Seguici sui social

Bulgaria

Un accordo dannoso per l’Europa e potenzialmente rovinoso per la Bulgaria.

SHARE:

Pubblicato il

on

Bulgaria’s Prime Minister will address MEPs on Wednesday in Strasbourg. Prime Minister Denkov is set to outline his views on the challenges facing Europe and its future. One issue that he could address is an extraordinary agreement made under a previous Bulgarian administration that undermines EU energy sovereignty – writes Dick Roache

L’accordo Botas – Bulgargaz, negoziato da due imprese statali senza il contributo dell’UE, avvantaggia Russia e Turchia, apre un varco nell’UE per il gas russo rinominato, calpesta i principi dell’UE e mina in modo significativo la “sovranità energetica” dell’UE. 

Lo Sfondo

Il 3 gennaio la società statale bulgara Bulgargaz e la sua consociata Bukgartransgaz hanno firmato un accordo con la controparte statale turca BOTAS.

L'accordo è stato firmato meno di un mese prima delle quinte elezioni generali bulgare in due anni. L'accordo fu elogiato dall'allora ministro bulgaro dell'Energia, Rosen Hristov. Il ministro Hristov ha affermato che l'accordo ha risolto un problema per la Bulgaria dandole l'accesso alle infrastrutture turche necessarie per caricare il gas naturale liquefatto consentendo alla Bulgaria di acquistare gas da tutti i produttori internazionali.  

Il ministro turco ha elogiato l'accordo perché consente alla Bulgaria di trasportare circa 1.5 miliardi di metri cubi di gas all'anno, contribuendo ad aumentare la sicurezza degli approvvigionamenti nell'Europa sudorientale.

Sebbene nessuno dei due ministri abbia approfondito nel dettaglio la questione della fonte del gas oggetto dell'accordo, questione di una certa importanza per uno Stato membro dell'UE, la Reuters ha riferito che il ministro Hristov avrebbe commentato che, sebbene la Bulgaria non possa controllare il gas che entrerebbe nel suo paese, le linee di trasporto del gas si assicurerebbero che firmi accordi per consegne di GNL che non provengano dalla Russia”. 

pubblicità

Contesto dell'affare

Le spiegazioni fornite dai due Ministri quando è stato “firmato” l'accordo BOTAS-Bulgargaz ne minimizzano notevolmente l'importanza.

Il contesto in cui è stato negoziato l’accordo è importante per comprenderne l’importanza.

Nel 2022 il presidente Putin ha parlato apertamente della sua ambizione di trasformare la Turchia in un hub russo del gas per l’Europa. Il presidente russo ha considerato un hub del gas in Turchia come il modo migliore per compensare la capacità di transito del gas con la chiusura dei gasdotti Nord Stream.

Il presidente Erdogan ha appoggiato con entusiasmo l’idea suggerendo che Trace, al confine con Bulgaria e Grecia, sarebbe il luogo ideale per l’hub. Il presidente turco ha inoltre promosso la BOTAS, di proprietà statale turca, come partner ideale per fornire gli interconnettori necessari per servire un hub russo.

Un rapporto dell’AP dell’ottobre 2022 riportava che il presidente Erdogan confermava che le autorità turche e le loro controparti russe avevano ricevuto istruzioni di “avviare immediatamente il lavoro tecnico sulla proposta russa”. Nello stesso rapporto, il ministro degli Esteri turco ha chiarito che l’hub russo è destinato a facilitare il movimento del gas russo “verso i paesi europei che lo vogliono perché non considerano più Nord Stream 1 e 2 come condotti affidabili”.

Cambiare il marchio del gas russo e indebolire la “sovranità energetica” dell’UE.

L’hub del gas Trace, una volta operativo, farà molto di più che sostituire la capacità di transito che la Russia ha perso con la chiusura dei gasdotti Nord Stream, ma fornirà anche alla Russia la “soluzione alternativa” perfetta per minare qualsiasi ambizione dell’UE di svincolarsi dai combustibili fossili russi. combustibili dopo il 2027.

Il nuovo hub sarà un'efficace "lavanderia a gettoni" in cui il gas proveniente dalla Russia potrà essere miscelato con il gas di altri paesi produttori - compresi potenzialmente altri produttori sanzionati - rinominato "gas turco" e quindi pompato in Europa.  

Anche la Turchia sarà uno dei principali beneficiari. Quando Trace Hub diventerà operativo, la Turchia prevede di ricavare entrate significative dalla sua attività. Il BOTAS di proprietà statale sarà un beneficiario: più affari più profitto potenziale.  

Oltre ai significativi vantaggi finanziari che il nuovo hub può offrire alla Turchia, fornirà anche alla Turchia un’importante leva politica da utilizzare nei suoi rapporti con l’UE. L’hub renderà la Turchia un “custode” di fondamentale importanza per le importazioni di gas dell’UE.

L’accordo BOTAS-Bulgargaz sarà fondamentale per il funzionamento dell’hub del gas Trace, fornendo il collegamento fondamentale affinché il gas lì trattato possa entrare nelle reti del gas dell’UE.

Male per la Bulgaria

The full details of the BOTAS -Bulgargaz agreement have still to be made public. The details that are available suggest that the arrangements deliver limited tangible benefits to Bulgaria – as opposed to Bulgargaz -and could in fact cost the country dearly.

L'accordo prevede che l'intera capacità nel punto chiave di interconnessione tra le reti di trasporto del gas bulgaro e turco sia riservata esclusivamente a BOTAS e Bulgargaz.

Gli operatori privati ​​bulgari non potranno prenotare capacità, il che significa che un concorrente bulgaro che desideri importare GNL tramite terminali turchi non sarà autorizzato a farlo.

Oltre a contraddire l'affermazione del ministro bulgaro dell'Energia, Rosen Hristov, al momento della firma dell'accordo, l'accesso discriminatorio alla capacità di trasmissione previsto nell'accordo è un ulteriore esempio di come Bulgargaz sfrutta ogni opportunità per ostacolare la concorrenza sul mercato bulgaro.

L'accordo fornisce a Bulgargaz la capacità di importare 1.85 miliardi di metri cubi di gas all'anno attraverso il punto chiave di interconnessione per il quale sarà tenuto a pagare al BOTAS una tariffa di servizio annuale di 2 miliardi di euro. La tariffa deve essere pagata per intero indipendentemente dal fatto che Bulgargaz utilizzi o meno la piena capacità. Oltre a vedere Bulgargaz e i suoi clienti gravati da un conto molto salato, questo requisito fornirà all'impresa statale, notoriamente ostile alla concorrenza del settore privato, un ulteriore incentivo per comportamenti anticoncorrenziali.

The agreement provides BOTAS with access to Bulgarian pipelines, for which a €138 million annual fee will be charged. It will also allow the Turkish operator to sell gas to consumers in Bulgaria and in neighbouring countries, a concession seen by many as ironic given Bulgargaz’s hostility to homegrown competition in Bulgaria.

Opposizione all'accordo

Fin dall’inizio, i commercianti di energia dell’UE hanno segnalato preoccupazioni riguardo all’accordo BOTAS-Bulgargaz. Sono state sollevate obiezioni sulla posizione preferenziale che l'accordo garantisce a Bulgargaz. Sono state sollevate preoccupazioni sul fatto che l’accesso discriminatorio alla capacità di trasporto, una parte centrale dell’accordo, ostacolerà ulteriormente la concorrenza nel già limitato mercato bulgaro del gas. I commercianti di gas hanno chiesto alla Commissione europea di indicare se l’accordo è in linea con i principi del mercato dell’UE.  

Il governo bulgaro entrato in carica il 6th Anche June ha fatto capire di nutrire seri dubbi.

Poco dopo il suo insediamento il primo ministro Nikolay Denkov ha definito l’accordo “non trasparente e non redditizio”. Il ministro dell'Energia Rumen Radev, successore di Rosen Hristov, ha avuto una visione radicalmente diversa dell'accordo BOTAS-Bulgargaz rispetto al suo predecessore. Laddove Hristov aveva descritto l’accordo come una soluzione al problema relativo a un deficit infrastrutturale che ostacolava le importazioni di GNL, il ministro Radev lo ha visto come un potenziale costo di miliardi per la Bulgaria senza apportare alcun beneficio.

All'inizio di agosto il governo bulgaro ha indicato che l'accordo con BOTAS sarebbe stato studiato nell'ambito di una revisione delle politiche del governo tecnico che lo ha preceduto. 

Nel mese di ottobre l'amministrazione Denkov ha annunciato l'introduzione di una tassa di 10 euro per megawattora sul gas russo trasportato attraverso il territorio bulgaro.

La nuova tassa è stata descritta dai funzionari bulgari come se rendesse meno redditizio per Gazprom spedire gas attraverso la Bulgaria, contribuendo a ridurre la dipendenza dell’UE dai combustibili fossili russi e costringendo i paesi europei a passare a fonti energetiche alternative.  

Le difficoltà nell'individuare il paese d'origine del gas che passerà attraverso la “lavanderia a gettoni” in fase di creazione a Trace potrebbero frustrare queste aspirazioni. Considerato questo problema, alcuni vedono la nuova tassa come un tentativo di invertire il danno reputazionale arrecato alla Bulgaria agli occhi dei partner dell’UE dall’accordo BOTAS-Bulgargaz piuttosto che una soluzione ai problemi creati dall’accordo.  

La Commissione europea ha inoltre fatto sapere che intende avviare un'indagine anche sull'accordo BOTAS-Bulgargaz.

Non è la prima volta che Bulgargaz finisce nel mirino della Commissione. I miglioramenti derivanti dagli interventi precedenti sono stati rapidamente invertiti, anche grazie all’elevato livello di sostegno politico su cui Bulgargaz ha sempre potuto contare.

Resta da vedere se Bulgargaz, firmando un accordo che potrebbe costare caro alla Bulgaria, abbia oltrepassato la linea rossa minando il sostegno politico interno di cui ha storicamente goduto. Ciò che è certo è che i molteplici difetti dell’accordo BOTAS-Bulgargaz, il sostegno aperto che dà alla Russia per aggirare un obiettivo strategico dell’UE, la leva che dà alla Turchia per influenzare la politica dell’UE, e l’aperto disprezzo per i principi dell’UE che esso riflette dà alla Commissione una “mano più forte” di quella di cui ha goduto in precedenti occasioni. Sarà interessante vedere come la Commissione utilizzerà questa mano.  

Dick Roche è un ex ministro irlandese per gli affari europei ed ex ministro dell'ambiente. 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending