissione ai sensi della legge sui servizi digitali (DSA).

L’accordo mira a sviluppare competenze e capacità che aiuteranno la Commissione a identificare e valutare i rischi sistemici nell’ambito della DSA, compresi i rischi legati alla diffusione di contenuti illegali e disinformazione, nonché agli effetti negativi sui minori. Contribuirà a organizzare lo scambio pratico di informazioni, dati, buone pratiche, metodologie, sistemi tecnici e strumenti con il regolatore.

L'AGCOM è stata nominata Coordinatore dei Servizi Digitali per l'Italia ed entrerà così a far parte del Comitato per i servizi digitali, da istituire entro febbraio 2024 e composto da un'autorità competente per Stato membro.

Il servizio della Commissione responsabile dell'attuazione e dell'applicazione della DSA, la direzione generale delle reti, dei contenuti e delle tecnologie di comunicazione (CNECT), ha recentemente concluso simili disposizioni amministrative con le autorità di regolamentazione dei media di Francia e Irlanda, e sta discutendo con altri che saranno annunciati a tempo debito.

Queste disposizioni seguono quelle recenti Raccomandazione della Commissione to gli Stati membri dovranno coordinare la loro risposta alla diffusione e all'amplificazione dei contenuti illegali su piattaforme online molto grandi e motori di ricerca online molto grandi.

La DSA stabilisce regole fondamentali per creare un ambiente online sicuro e affidabile nell’UE. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale una cooperazione attiva ed efficace con gli Stati membri e le autorità nazionali di regolamentazione, soprattutto nell'attuale contesto di conflitto, segnato dalla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina e dagli attacchi terroristici di Hamas contro Israele.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending