Seguici sui social

Africa

Regno Unito e Angola: chi consiglia chi?

SHARE:

Pubblicato il

on

I delegati alle Nazioni Unite sono rimasti sbalorditi alla fine dello scorso anno quando l'Angola ha offerto una guida economica al Regno Unito.

In effetti, l'Angola impoverita che consigliava il formidabile Regno Unito, classificata come quinta o sesta economia più grande a livello globale a seconda della misurazione, è apparsa piuttosto audace. Gli osservatori sono rimasti sconcertati, chiedendosi se questo indicasse lo stato della nazione di Rishi Sunak o mostrasse un'eccessiva sicurezza da parte dell'Angola.

Tuttavia, l'Angola ha raccomandato al Regno Unito di adottare un'urgente strategia di riduzione della povertà e di attuare nuove misure per proteggere i suoi cittadini dall'escalation della crisi del costo della vita. Secondo la Banca mondiale, questo suggerimento è arrivato da un paese in cui circa un terzo della popolazione vive in povertà (guadagnando meno di 2.15 dollari al giorno). In Angola, la disoccupazione è in aumento e la nazione è alle prese con le bollette domestiche in aumento.

È raro che una nazione africana del sud suggerisca cambiamenti di politica economica a uno stato globale del nord. I critici del governo conservatore, guidato da Rishi Sunak, hanno abbracciato l'iniziativa dell'Angola, sostenendo che segnalava la diminuzione della posizione internazionale del Regno Unito.

Kartik Raj di Human Rights Watch (HRW) ha sottolineato la gravità del messaggio, avvertendo: "Quando un paese con un tasso di povertà estremamente elevato pone una simile domanda al Regno Unito, il governo dovrebbe ascoltarla piuttosto che ignorarla".

Mentre Sunak ei suoi alleati sono apparsi perplessi e poco impressionati, la risposta a Luanda, la capitale dell'Angola, è stata altrettanto contrastante. Gli avversari del governo di João Lourenço hanno respinto la proposta come una palese distrazione dalle critiche nei confronti del partito al governo MPLA e della fragile economia angolana.

Lourenço ei suoi collaboratori hanno citato prove della ripresa economica in Angola. La nazione è recentemente emersa da una recessione quinquennale e, in qualità di fornitore di petrolio, è pronta a beneficiare del previsto aumento sostenuto dei prezzi globali dell'energia. Le agenzie di rating hanno migliorato l'affidabilità creditizia dell'Angola e hanno elogiato la riduzione del debito pubblico. Un accordo triennale con il FMI è stato concluso con successo e le restrizioni per il COVID-19 sono state revocate.

pubblicità

Tuttavia, permangono timori che la ripresa sia tenue e persistono rischi considerevoli. Ad esempio, i bassi voti di Fitch per la stabilità politica, lo stato di diritto e i diritti umani impediscono all'Angola di ottimizzare le entrate petrolifere per il benessere di tutti i suoi cittadini.

Diversi casi di alto profilo di abuso del potere statale hanno eroso lo stato di diritto. Nel 2018, a seguito di una vittoria presso l'Alta Corte di giustizia inglese, il finanziere angolano-svizzero Jean-Claude Bastos è stato incarcerato per sei mesi senza processo nel tentativo di fargli pressioni affinché facesse concessioni in una disputa commerciale tra le parti. Questo ha innervosito i venture capitalist e dissuaso gli investimenti internazionali molto tempo dopo il suo rilascio.

Nel 2019, pagamenti vicini a $ 100 milioni sono stati trattenuti da LS Energia e APR Energy per un periodo prolungato. Sebbene i funzionari angolani alla fine abbiano risolto i pagamenti, le controversie hanno causato tremori a Washington, DC e relazioni tese con gli Stati Uniti.

Nel 2020, i soldi sono stati trattenuti dallo sviluppatore immobiliare statunitense Africa Growth Corporation, che costruisce alloggi a prezzi accessibili per espatriati e spazi per uffici al dettaglio per società straniere in Africa, dopo che il governo angolano ha sequestrato le sue proprietà, beni e conti bancari. Una perdita iniziale di $ 95 milioni di AFGC è stata ridotta della metà in un accordo negoziato tra la società e il governo angolano come parte del frenetico tentativo di AFGC di recuperare fondi per gli investitori. Ma da allora il vice procuratore generale dell'Angola ha negato che un simile accordo fosse stato mediato, costringendo l'AFGC ad assorbire la perdita per il momento.

In quanto nazione produttrice di petrolio con un'economia non diversificata, l'attuale forza economica dell'Angola dipende fortemente dai prezzi dell'energia. Poiché l'Angola si trova di fronte a un futuro post-petrolio, è fondamentale accumulare ricchezza sufficiente per sostenere le generazioni future. Navigare nella transizione verso il carburante verde richiede livelli di istruzione più elevati, un prezioso sviluppo di competenze, in particolare nella tecnologia digitale, un aumento degli investimenti esteri diretti e la creazione e la crescita di nuovi settori.

In queste aree, la Gran Bretagna, attualmente vulnerabile a causa della mancanza di energia interna ma tradizionalmente robusta nella tecnologia e storicamente attraente per gli investitori esteri, potrebbe offrire assistenza. Forse le due nazioni hanno lezioni preziose da condividere dopo tutto.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending