Seguici sui social

Economia digitale

I servizi della Commissione firmano accordi amministrativi con le autorità di regolamentazione dei media francesi e irlandesi per sostenere l'applicazione della legge sui servizi digitali

SHARE:

Pubblicato il

on

I servizi della Commissione hanno firmato accordi amministrativi con le autorità di regolamentazione dei media di Francia (Autorité de regolamento de la comunicazione audiovisuelle et numérique, Arcom) e Irlanda (Coimisiún na Meán), per sostenere i suoi poteri di supervisione e di applicazione ai sensi della legge sui servizi digitali (DSA). Tali accordi mirano a sviluppare competenze e capacità e seguono l' Raccomandazione della Commissione agli Stati membri affinché coordinino la loro risposta alla diffusione e all’amplificazione dei contenuti illegali su piattaforme online molto grandi e motori di ricerca online molto grandi, prima della scadenza entro la quale gli Stati membri possono svolgere il loro ruolo nell’applicazione della DSA.

La DSA stabilisce regole fondamentali per creare un ambiente online sicuro e affidabile nell’UE. Garantire una più stretta cooperazione con gli Stati membri e le autorità nazionali di regolamentazione è diventato ancora più cruciale per raggiungere questo obiettivo nell’attuale contesto di conflitto e incertezza, in particolare con la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, e ora con gli attacchi terroristici di Hamas contro Israele.

Questi accordi bilaterali consentiranno ai servizi della Commissione e alle autorità nazionali competenti di scambiare informazioni, dati, buone pratiche, metodologie, sistemi e strumenti tecnici. Una cooperazione efficace faciliterà la valutazione da parte della Commissione dei rischi sistemici, l'identificazione di quelli emergenti, compresi i rischi legati alla diffusione e all'amplificazione di contenuti illegali, nonché altri rischi sistemici previsti dalla DSA, come la diffusione della disinformazione o la protezione dei minori . 

Le disposizioni rivestiranno particolare importanza fino all'istituzione del consiglio dei coordinatori dei servizi digitali, prevista per febbraio 2024, che sarà composto da coordinatori dei servizi digitali indipendenti degli Stati membri. Una volta che il comitato sarà operativo, queste modalità continueranno a fornire un valore aggiunto per organizzare le relazioni pratiche tra i servizi della Commissione e le autorità nazionali nel pieno rispetto della DSA.

Prossimi passi

Il servizio della Commissione responsabile dell'attuazione e dell'applicazione della DSA, la direzione generale delle reti, dei contenuti e delle tecnologie di comunicazione (CNECT), sta discutendo con altri regolatori nazionali e organismi dell'UE per firmare accordi amministrativi simili che lo supportino nella valutazione delle problematiche sistemiche e le questioni emergenti ai sensi dei DSA. La Commissione li annuncerà a tempo debito.

sfondo

pubblicità

Alla fine di agosto 2023, la DSA è diventata giuridicamente applicabile per le piattaforme online molto grandi e i motori di ricerca online molto grandi designati. La DSA mira a responsabilizzare e proteggere gli utenti online, tra le altre cose richiedendo ai servizi designati di valutare e mitigare i rischi sistemici e di fornire solidi strumenti di moderazione dei contenuti.

Le piattaforme designate hanno ora completato il primo esercizio annuale di valutazione del rischio per esaminare rischi quali il modo in cui i contenuti illegali potrebbero essere diffusi attraverso i loro servizi. La DSA richiede che le piattaforme online molto grandi e i motori di ricerca online molto grandi adottino misure di mitigazione adattate agli specifici rischi sistemici identificati. Le piattaforme online molto grandi devono valutare i rischi posti dai loro sistemi, compresi i rischi sistemici relativi ai contenuti illegali e alla tutela degli interessi pubblici.

Gli Stati membri sono tenuti a designare i propri coordinatori dei servizi digitali e le altre autorità nazionali competenti responsabili del monitoraggio e dell'applicazione della legge sui servizi digitali entro il 17 febbraio 2024. Tuttavia, il monitoraggio e l'applicazione efficaci del presente regolamento da parte della Commissione in relazione ai soggetti designati Le piattaforme online molto grandi e i motori di ricerca online molto grandi richiedono già l’assistenza e la cooperazione attiva con un’ampia gamma di enti nazionali pertinenti.

Maggiori informazioni

La Commissione raccomanda agli Stati membri di accelerare la governance dei DSA

Testo della Gazzetta Ufficiale UE sui DSA

Domande e risposte sulla legge sui servizi digitali

Pagina informativa del Digital Services Act

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending