Seguici sui social

NATO

La Turchia sostiene l'adesione della Svezia alla NATO - Stoltenberg

SHARE:

Pubblicato il

on

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il primo ministro svedese Ulf Kristersson stringono la mano al capo della Nato Jens Stoltenberg

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha accettato di sostenere l'offerta della Svezia di aderire alla Nato, afferma il capo dell'alleanza militare Jens Stoltenberg.

Ha detto che il leader turco inoltrerà l'offerta della Svezia al parlamento di Ankara e "assicurerà la ratifica".

Nel frattempo, il primo ministro svedese Ulf Kristersson ha dichiarato: "Sono molto felice, è una buona giornata per la Svezia".

La Turchia aveva precedentemente passato mesi a bloccare la domanda della Svezia, accusandola di ospitare militanti curdi.

Essendo uno dei 31 membri della NATO, la Turchia ha diritto di veto su qualsiasi nuovo paese che si unisca al gruppo.

Reagendo alla notizia, il presidente Usa Joe Biden ha detto di aver accolto con favore l'impegno del presidente Erdogan a procedere con una "rapida ratifica".

pubblicità

"Sono pronto a lavorare con il presidente Erdogan e la Turchia per rafforzare la difesa e la deterrenza nell'area euro-atlantica. Non vedo l'ora di dare il benvenuto al primo ministro Kristersson e alla Svezia come nostro 32esimo alleato della Nato", si legge in una dichiarazione della Casa Bianca.

Il ministro degli Esteri tedesco Annalen Baerbock ha twittato: "A 32 anni, siamo tutti più al sicuro insieme". Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha affermato che l'adesione della Svezia "ci renderebbe tutti più sicuri".

Stoltenberg ha annunciato l'accordo nella tarda serata di lunedì (10 luglio) a seguito dei colloqui tra i leader turco e svedese nella capitale lituana Vilnius.

Il capo della NATO lo ha descritto come un "passo storico", ma ha sottolineato che non è possibile fornire una "data chiara" per l'adesione della Svezia all'alleanza militare, poiché questa dipendeva dal parlamento turco.

La Svezia e il suo vicino orientale Finlandia - entrambe nazioni con una lunga storia di neutralità in tempo di guerra - hanno annunciato la loro intenzione di aderire alla NATO lo scorso anno, diversi mesi dopo che la Russia ha lanciato la sua invasione su vasta scala dell'Ucraina. La Finlandia ha aderito formalmente ad aprile.

Stoltenberg ha affermato che la Turchia e la Svezia hanno affrontato "le legittime preoccupazioni per la sicurezza della Turchia" e di conseguenza la Svezia ha modificato la sua costituzione, ha cambiato le sue leggi, ha ampliato la sua operazione antiterrorismo contro il PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan) e ha ripreso le esportazioni di armi verso la Turchia.

La Turchia e l'Ungheria sono attualmente gli unici due membri della NATO che devono ancora ratificare la domanda di adesione della Svezia.

Alla domanda sull'opposizione di Budapest, Stoltenberg ha affermato che "l'Ungheria ha chiarito che non sarà l'ultima a ratificare".

"Penso che il problema sarà risolto", ha aggiunto.

All'inizio di lunedì, il presidente Erdogan sembrava anche collegare il sostegno turco all'offerta della Svezia alla NATO alla riapertura dell'UE dei negoziati di adesione congelati con Ankara.

I funzionari dell'UE si sono affrettati a respingere la richiesta, affermando che si trattava di due questioni separate.

Ma in una dichiarazione dopo l'annuncio dell'accordo, la Nato ha affermato che la Svezia sosterrà attivamente gli sforzi per "rinvigorire il processo di adesione della Turchia all'UE" e ciò includerà "la modernizzazione dell'unione doganale UE-Turchia e la liberalizzazione dei visti".

La Turchia ha chiesto per la prima volta di aderire all'UE nel lontano 1987, ma la sua deriva verso l'autoritarismo sotto il presidente Erdogan ha bloccato il processo di adesione.

Tuttavia, dopo l'invasione russa dell'Ucraina, Erdogan ha anche svolto un ruolo unico come leader della Nato con influenza a Mosca.

Ha aiutato a mediare la Black Sea Grain Initiative dell'anno scorso, che consente all'Ucraina di esportare prodotti agricoli dai suoi porti.

La Turchia ha contribuito a mantenere in vita l'accordo, nonostante le frequenti minacce russe di ritirarsi.

Ma la Turchia ha anche irritato il Cremlino fornendo droni armati all'Ucraina.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Foto: luglio 2023
Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy vuole che la NATO dia un "segnale chiaro" sulla candidatura dell'Ucraina all'adesione al vertice di Vilnius

Anche i funzionari russi sono stati furiosi nel fine settimana quando la Turchia, con una mossa a sorpresa, ha permesso a cinque ex comandanti della guarnigione ucraina di Mariupol di tornare a Kiev al termine di una visita del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Secondo i termini di uno scambio di prigionieri lo scorso anno, la Russia si aspettava che gli uomini rimanessero in Turchia fino alla fine della guerra.

Il vertice Nato di due giorni prende il via martedì a Vilnius e la richiesta di adesione dell'Ucraina sarà in cima all'ordine del giorno.

Tutti i membri dell'alleanza concordano sul fatto che l'Ucraina non possa entrare a far parte del blocco durante la guerra, tra i timori che ciò porterebbe a un conflitto diretto con una Russia dotata di armi nucleari.

Lo stesso presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha detto che non si aspetta l'adesione fino a dopo la guerra, ma vuole che il vertice dia un "segnale chiaro" sulla candidatura dell'Ucraina.

Diversi membri della NATO nell'Europa orientale stanno premendo per un'adesione rapida per il loro vicino, ma altri, inclusi Stati Uniti e Germania, sono visti come più titubanti.

Il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha avvertito lunedì che l'adesione dell'Ucraina alla Nato avrebbe "conseguenze negative per l'intera architettura della sicurezza, che è per metà distrutta come in Europa".

L'adesione dell'Ucraina "rappresenterebbe un pericolo assoluto, una minaccia per il nostro Paese, che richiederà da parte nostra una reazione abbastanza ferma e chiara", ha detto Peskov.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending